Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Saggi ecotossicologici su miscele di reflui industriali

L'inquinamento è un complesso di alterazioni dell'ambiente sfavorevoli alle condizioni della vita, può essere di varia natura ed in genere è determinato dal rilascio di sostanze tossiche, nocive o contaminanti in quantità superiore alla naturale capacità di assorbimento dell'ambiente.
Nel mio lavoro è stata posta particolare attenzione all'inquinamento idrico poiché è molto comune che rifiuti di provenienza domestica o industriale vengano riversati in corpi idrici, è per questo importante la distinzione in “rifiuti pericolosi” e “rifiuti non pericolosi”. La sola caratterizzazione, e quindi distinzione, chimica del rifiuto non risulta spesso completa.
E' necessario affiancare a questi test quelli ecotossicologici che mi permettono di attribuire ad un rifiuto la caratteristica H14 “Ecotossico”, che lo definisce come: “Rifiuto che presenta o può presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali”. Questa è stata introdotta Parlamento Europeo e del Consiglio dei ministri, nel novembre 2008.
Lo scopo fondamentale della caratterizzazione ecotossicologica è quello stabilire delle norme che, complessivamente, garantiscano che l'eventuale rilascio nell'ambiente di un veleno non comporti un danno, o quantomeno un danno osservabile e irreversibile.
Nel mio studio sono stati presi in esame 10 rifiuti industriali precedentemente caratterizzati chimicamente e divisi in “pericolosi” e “non pericolosi”.
Su questi ho svolto due tipi di test ecotossicologici:
-inibizione della mobilità nel crostaceo Daphnia magna;
-inibizione dell'emissione di luminescenza nel batterio marino Vibrio fischeri.
Per entrambi è stato valutato il parametro EC50 che esprime il valore di concentrazione iniziale che, in un tempo definito, ha un effetto rilevabile sul 50% degli animali esposti.
In base ad i risultati ottenuti è stata subito chiara la mancanza di correlazione tra pericolosità chimica ed eco tossicologica. Infatti, alcuni campioni caratterrizzati come “non pericolosi” dal test chimico, sono risultati ecotossici, si però visto che è vero anche il contrario. E' apparsa in oltre importante l'utilità di svolgere il test su più organismi, in quanto alcuni risultano ecotossici per i crostacei e non per i batteri, o viceversa.
Si può quindi attestare l'importanza di svolgere test ecotossicologici a complemento dell'analisi chimiche dei contaminanti presenti in miscele di rifiuti ed inoltre la prospettiva nella quale si inseriscono i test biologici include l'approccio predittivo, utilizzando le analisi come strumento previsionale per la valutazione del rischio ambientale.

Mostra/Nascondi contenuto.
! 4! 1. INTRODUZIONE Gli ecosistemi terrestri subiscono continue modificazioni per effetti naturali o antropici che vanno ad interessare, direttamente o indirettamente, la loro componente biotica. Queste modificazioni sono da ricondursi ad un complesso di alterazioni che possono addirittura portare l’ambiente interessato a diventare sfavorevole alla vita. -1.1 INQUINAMENTO L’evento sopradescritto è da ricondursi al fenomeno, sempre più crescente, dell’inquinamento. Esistono molti generi di inquinamento, suddivisi a seconda del tipo (ad esempio inquinamento dell'aria, acqua, suolo, chimico, acustico, elettromagnetico, luminoso, termico, genetico o nucleare) o della causa dell'inquinamento (ad esempio inquinamento naturale, domestico, architettonico, urbano, agricolo, industriale o biologico). Il termine inquinamento,!in generale,!indica l'introduzione nell'ambiente di sostanze in grado di provocare pericoli effettivi o potenziali per la salute dell'uomo oppure di minacciare l'esistenza di animali e piante. Esso può produrre disagi temporanei, patologie o danni permanenti per la vita in una data area, e può rendere l’habitat in disequilibrio con i cicli naturali esistenti. E’ quindi inquinamento tutto ciò che è nocivo per la vita o altera in maniera significativa le caratteristiche fisico-chimiche dell’ambiente tale da cambiare la salute, la struttura e il numero delle associazioni dei viventi e/o dei flussi di energia, soprattutto in merito a ciò

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Paola Prosperi Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 806 click dal 15/02/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.