Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità amministrativa patrimoniale, Giurisdizione Contabile, Danno Erariale

Con il termine "responsabilità" s’intende; "la soggezione di un soggetto o di un ente pubblico, o privato, alla reazione di chi ha subito un pregiudizio, secondo quanto previsto e disciplinato dall’ordinamento giuridico".
Nel mondo giuridico, il concetto di responsabilità risulta essere particolarmente complesso, tanto che, ancora oggi, in dottrina e giurisprudenza, si discute su di esso al fine di individuarne una definizione che comprenda i suoi aspetti essenziali.
Nell’antica Roma la responsabilità era definita come: “la posizione di chi deve render conto” .
Nel nostro ordinamento, invece, dottrina e giurisprudenza sono state più meticolose e analitiche, individuando le seguenti tipologie :
• responsabilità civile;
• responsabilità penale;
• responsabilità amministrativa;
Per quanto attiene alla responsabilità civile la dottrina e la giurisprudenza hanno elaborato una duplice categoria: una responsabilità contrattuale una responsabilità extracontrattuale.
La responsabilità contrattuale, trova il suo fondamento nell’art. 1218 del c.c., che testualmente recita: "il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l’inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile".
Dalla norma si evince che: l’obbligo di risarcimento, che sorge a carico del debitore a seguito dell’inadempimento a lui imputabile, può essere configurato, come sostenuto anche dalla dottrina maggioritaria, come una "perpetuatio obligationis", dovendosi intendere con tale espressione che, il vincolo obbligatorio assume un diverso contenuto, ma ne permane la sua identità giuridica .
La responsabilità extracontrattuale, o aquiliana, trova i suoi fondamenti nell’art. 2043 c.c. e nel principio del "neminem laedere", il quale prevede il risarcimento per le conseguenze patrimoniali e non, in caso di lesione di un diritto soggettivo assoluto o, comunque, di una posizione giuridica soggettiva.
La responsabilità penale è, invece, strettamente collegato al c.d. diritto criminale e si verifica ogniqualvolta un soggetto pone in essere un comportamento umano contrastante con i precetti della legge penale.
Relativamente alla responsabilità amministrativa, è considerato responsabile colui che contravviene ad un obbligo amministrativo, a cui si ricollega l’irrogazione di una sanzione amministrativa.
Ovvie esigenze di sinteticità non consentono, in questa sede, di analizzare analiticamente ogni fattispecie ed ogni aspetto delle singole tipologie di responsabilità delle quali si è fatto menzione.
L’oggetto del nostro studio è, infatti, il concetto di responsabilità amministrativa patrimoniale.
L’elaborato si propone l’obiettivo di approfondire gli istituti della responsabilità in ambito amministrativo, soffermandosi sul "danno erariale", che si trova ad essere al centro del dibattito dottrinale e giurisprudenziale.
L’evoluzione della moderna società, i nuovi scenari dell’economia e i mutamenti istituzionali, derivanti anche dall’integrazione europea, hanno portato, infatti, alla tipizzazione di nuove forme di responsabilità e di danno. Di conseguenza la complessità della materia ha impegnato la dottrina e la giurisprudenza in un costante lavoro volto ad indagarne confini sempre più suscettibili di nuova interpretazione.
Giusto rilievo sarà riservato, in corso di trattazione alla funzione ed ai poteri della magistratura contabile, il cui compito, neutrale ed imparziale, è quello di assicurare il corretto utilizzo delle risorse pubbliche, accertando, al contempo, che l’azione amministrativa risponda a logiche di realizzazione del bene pubblico e non ad interessi di gruppi o di singoli, nel rispetto dei principi di uguaglianza dei cittadini e di quello di buona andamento ed imparzialità della pubblica amministrazione, sanciti rispettivamente dall’ art. 3 e dall’art. 97 della Costituzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 C ap it ol o I L a res pon sabi li tà a mmi n is t ra t iv a p at ri mon ial e 1. Premess a St o ri cam en t e il con cetto di d ann o erar i al e “ tr a e o ri g ine d all ’ ob bli go ch e, f in d ai t em pi p i ù ant i ch i , in com b eva s u colo ro ch e a veva no m a n eg gio di p ub blico d en aro di r end er e co nt o d ell a l oro g esti on e ” 5 . U n do v er e s ent ito s i a n ell a G r eci a Cl ass ica, d ov e gi à es ist e v an o i m agis tr ati co nt ab ili , si a nell ’ an ti ca R om a a tu tel a d ell ’ “a era riu m p o pul i ro ma ni ”. In o l t r e, l a di ch i arazi on e d ei di rit ti d ell ’u om o d el 1 789 s an ci v a il p r in ci pi o s eco nd o cu i “ la so ci et é a le d ro it d e d em an der com pt e à t ou t ag ent p ub li c d e so n ad mi ni str ato r ”, i nizi and o cos i a p r ev e dere “ u n si s t ema di co nt rol lo dei con ti com e un a n eces sit à co n ness a alla g e sti on e d el la p ub bl ica fi na nza ” 6 . In q u est o co nt esto , si in n est a l a r es po ns abil it à am min ist r at iva p a tr im oni ale dis cip li nat a , l a p ri ma v ol ta i n m an ier a an aliti ca , n el 1 9 23 agli in izi di q u ell o c h e v er r à po i def ini t o il v ent en ni o f as ci st a, co n l ’o bi ett iv o si s ott oli n ear e i l co n cett o di ap p art en enz a d el p u bbl ico fu nzi on ari o all ’ app ar at o st atal e s anzi on and o , pes ant em ente, co mp or t am en ti il legi ttim i d ei p u bbl i ci dipen d en ti ch e co mp ro m ett ess ero il p at r i mo nio st at ale, co er ent ement e co n l a vi si one s t at ali st a d ell a p olit ica d ell ’ ep oca 7 . N atu r al m ent e, i l co n cett o di r esp on sab ili tà co di fi cat o n el 19 23 ha s ub it o m od if i ch e e d i nt e gr az io ni d a p ar t e d el Legi sl ato r e che v e r r an no ap p ro fo ndi te i n s eguit o. A d o ggi l a r es pon s ab ilit à am mi nis tr ati v a p at ri mo ni ale s i p r es en ta p a rt i col arm ent e ri lev an t e p er l a s o ci et à, s e si con si der a l ’i nd er o gab il e esigen z a di t r asp arenz a n el l’ ut ilizzo d el d en ar o p u bbl ico ed i l ris p ett o d ell e r ego le d i s an a e co r rett a ges ti one f i nanzi ari a, co r r el at i ad u n a cr es cent e i mp osizi on e fis cal e. 5 Cfr. O. Sepe “La Giurisdizione Contabile”, in “Trattato di Diritto Amminstrativo”, G. Santaniello, Cedam, 2010. 6 Cfr. O. Sepe, op. cit. 7 Per dovere di completezza è necessario specificare che un concetto embrionale di responsabilità amministrativa patrimoniale era disciplinato anche prima dell’era fascista, precisamente dalla Legge del 1869, nr. 5026 caldeggiata da un grande statista quale Camillo Benso Conte di Cavour.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Riccardo Veltri Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4864 click dal 12/02/2013.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.