Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La rete della Creatività: le occasioni di avvicinamento all’Arte Contemporanea per i bambini e i ragazzi tra i 3 e i 14 anni

Il proposito di questa ricerca è di offrire una panoramica della Didattica dell’Arte Contemporanea a Torino, e di evidenziare la necessità di una “Rete della Creatività” che leghi la scuola, i Musei e le Gallerie, la città e i bambini e i ragazzi tra i 3 e i 14 anni.
I diversi campi dell’Educazione all’Arte Contemporanea, infatti, sono strettamente connessi tra loro e, al fine di garantire una formazione completa e a lungo termine, e di superare i pregiudizi e i fraintendimenti nei confronti di questa disciplina, occorrono una compenetrazione e un’interdisciplinarietà sempre maggiori.
Per esigenze di semplificazione, la Tesi è strutturata in tre macro-capitoli, dedicati appunto alla scuola, agli Enti Culturali e alle iniziative cittadine, divisi a loro volta in sezioni specifiche (scuola dell’infanzia, primaria, secondaria; GAM, PAV, Fondazione Merz, Cittadellarte Fondazione Pistoletto, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, ZonArte; ContemporaryArt, MurArte e PicTurin) corredate da esempi; completano l’analisi due focus, che contengono due casi studio, e due Appendici, riguardarti la situazione milanese e l’Arte Contemporanea nella Letteratura per l’Infanzia.
Fondamentale per questo studio, oltre alla ricerca bibliografica (libri, articoli, ricerche, siti Internet), si è rivelata l’esperienza diretta, il contatto con professionisti del settore, docenti, artisti, mediatori e i Settori Educativi: il lavoro sul campo – che potrebbe essere ampliato e approfondito in altra sede – ha consentito di osservare e sperimentare quanto sia già stato fatto, di ottenere una vista d’insieme, di trarre le fila ed elaborare nuove proposte e strategie.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione “Per crescere un bambino ci vuole un intero villaggio” 1 : così recita un diffuso proverbio africano. E da qui prende le mosse la presente ricerca: se la tradizione di ogni popolo, l’esperienza e gli studi evidenziano che la dinamica educativa è una traditio, una trasmissione di saperi teorici e pratici da una generazione all’altra, un processo continuo che coinvolge ogni ambito sociale (e non solo), lo stesso assioma deve essere valido anche nel campo dell’Arte e del suo apprendimento – in particolare della Didattica dell’Arte Contemporanea rivolta ai bambini e ai ragazzi tra i tre e i quattordici anni, oggetto di questa tesi. Cambiando i termini e il contesto, il risultato non cambia: per educare un giovane all’Arte Contemporanea ci vuole una rete. Da veri “animali politici” quali siamo, la rete fa parte della nostra esistenza dal momento in cui veniamo al mondo: tra gli esseri umani si stabiliscono relazioni, disciplinate in forme e funzioni sociali, che mutano a seconda del tempo e del territorio; la comunicazione, in tutte le sue sfaccettature, crea legami; la città stessa è un intreccio, una “macchina semiotica” 2 – e quindi paragonabile ad un testo, complesso, conflittuale, personale, leggibile, stabilmente dinamico (la città-testo testimonia il passato e si proietta verso il futuro) – fatta di stratificazioni e sovrapposizioni di materiali, pratiche e linguaggi. Per affinità, dunque, al fine di far comprendere e interiorizzare una disciplina che è stata per lungo tempo sospesa tra il “non fa per me, perché è troppo astrusa” e il “questo lo avrei saputo fare anch’io” (per citare solo due esempi di commenti negativi che ci sarà capitato di cogliere, uscendo da una mostra, un Museo o una Galleria), è necessario un circolo virtuoso di insegnanti, Enti culturali ed istituzionali, una via costellata di eventi estemporanei e memorabili e di percorsi didattici a lungo termine, variabili a seconda dell’età e delle inclinazioni dei discenti. La mia tesi ha il proposito di evidenziare quanto a Torino sia già stato fatto, quanto questa rete, ormai attiva e accattivante, “intrappoli” – in senso positivo! – la fascia di fruitori presi in esame, curiosi pesciolini attratti dall’amo della Creatività. Analizzerò le relazioni tra l’Arte Contemporanea e i tre principali attori della Didattica dell’Arte Contemporanea: la scuola, i Musei e le Gallerie, la città. Per esigenze di semplificazione, la trattazione sarà suddivisa in tre macro-capitoli, seguiti da una conclusione, ma, in sede di premessa, mi sembra opportuno e doveroso affermare che questi diversi settori sono interconnessi tra loro a livello più profondo e complesso: come se fossero Piccolo blu e Piccolo giallo di Leo Lionni 3 , essi si uniscono e si fondono, cambiando forma e colore, arricchendosi reciprocamente… Proprio come un’opera d’arte! Coinvolta – grazie alla mia esperienza di stage, ai contatti con le scolaresche e i Servizi Educativi, alla partecipazione alle iniziative della città e a libri irresistibili – da questo clima pregnante, ispirato e variopinto e fatto mio l’assunto di Munari (a sua volta derivato di nuovo da un proverbio, questa volta cinese) “se ascolto dimentico, 1 Cecilia De Carli (a cura di), Educare attraverso l’arte. Ricerca, formazione, casi studio, Edizioni Gabriele Mazzotta, Milano, 2007, p. 15 2 Roberto Matroianni (a cura di), Writing the city. Scrivere la città. Graffitiamo, immaginario urbano e street art, Torino, 2012, p. 3 3 Leo Linoni, Piccolo blu e Piccolo giallo, Babalibri, Milano, 1999, p. 10

Tesi di Master

Autore: Francesca Mogavero Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1614 click dal 11/02/2013.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.