Skip to content

Rappresentazioni di un’eroina ambigua: Giuditta nella Bibbia e in due componimenti medievali inglesi

Informazioni tesi

  Autore: Sara Castellino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Maria Elena Ruggerini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

Nel poema sono gli aspetti bellici, religioso-culturali e perfino stilistici a far sì che la narrazione di Giuditta si inserisca egregiamente nel contesto tribale di tale mondo: solo la figura della protagonista non ricalcherà il ruolo dell’eroe epico, dato che sarà solo grazie all’incrollabile fede nel dio cristiano – e non grazie alle eccezionali doti personali – che la bella vedova sarà in grado di avere la meglio, anche militarmente, sul nemico, e di riscattare infine la propria ambiguità; se nell’omelia la fedeltà di Giuditta è esaltata come fedeltà corporale, nel poema essa acquisisce rilievo, dunque, nella sua persistenza spirituale.
L’ultimo paragrafo contenuto nella presente trattazione, il quale si discosta da quelli precedenti per il carattere prettamente analitico, consiste in un’indagine comparativa sugli usi sintattici – qui indagati come strumento, forse inconsapevole, per raggiungere determinati risultati narrativi – all’interno di due brevi campioni provenienti dall’omelia e dal poema di Giuditta.
Nello specifico, il nostro proposito è quello di verificare se la disposizione sintattica degli elementi contenuti, in entrambe le opere, nella scena culminante – quella della decapitazione del pagano – confermi o meno la diminuzione della responsabilità attribuita a Giuditta, in favore di quella assegnata a Dio, così come emerge nella trattazione che precede tale paragrafo; con tale intento forniamo un impianto teoretico relativo alle regole sintattiche nei due generi di appartenenza delle opere (quello lirico e quello prosastico, con la dovuta attenzione alla peculiare prosa allitterativa di Ælfric), basato in particolare sul manuale di sintassi dell’antico inglese di Bruce Mitchell; a tale impianto faremo riferimento per l’analisi del nostro corpus.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
ABSTRACT The most original factor to distinguish the biblical Book of Judith lies in the extreme ambiguity of its central character: Judith, a prestigious widow from the small Hebrew village of Bethulia, appreciated because of her deep religiosity and irrepressibly pious conduct, turns herself into a shrewd temptress – almost paradoxically inspired by God – to save her nation, concocting a bold plan which not only does involve the killing of her enemy Holofernes, but also the deceitful use of her physical beauty, unusual fact for a Christian heroine. The aim of this dissertation is to investigate the changes through which Judith goes, from her appearance in the 2 nd cent. B.C. to the two Anglo-Saxon works titled after her – namely the anonymous poem and the homily, written by Abbot Ælfric, both composed between the 10 th and the 11 th cent. Furthermore, we will attempt to illustrate the reason why, up until medieval times, the Book of Judith was deemed exemplar and as such to be suitable to convey the message of its English authors. To this purpose, in the first part of our work we have provided a report of the original character’s features as they emerge from the analysis of its alleged literary and religious influences, both biblical and extra-biblical. Firstly, the survey has drawn a deep parallelism between Judith and Ugaritic, Assyrian and Greek divinities, but also between her narration and Herodotus’ Histories and other extra-religious sources; secondly, it has highlighted Judith’s connections with those characters in the Old Testament which seem to have influenced her author, from the Books of Pentateuch to those of Wisdom, not leaving aside the Historical Books, among which the story of our heroine finds its place. The portrait thus obtained seems to illustrate Judith’s deep ambiguity: on the one hand, she appears to be a benign saviour of the community – thus resembling the figures of Judges in the Prophets’ Books – as well as a sage figure, divinely chosen and fitting the role of God’s bride – like the goddesses Athena and Anat; on the other hand, not only is she revealed as being a masculine warrior and hunter, but also an impious temptress and a vengeful murderer, thus reflecting the aggressive attitudes typical of tribal societies – and consequently getting closer to the heathen women guilty of idolatry in the Bible. In the second half of our dissertation, we have attended to Judith’s depersonalization at the hands of patristic exegesis, where she is turned into the mere means of God’s Will and her responsibility in beheading Holofernes – and in saving the Israelites – is sharply diminished. Instead, she incarnates Christian wisdom, chastity and faith, and is raised the tropological symbol of Ecclesia. As we have tried to demonstrate, it is in this disguise that Judith will be depicted in the Anglo-Saxon milieu, where the burden of representing an inspirational archetype of military resistance will be added to her allegorical role. In the homily, where her allegorical function is reprised and amplified, particularly in relation to the doctrinal message on Chastity, the narrative remains quite similar to the original. The emphasis on Judith’s role as ‘militant resistor’, instead, is further developed in the poem, where the poet operates modifications, cuts and additions to the biblical material – taking into account some earlier renditions – aimed at harmonizing this episode with the Anglo-Saxon taste for heroic epic, both 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

filologia
sintassi
paganesimo
esegesi
anglosassone
poema
giuditta
omelia
ælfric
figure bibliche femminili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi