Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Serbatoi metallici fuori terra - Analisi e confronto di metodi progettuali e produttivi

La tesi analizza i fattori che condizionano la progettazione dei serbatoi metallici fuori terra, le azioni e la loro combinazione secondo la normativa italiana e secondo le API 650.
Essa si conclude con un esempio pratico di progettazione di un serbatoio metallico secondo la NTC 2008 e le API 650 mettendo a confronto le differenze progettuali e i risultati.

Lo sviluppo di questo elaborato affronta il dimensionamento statico-idraulico dei serbatoi metallici fuori terra a tetto fisso che lavorano a pressione atmosferica utilizzando i calcoli classici della statica dei fluidi. Tali calcoli terranno conto delle norme armonizzate europee recepite dallo stato Italiano con i contenuti del “Testo Unico - Norme Tecniche per le Costruzioni” di cui al D. M. 14 gennaio 2008 e delle “Istruzioni per l’applicazione delle NTC” emesse dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e pubblicati in G.U. il 26 febbraio 2009 oltre che delle “Istruzioni per la valutazione delle azioni e degli effetti del vento sulle costruzioni” emesse dal CNR (DT 207/2008). Si terrà conto, inoltre, del parere favorevole all’adozione degli Annessi Tecnici Nazionali agli Eurocodici, altrimenti detti Appendici Nazionali (del 24.09.2010 e del 25.02.2011) da parte dell’Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici che costituisce la necessaria tappa tecnica propedeutica alla loro adozione formale.
I risultati saranno confrontati con le norme API STANDARD 650 (American Petroleum Institute) 11th Edition aggiornate al 1° febbraio 2012 utilizzate dalle industrie nella costruzione di serbatoi metallici saldati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1.0 - PREMESSA Il deposito e la conservazione dei prodotti liquidi è un problema che ha preoccupato l’uomo sin dall’età della pietra; egli, infatti, ha utilizzato recipienti per conservare i liquidi vitali come l’acqua, costruiti inizialmente con pelli di animali passando successivamente ai recipienti di pietra, di terracotta, di bronzo e in acciaio. La capacità di tali serbatoi è andata gradualmente aumentando con le necessità della vita sociale e nell’era industriale, la quantità di prodotti liquidi che è necessario stoccare, sia nella fase di trasformazione sia nella fase di utilizzazione, è enormemente aumentata. Il materiale che si è rivelato più adatto a contenere una vasta qualità di liquidi è l’acciaio anche perché ha proprietà elastiche e resistenti che ben risolvono i problemi progettuali ed esecutivi. Vi è da considerare, inoltre, che molti prodotti liquidi industriali non potrebbero essere immagazzinati in serbatoi in cemento armato a causa delle loro piccolissime dimensioni molecolari (ad es. gasolio, benzine, ecc.) alle quali il calcestruzzo è permeabile. I progressi registratasi nel campo della saldatura hanno incentivato l’uso di serbatoi metallici di grandi capacità che ben si adattano a qualsiasi esigenza industriale. Lo sviluppo di questo elaborato affronta il dimensionamento statico- idraulico dei serbatoi metallici fuori terra a tetto fisso che lavorano a pressione atmosferica utilizzando i calcoli classici della statica dei fluidi. Tali calcoli terranno conto delle norme armonizzate europee recepite dallo stato Italiano con i contenuti del “Testo Unico - Norme Tecniche per le Costruzioni” di cui al D. M. 14 gennaio 2008 e delle “Istruzioni per l’applicazione delle NTC” emesse dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e pubblicati in G.U. il 26 febbraio 2009 oltre che delle “Istruzioni per la valutazione delle azioni e degli effetti del vento sulle costruzioni” emesse dal CNR (DT 207/2008). Si terrà conto, inoltre, del parere

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze e Tecnologie

Autore: Giovanni Contessa Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2780 click dal 06/02/2013.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.