Skip to content

"Mani grandi, senza fine" di Laura Curino. Analisi dello spettacolo

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Trevisan
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Roberta Carpani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 136

Mani grandi, senza fine. Nascita e ascesa del design a Milano: questo è il titolo dello spettacolo teatrale che vede in scena le storie di sei designer milanesi che hanno fatto la storia della città di Milano, grazie alle loro opere: i fratelli Castiglioni, Marco Zanuso, Roberto Menghi, Vittoriano Viganò, Vico Magistretti ed Ettore Sottsass. Ciascuno di essi è protagonista dello spettacolo teatrale, ma le loro vicende sono affrontate dall'attrice-autrice Laura Curino da un punto di vista molto particolare, quello cioè degli oggetti che li hanno accompagnati lungo tutta la loro carriera.
Con questo lavoro si è cercato di fornire un'analisi completa dello spettacolo, rappresentato per la prima volta in occasione del Cinquantesimo del Salone del Mobile nelle serate del 11 e del 12 Febbraio 2011, presso il Piccolo Teatro Studio Expo.
Nel primo capitolo di questo elaborato è stato fornito il contesto storico che ha anticipato e influenzato la crescita professionale dell'attrice-autrice Laura Curino. A partire dal Nuovo Teatro dell'immediato secondo dopoguerra, le cui prime anticipazioni sono sorte in America, per poi diffondersi anche nel panorama europeo, sono stati fatti accenni alle principali innovazioni teatrali del periodo: il Living Theatre, il fenomeno dell'happening e il Teatr Laboratorium di Grotowski, senza però dimenticare alcuni tra i personaggi che hanno lasciato un'impronta indelebile nella storia del teatro, come Peter Brook, Carmelo Bene e Eugenio Barba. Passando poi alle neo avanguardie degli anni '70, si è indagato con più profondità sulla nascita e sugli sviluppi del Laboratorio Teatro Settimo: gruppo teatrale nato nel 1981 a Settimo Torinese, che fin dagli esordi ha voluto distanziarsi dalle correnti in voga nel periodo, alla costante ricerca di un modo diverso per narrare la realtà. In particolare si è voluto concedere maggiore attenzione allo spettacolo itinerante Stabat Mater (1989), a cui parteciparono oltre a Laura Curino, anche Lucilla Giagnoni, Mariella Fabbris e Roberto Tarasco, segnando una svolta nelle loro carriere di attori. Una parte consistente del primo capitolo è dedicata al teatro di narrazione, a partire dalla svolta rappresentata dagli spettacoli Kohlhass di Marco Baliani (1989), Passione (1993) di Laura Curino e Il racconto del Vajont (1993) di Marco Paolini. L'ultimo paragrafo è dedicato all'attività teatrale degli ultimi anni di Laura Curino, che non ha mai smesso di narrare le sue storie.
Nel secondo capitolo invece è stata realizzata l'analisi dello spettacolo teatrale, a partire dalla linea narrativa che percorre l'intero lavoro: qui vengono sottolineate le origini dello spettacolo, nato come tappa di un progetto intitolato Realizzare l'improbabile, di Manolo De Giorgi, Andrea Kerbaker e Italo Lupi, in rappresentanza della Fondazione Bassetti; di seguito viene fatta una panoramica sull'Italia del secondo dopoguerra, in cui si collocano i sei designer protagonisti e dei quali è stata realizzata una breve presentazione. Segue uno schema di analisi della struttura testuale dello spettacolo, che non presenta una divisione interna evidente, ma ad un'analisi più attenta il testo teatrale può essere suddiviso in otto sezioni: infatti, a parti prettamente narrative con cui viene raccontato il contesto storico del dopoguerra, seguono i monologhi dei personaggi-oggetto. Il secondo paragrafo si occupa del testo: due testimonianze dirette del designer Ettore Sottsass, tre dialoghi immaginari tra personaggi fittizi, cinque monologhi dei personaggi-oggetto e infine tre citazioni di opere letterarie. Il linguaggio viene giustificato grazie alla testimonianza di Gabriele Vacis, compagno fondatore del Settimo insieme all'attrice. Nel paragrafo successivo invece viene affrontata l'analisi dell'azione scenica e dell'uso dello spazio, sottolineando in particolare i movimento sulla scena dell'attrice- autrice e l'utilizzo singolare di tre diversi leggii durante la narrazione.
Il quarto paragrafo si occupa dell'indagine sui personaggi-oggetto: si tratta di oggetti di uso comune e non tutti sono opere dei sei designer. Per questo motivo compaiono cinque oggetti veri e propri, uno per ciascun designer: lo specchio dello studio dei fratelli Castiglioni, la poltrona Lady di Marco Zanuso, la casa di Vittoriano Viganò, la finestra dello studio di Vico Magistretti e il coccio di ceramica di Ettore Sottsass. Solamente Roberto Menghi si distingue dal gruppo, dato che è descritto da Arlecchino, un personaggio fittizio liberamente ispirato all'Arlecchino servitore di due padroni di Goldoni e scelto da Laura Curino perché porta lo stesso nome del cinema progettato dal designer.
Il quinto paragrafo si occupa della scenografia, con particolare attenzione per le immagini e i video proiettati sullo sfondo, mentre l'ultimo analizza l'uso delle luci e della musica durante la messa in scena.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Mani grandi, senza fine. Nascita e ascesa del design a Milano: questo è il titolo dello spettacolo teatrale che vede in scena le storie di sei designer milanesi che hanno fatto la storia della città di Milano, grazie alle loro opere: i fratelli Castiglioni, Marco Zanuso, Roberto Menghi, Vittoriano Viganò, Vico Magistretti ed Ettore Sottsass. Ciascuno di essi è protagonista dello spettacolo teatrale, ma le loro vicende sono affrontate dall'attrice-autrice Laura Curino da un punto di vista molto particolare, quello cioè degli oggetti che li hanno accompagnati lungo tutta la loro carriera. Con questo lavoro si è cercato di fornire un'analisi completa dello spettacolo, rappresentato per la prima volta in occasione del Cinquantesimo del Salone del Mobile nelle serate del 11 e del 12 Febbraio 2011, presso il Piccolo Teatro Studio Expo. Dato il successo riscontrato, lo spettacolo è stato riproposto anche quest'anno per un'intera settimana, sempre in concomitanza con il Salone del Mobile, dal 17 al 24 aprile. Una parte centrale della questione era proprio l'unione tra creatività d'artista, di progettista, di architetto e di aziende che producono. Cioè qualche cosa che ha cambiato radicalmente non solo le tecniche, ma anche il pensiero di tantissimi artigiani della Brianza Milanese. Lì è accaduto che attraverso l'incontro non sono cambiate solo le tecniche, ma è cambiato il modo di pensare e di ragionare di queste persone, è cambiato il mercato, è cambiato il mondo. Questi oggetti hanno cambiato il mondo 1 . In questa affermazione di Laura Curino, si cela la motivazione principale che ha portato questa grande attrice-autrice ad occuparsi di un argomento come quello del 1. Tratto dall'intervista realizzata con Laura Curino, per approfondimenti consultare l'Appendice Documentaria C, allegata all'elaborato. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

milano
spettacolo teatrale
design
designer
intervista
sottsass
copione
passione
piccolo teatro
laura curino
teatro di narrazione
salone del mobile
castiglioni
viganò
mani grandi
zanuso
menghi
magistretti
manolo de giorgi
lucio diana
stabat mater
fondazione bassetti
monologo teatrale
laboratorio teatro settimo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi