Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Influenze dei dettagli costruttivi sull'isolamento termico degli edifici

La principale fonte di energia rinnovabile è il risparmio energetico. […] Un edificio disperde energia soprattutto attraverso il suo involucro esterno e quindi si tratta di vedere come si possa ottimizzare tale involucro in modo da disperdere poco calore d’inverno e rispettivamente far entrare meno calore possibile d’estate. […]
L’obiettivo di questa tesi è calcolare analiticamente i valori delle maggiorazioni sull’isolamento termico, attraverso casistiche, confrontarli con i relativi valori indicati dalle norme UNI e valutando la loro influenza sulla prestazione finale dell’intervento.
Le analisi svolte all’interno dell’elaborato, anche attraverso il software di analisi numerica THERM, hanno lo scopo di determinare, a priori, le conseguenze di vari interventi di isolamento termico, proposte a diminuire l’effetto dei ponti termici. Questi sono dovuti alle discontinuità di isolamento termico applicato al sistema edificio, che determinano un incremento, a volte notevole come vedremo, delle dispersioni termiche.
L’elaborato è così strutturato:
- Capitolo 2:
Si riportano alcuni richiami di fisica tecnica, utili alla comprensione, quali le tipologie di trasmissione del calore, la trasmissione termica attraverso le pareti e altri concetti che verranno citati nel corso dei successivi capitoli, riferiti al contesto normativo riguardante il calcolo e agli interventi di isolamento termico. Inoltre si presenta un introduzione al software THERM che utilizzeremo nel nucleo dell’elaborato, illustrandone le caratteristiche funzionali e i diversi tipi di rappresentazione dei risultati.
- Capitolo 3:
La trattazione svolta, all’interno del presente capitolo ha lo scopo di fornire un ampia scelta di materiali e le regole per una corretta applicazione dell’isolamento termico a cappotto.
- Capitolo 4:
Si affronta la tassellatura dei cappotti termici, riportando tutte le caratteristiche dalle tipologie dei singoli tasselli distinti dal tipo di materiale, dagli schemi di distribuzione e dalle tecniche di applicazione in opera.
I successivi capitoli rappresentano il nucleo fondamentale dell’elaborato, il cui scopo è quello di determinare l’influenza di particolari interventi edilizi che riducono le prestazioni dell’isolamento termico.
- Capitolo 5:
Vengono descritte 3 diversi esempi di stratigrafie di pareti isolate e si calcola l’effetto della tassellatura sul sistema di isolamento termico applicato ad ogni esempio.
- Capitolo 6:
Si approfondisce il ponte termico spalla finestra, trattando prima alcune nozioni teoriche introduttive sui ponti termici e le loro conseguenze poi la normativa tecnica di riferimento. Inoltre, su un esempio generico di parete isolata, si effettuano i calcoli dell’influenza del ponte termico spalla finestra utilizzando prima il valore di trasmittanza lineica fornito dalla UNI 14683, poi quello risultante dalla simulazione in Therm.
Infine si propone e si analizza una soluzione correttiva per il ponte termico in oggetto e si confrontano i risultati prima e dopo l’intervento correttivo.
- Capitolo 7:
Si sviluppa il calcolo della trasmittanza termica media di strati disomogenei e nello specifico l’effetto della struttura lignea nello strato di isolamento termico in copertura. Anche in questo caso partendo da un generico esempio di falda inclinata si calcola la trasmittanza media con 3 diversi metodi confrontandone i risultati ottenuti.
Infine si presenta ed si studia, sempre con gli stessi metodi, una soluzione correttiva per abbassare la trasmittanza media e verificare il miglioramento energetico ottenuto dopo l’intervento correttivo.
- Capitolo 8:
Si riassumono i risultati generali ottenuti nei precedenti tre capitoli e si riportano le relative conseguenze a conclusione dell’intero elaborato.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 – Introduzione _________________________________________________ ________________________________________________ 1 CAPITOLO 1 Introduzione ____________________________________________________________ La principale fonte di energia rinnovabile è il risparmio energetico . Tale risparmio è il punto di forza di una strategia europea che mira all’indipendenza energetica degli edifici di nuova costruzione . A riguardo la Direttiva 2010/31/UE , approvata da tutti gli stati membri , provvederà a far si che entro il 31 dicembre 2020 , gli edifici di nuova costruzione siano edifici a energia quasi zero . All’art.2 della direttiva si definisce “ edificio a energia quasi zero ” quell’edificio ad altissima prestazione energetica con fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo che dovrebbe esser coperto in misura molto significativa da energia da fonti rinnovabili, compresa l’energia da fonti rinnovabili prodotta in loco o nelle vicinanze . [1] La presente direttiva promuove il miglioramento della prestazione energetica degli edifici all’interno dell’Unione . Per il riscaldamento delle abitazione e dei ambienti di lavoro utilizziamo il 40% di tutta l’energia consumata sul pianeta cioè ben il doppio dell’energia consumata dal grande fattore inquinante per eccellenza: il traffico veicolare . In Italia la maggior parte degli edifici esistenti , escluso il patrimonio storico, è costituita da abitazioni realizzate negli anni del dopoguerra. Le statistiche riportano, infatti che quasi il 60% del patrimonio residenziale italiano è stato costruito tra il 1946 ed il 1981. Nelle regioni nel Nord-Italia il consumo di energia degli edifici esistenti si aggira, mediamente, attorno ai 18-20 litri di gasolio per metro quadro annuo. La media nazionale è stimata intorno ai 12-14 litri di gasolio (equivalenti a 12-14 metri cubi di gas). Quasi il 65 % del consumo globale energetico di un’abitazione civile è speso unicamente per il riscaldamento degli ambienti . A ciò va aggiunto che più di un terzo di energia termica prodotta va perduta attraverso l’involucro degli edifici non sufficientemente isolati e che il settore residenziale è responsabile del 35% delle emissioni inquinanti.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luigi Sala Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3127 click dal 07/02/2013.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.