Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La forza muscolare nella Pallanuoto: confronto tra dilettanti e professionisti

Con questo lavoro ci si propone di iniziare a quantificare le capacità fisiologiche del pallanuotista.
L’obiettivo di questa ricerca è quello di comparare la forza muscolare tra i pallanuotisti dilettanti e quelli professionisti, al fine di migliorare l’allenamento di questa importante capacità.
Il test che abbiamo utilizzato per la valutazione della forza muscolare degli arti inferiori consiste nella somministrazione di un carico legato a un giubbotto indossato da ciascun atleta in acqua e nell’annotazione del tempo di sopportazione.
Per la valutazione della forza degli arti superiori ci siamo avvalsi di due test: il primo riguarda la distensione su panca piana con bilanciere, mentre per il secondo è stata richiesta una tirata sotto panca.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO 1 – INTRODUZIONE 1.1 Obiettivi della ricerca Fino a dieci anni fa non esistevano rilevazioni di tipo valutativo funzionale nella disciplina della Pallanuoto. Con questo lavoro ci si propone di iniziare a quantificare le capacità fisiologiche del pallanuotista. L’obiettivo di questa ricerca è quello di comparare la forza muscolare tra i pallanuotisti dilettanti e quelli professionisti, al fine di migliorare l’allenamento di questa importante capacità. 1.2 La pallanuoto La pallanuoto [1] è uno sport di squadra acquatico nato nel XIX secolo in Inghilterra e in Scozia. Una partita di pallanuoto vede affrontarsi due squadre, ognuna rappresentata in campo da sette giocatori, chiamati pallanuotisti o pallanotisti, che possono essere sostituiti nell'arco della partita per un numero illimitato di volte, con altri sei giocatori presenti in panchina. Nuotando in uno specchio d'acqua gli atleti devono mettere il pallone per il maggior numero di volte possibile nella porta avversaria (vige per tutto l'incontro, tranne che per il portiere, il divieto di toccare la palla con entrambe le mani contemporaneamente). Ogni volta che ciò avviene si effettua un punto (detto gol o rete).

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Luca Solms Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4815 click dal 18/01/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.