Skip to content

Cloud Computing, quello che la tecnologia vuole

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Napoletano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Culture Digitali e della Comunicazione
  Relatore: Derrick De Kerckhove
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

Nel corso della mia esperienza universitaria ho maturato un vivido interesse per le implicazioni socio-psicologiche della tecnologia, interesse che non è potuto che aumentare grazie alla collaborazione con il Professore Derrick De Kerckhove.
Ho presto imparato che lo sviluppo tecnologico non è dovuto al solo avanzamento tecnico, ma anche ad una maturazione psicologica e cognitiva tanto della tecnologia, tanto di chi la utilizza.
Ho riscontrato per questo motivo nel cloud computing non solo la forza metaforica che nasconde nell'etericità l'immanenza della nostra progressiva immersione nella nebulosa dei servizi ICT, ma una vera e propria rivoluzione del nostro essere nel/del mondo.
Se come scriveva Heidegger: "la tecnica non è semplicemente un mezzo. La tecnica è un modo di disvelamento" ho cercato di disvelare nel cloud computing l'asset socio-culturale che lo sorregge:
non solo potere economico e mercato, sviluppo tecnologico, ma anche nuove condizioni cognitive ed esperienziali, diverse elaborazioni spazio-temporali, e dunque nuove aperture di senso per una società e una persona digitale.
Con “Cloud Computing, quello che la tecnologia vuole” lancio una provocazione, perché se è lapalissiano affermare che non esiste un volere della tecnologia, se non quello che si co-produce reciprocamente nel processo dialogico con il sociale, è altresì evidente che la tecnologia segue per l'incremento della complessità e della specializzazione una tendenza evolutiva riscontrabile anche nell'evoluzione biologica della vita.
E la storia dell'evoluzione tecnologica è la Nostra storia, il nostro diventare organismo potenziato o, per l'appunto, Persona digitale.
Processo di lunghissima durata che inizia con la fornitura dell'energia elettrica, corrispettivo della struttura muscolare dell'Io elettronico, e che continua con l'introduzione della computazione che caratterizza l'evoluzione e la maturazione di una struttura neuronale simultanea ma estranea a quella biologica. Oggi, con il cloud computing, questa mente accresciuta non è solo memoria estesa, ma processore d'intelligenza.
Se quindi era doveroso illustrare le caratteristiche del cloud computing nella prima parte del lavoro, il focus della tesi è dedicato agli effetti di questo media ubiquo e liquido sull'architettura della conoscenza e della coscienza, effetti che ridefiniscono la natura stessa della persona, la sua individualità, il suo essere.
Innanzitutto ho delineato i contorni socio-economici della società digitale, caratterizzati dalla definitiva affermazione del modello della “long tail”, non solo propedeutico per il cloud ma alla base del suo successo. Ho evidenziato quali sono gli effetti del consumismo psicologico della tecnologia sull'individuo servendomi della nozione della “narcosi di Narciso” proposta da McLuhan, integrandola con la riflessione di Kierkegaard sul concetto dell'angoscia.
Successive riflessioni si concentrano sull'ambiente esperienziale quotidiano, inteso come processo attivo che muta completamente il contenuto.
A mio avviso una modificazione sostanziale è costituita dal passaggio dai “mondi possibili” (U. Eco) dei romanzi, dei film, dei programmi televisivi, alla “bassa discontinuità” che emerge tra offline e online: essi, infatti, si impongono come due livelli di un'esperienza unitaria e non come due mondi paralleli ed alternativi, in relazione problematica tra loro. Quindi ho cercato di rintracciare le forze
genealogiche di questo nuovo ambiente-mondo ricostruendo le tappe ed i meccanismi di sviluppo cognitivo delle tecnologie elettriche e digitali a partire dal telegrafo.
Altro punto cruciale d'analisi è la nozione di inconscio digitale rapportato a recenti eventi tratti dalla cronaca giornalistica, segnali deboli di futuro. A mio avviso questo inconscio è proteiforme e polisemico e non si esaurisce nell'operativizzazione dei dati sedimentati on-line.
In particolar modo propongo una riflessione sul significato inconscio del “linguaggio on-line”, una sorta di visible speech che contiene una dimensione latente che deve essere riconsiderata per preservare la comunicazione nell'era dei media sociali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La metafora del cloud computing è l'ultima dei prodotti di uno specifico simbolismo. Sicuramente la sua enfasi sull'etericità è testimone di quella dimensione globale tipica dell'epica elettronica, che con gli slogan dell' anything, anywhere, anytime ha la pecca di nascondere nella trascendenza l'immanenza delle sue logiche 1 . In questo senso, il “cloud 2 ” diventa metafora della nostra progressiva immersione nella nebulosa dei servizi ITC (Information and Communication Technology) e della loro pervasiva insedimentazione nelle normali pratiche di vita, nel lavoro e nel tempo libero. Ma se il futuro è la “nuvola”, nel cielo siamo giunti con anni di progressiva assimilazione e fidelizzazione con servizi quali l'email, Google, Skype, YouTube, Twitter, Wikipedia, MySpace, SecondLife, Warcraft, solo per citare alcuni delle centinaia di servizi caratteristici dell'epopea del Web 2.0. Non è un caso, infatti, se alcuni osservatori considerano il cloud come un'abile trappola del marketing (Richard Stallman 3 ), come il tentativo di ottenere economie di profitto da servizi già esistenti ed utilizzati da milioni di persone in ogni angolo del pianeta. D'altronde, le aziende che cercano da anni un nuovo modello di business per la Rete, dopo la rovinosa caduta della web-economy avvenuta a cavallo degli anni 2000, hanno trovato nel cloud uno strumento da utilizzare per procedere ad una lucrosa industrializzazione del settore ITC. Ma questo non è l'unico motivo dell'affermazione del cloud computing. Se come scriveva Heidegger: <<la tecnica non è semplicemente un mezzo. La tecnica è un modo di disvelamento 4 >>, dis-velare l'essenza di una tecnologia 1 Petullà L. (2009), Media e computer liquidi, Lampi di stampa, Milano. 2 Userò in alcuni casi il termine “cloud” come abbreviazione di Cloud Computing, in altri ancora potrei preferire la traduzione italiana “nuvola” come sinonimo. 3 Stallman R. (2011) – http://stallman.org/ 4 Heidegger M (1976), Saggi e discorsi, Mursia, Milano. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

media
tecnologia
de kerckhove
computing
personal
facebook
twitter
cloud computing
intelligenza collettiva
cloud
nuvola
inconscio digitale
hibrid cloud
mcluhan
evoluzione tecnologica
servizi ict
linguaggio online
media liquido
io elettronico
media sociale
mente accresciuta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi