Skip to content

Le dinamiche motivazionali nell'orientamento scolastico-professionale

Informazioni tesi

  Autore: Carmen Ragusa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Salvatore Castorina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

Intorno alla metà del primo secolo dopo Cristo, Seneca iniziava così il suo dialogo sulla vita felice rivolto al fratello Gallione:
«Bisogna anzitutto domandarsi cosa sia quel che noi desideriamo: e quindi cercar tutto intorno con lo sguardo la strada per cui possiamo arrivare nel modo più celere a quella meta … finché vaghiamo in qua e in là seguendo, non una guida, ma solo direzioni differenti, la nostra vita si consumerà fra rigiri, e sarà una vita breve, anche se ci sforziamo giorno e notte per acquistar la saggezza. Si stabilisca dunque dove e per dove andiamo, non senza il concorso di un esperto che abbia già bene esplorato la regione verso al quale procediamo, giacché qui la condizione non è la stessa degli altri viaggi, nei quali una qualche strada ben riconoscibile e le domande fatte agli abitanti del paese impediscono di sbagliare; qui invece le vie più trite e frequentate sono quelle che maggiormente ingannano» . In queste parole di duemila anni fa è già in sintesi il complesso problema dell’orientamento dei giovani di oggi (e non solo!).
Anche Dante, nel canto VIII del Paradiso, pone il problema con sapienza ed incisività, quando dice:
«Sempre natura, se fortuna trova/ Discorde a sé, come ogni altra semente/ Fuor di sua ragion fa mala pruova,/ E se ‘l mondo laggiù ponesse mente/ Al fondamento che natura pone,/ Seguendo lui avria buona la gente./ Ma voi torcete alla religione/ Tal che fu nato a cingersi la spada/ E fate re di tal ch’è da sermone:/ Onde la traccia vostra è fuor di strada».
Mi si permetta di avvalermi di una esperienza testimoniata dal Viglietti , che intitolò Perché ci sono anch’io?. Di fronte all’enumerazione delle meraviglie dell’universo (descritte in un libro del Ravalico Natura e Creatore, SEI, Torino, 1965) in cui si spiegava che dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande, nulla si muove e si sviluppa a caso, ma tutto converge alla realizzazione e all’armonia della vita nel suo sviluppo, ad un certo punto, un alunno gli chiese il motivo della propria permanenza in questo mondo. Viglietti raccontò la favoletta del lamento della molla dell’orologio: «nessuno mi guarda né pensa a me; guardano solo le lancette. Però se io mi allento, lancette e ingranaggi si fermano e non servono più a niente. Cosa è più importante allora?». In definitiva: tutti i pezzi erano importanti e contribuivano al buon funzionamento dell’orologio ma, affinché l’orologio funzionasse, era necessario mantenere in tensione la molla, cioè la volontà, senza la quale tutto diventava inutile. Quindi, ognuno ha una sua funzione per sé e per la vita di tutti, grande o piccola che sia, e solo esercitandola bene, cioè in armonia con le proprie aspirazioni e caratteristiche personali e sociali, ognuno potrà contribuire utilmente allo sviluppo e benessere, proprio e altrui. Ecco perché orientarsi vuol dire imparare a fare delle scelte professionali che contribuiscano a dare un senso alla nostra vita e a quella degli altri. La tematica affrontata è inerente la motivazione attraverso una digressione delle principali variabili psicologiche che concorrono alla stessa e il cui ruolo risulta pregnante in un processo come quello di orientamento. Oggi “l’orientamento” delle più accreditate teorie di orientamento è indirizzato verso l’educazione alla scelta, finalizzata a promuovere l’acquisizione di capacità indispensabili per sviluppare flessibilità cognitiva e comportamentale necessaria per rendere l’individuo in grado di assumere decisioni ed effettuare scelte in un contesto sociale, economico e culturale caratterizzato dal cambiamento, da cui, per altro, dipende la propria autorealizzazione (e, perché no) anche autovalorizzazione. Infatti, il clima socio culturale, nel quale i giovani sono chiamati a vivere oggi, rappresenta una realtà in cui i concetti di flessibilità, di cambiamento, di mobilità, di reversibilità delle scelte indirizzano il processo di sviluppo dell’identità personale e sociale: «la richiesta che proviene dal mondo degli adulti è quella di essere disponibili a modificarsi, a ridefinire le proprie competenze e le proprie appartenenze, a spostarsi, da un lavoro all’altro, da un luogo all’altro» . Secondo una prospettiva d’analisi storica, infatti un contesto sociale strutturato e preordinato, come quello delle comunità tradizionali, conferisce ai giovani obiettivi e percorsi definiti, lasciando poco spazio a quella che è l’esplorazione del proprio progetto professionale e della propria identità all’interno del contesto stesso. In un’epoca di overdose di informazione, la richiesta di informazione solitamente nasconde un’altra domanda: capire quale potrebbe essere l’informazione giusta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Intorno alla metà del primo secolo dopo Cristo, Seneca iniziava così il suo dialogo sulla vita felice rivolto al fratello Gallione: <<Bisogna anzitutto domandarsi cosa sia quel che noi desideriamo: e quindi cercar tutto intorno con lo sguardo la strada per cui possiamo arrivare nel modo più celere a quella meta … finché vaghiamo in qua e in là seguendo, non una guida, ma solo direzioni differenti, la nostra vita si consumerà fra rigiri, e sarà una vita breve, anche se ci sforziamo giorno e notte per acquistar la saggezza. Si stabilisca dunque dove e per dove andiamo, non senza il concorso di un esperto che abbia già bene esplorato la regione verso al quale procediamo, giacché qui la condizione non è la stessa degli altri viaggi, nei quali una qualche strada ben riconoscibile e le domande fatte agli abitanti del paese impediscono di sbagliare; qui invece le vie più trite e frequentate sono quelle che maggiormente ingannano>> 1 . In queste parole di duemila anni fa è già in sintesi il complesso problema dell’orientamento dei giovani di oggi (e non solo!). Anche Dante, nel canto VIII del Paradiso, pone il problema con sapienza ed incisività, quando dice: <<Sempre natura, se fortuna trova/ Discorde a sé, come ogni altra semente/ Fuor di sua ragion fa mala pruova,/ E se ‘l mondo laggiù ponesse mente/ Al fondamento che natura pone,/ Seguendo lui avria buona la gente./ Ma voi torcete alla religione/ Tal che fu nato a cingersi la spada/ E fate re di tal ch’è da sermone:/ Onde la traccia vostra è fuor di strada>>. Mi si permetta di avvalermi di una esperienza testimoniata dal Viglietti 2 , che intitolò Perché ci sono anch’io?. Di fronte all’enumerazione delle meraviglie dell’universo (descritte in un libro del Ravalico Natura e Creatore, SEI, Torino, 1965) in cui si spiegava che dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande, nulla si muove e si sviluppa a caso, ma tutto converge alla realizzazione e all’armonia della vita nel suo 1 Del Re, R. (a cura di). Della vita felice. In Operette di Lucio Anneo Seneca. Bologna, Zanichelli, 1971. Vol. III, p. 225. 2 nella prefazione del volume della collana fondazione IARD 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi