Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

D.Lgs. 231/2001 e attori del controllo: recenti criticità e nuove prospettive.

Il lavoro svolto è incentrato sulla valutazione dell'opportunità del provvedimento, introdotto dalla Legge di Stabilità 2012, che consente di accorpare la funzione dell'organismo di vigilanza ex D.Lgs. 231/2001 in capo al collegio sindacale.
L'elaborato si sviluppa nei seguenti punti:
- complessità del sistema dei controlli societari e recenti interventi normativi tesi alla razionalizzazione dei controlli: focus sulla novità introdotta dalla Legge di stabilità 2012 in materia 231;
- disciplina del collegio sindacale e dell'organismo di vigilanza (l'analisi dei profili attinenti la composizione e il ruolo ricoperto è di fondamentale importanza per valutare se le funzioni svolte dai due organi in questione sono sovrapponibili);
- tesi favorevoli e contrarie all'accorpamento di funzioni;
- tendenze sulla configurazione dell'organismo di vigilanza e sull'attribuzione delle sue funzioni al collegio sindacale (indagine empirica sulle società industriali del FTSE MIB e confronto con indagini empiriche di autorevole fonte svolte in epoche precedenti).

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Numerosi scandali finanziari, nonché l'emergere di nuove problematiche legate ai mercati e ai mutati contesti economici, hanno provocato un ripensamento delle maggiori questioni riguardanti il governo societario e hanno reso necessario l'intervento del legislatore. Intervento al tempo stesso indotto dalla globalizzazione dei mercati, nei quali il tema del governo societario ha progressivamente assunto significato anche per le piccole e medie imprese, come fattore di sviluppo della competitività. Negli ultimi dieci anni, con molteplici e articolati interventi normativi, il legislatore è intervenuto più volte per modificare l'assetto della governance societaria. A un primo profondo intervento di riforma delle società di capitali e cooperative, contenuto nel D.Lgs. 6/2003, sono succeduti diversi provvedimenti, taluni volti a completare la nuova disciplina, altri destinati a incidere nuovamente dove già si era intervenuti. Ciò che si pone in evidenza è che il generale ammodernamento della struttura organizzativa esige l'identificazione di più efficienti meccanismi di controllo, ambito in cui i nodi ancora aperti sono numerosi. Anche in questo contesto spesso gli interventi non sono stati coerenti dal punto di vista sistematico, determinando talvolta delle incongruenze con il quadro normativo esistente e costringendo a ulteriori interventi “riparatori”. Il presente lavoro di tesi si propone di esaminare il tema della razionalizzazione dei controlli con riferimento alla funzione dell'organismo di vigilanza ex D.Lgs. 231/2001, 1

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Elena Fanchini Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5623 click dal 18/01/2013.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.