Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Secondo emendamento e porto d'armi negli Stati Uniti: un diritto discusso

La mia tesi di Laurea triennale focalizza l'attenzione sul Secondo emendamento americano e sul dibattito che da sempre verte intorno ad esso: è giusto che i cittadini americani abbiano il diritto di detenere armi da fuoco, nonostante le stragi che accadono ogni anno negli Stati Uniti?

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Da anni le cronache ci informano sulle stragi avvenute nei campus americani in seguito a sparatorie, spesso ad opera di folli che non distinguono la realtà da una realtà virtuale (video-game). La scelta di parlare del Secondo emendamento è scaturita dall'esigenza di individuare i motivi a suo sostegno sia al momento della sua elaborazione, sia successivamente. Tale emendamento, infatti, estende ai privati cittadini la possibilità di possedere e usare armi, legittimata durante la Guerra d'Indipendenza e negli anni immediatamente successivi, quando era urgente il bisogno di proteggersi da invasioni esterne armando il popolo che, al momento opportuno, sarebbe andato a formare la milizia cittadina. Scopo di questa tesi è anche quello di capire se il Secondo emendamento conservi una reale fondatezza nell’attuale società americana o se sia utilizzato sia per consentire alle industrie produttrici di armi di continuare a prosperare, sia per difendere l’occupazione lavorativa che queste settore offre. Dapprima verrà analizzato il contesto legislativo in cui questo emendamento è inserito, ossia la Carta dei Diritti. Successivamente si passerà all'esegesi del testo, perché l'analisi del significato delle parole usate in una legge risulta fondamentale per la sua comprensione e applicazione. Verranno analizzate le motivazioni che portano liberali e protezionisti a motivare le rispettive tesi. Sarà fatta anche un’analisi della realtà canadese per poter operare un confronto fra questa e quella statunitense. Per ultimo, saranno analizzate alcune proposte avanzate recentemente per la risoluzione del problema.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federica Bardicchia Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3668 click dal 22/01/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.