Skip to content

Saggi ecotossicologici su miscele di reflui industriali

Informazioni tesi

  Autore: Paola Prosperi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Biologia molecolare e cellulare
  Relatore: Guido  Chelazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

L'inquinamento è un complesso di alterazioni dell'ambiente sfavorevoli alle condizioni della vita, può essere di varia natura ed in genere è determinato dal rilascio di sostanze tossiche, nocive o contaminanti in quantità superiore alla naturale capacità di assorbimento dell'ambiente.
Nel mio lavoro è stata posta particolare attenzione all'inquinamento idrico poiché è molto comune che rifiuti di provenienza domestica o industriale vengano riversati in corpi idrici, è per questo importante la distinzione in “rifiuti pericolosi” e “rifiuti non pericolosi”. La sola caratterizzazione, e quindi distinzione, chimica del rifiuto non risulta spesso completa.
E' necessario affiancare a questi test quelli ecotossicologici che mi permettono di attribuire ad un rifiuto la caratteristica H14 “Ecotossico”, che lo definisce come: “Rifiuto che presenta o può presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali”. Questa è stata introdotta Parlamento Europeo e del Consiglio dei ministri, nel novembre 2008.
Lo scopo fondamentale della caratterizzazione ecotossicologica è quello stabilire delle norme che, complessivamente, garantiscano che l'eventuale rilascio nell'ambiente di un veleno non comporti un danno, o quantomeno un danno osservabile e irreversibile.
Nel mio studio sono stati presi in esame 10 rifiuti industriali precedentemente caratterizzati chimicamente e divisi in “pericolosi” e “non pericolosi”.
Su questi ho svolto due tipi di test ecotossicologici:
-inibizione della mobilità nel crostaceo Daphnia magna;
-inibizione dell'emissione di luminescenza nel batterio marino Vibrio fischeri.
Per entrambi è stato valutato il parametro EC50 che esprime il valore di concentrazione iniziale che, in un tempo definito, ha un effetto rilevabile sul 50% degli animali esposti.
In base ad i risultati ottenuti è stata subito chiara la mancanza di correlazione tra pericolosità chimica ed eco tossicologica. Infatti, alcuni campioni caratterrizzati come “non pericolosi” dal test chimico, sono risultati ecotossici, si però visto che è vero anche il contrario. E' apparsa in oltre importante l'utilità di svolgere il test su più organismi, in quanto alcuni risultano ecotossici per i crostacei e non per i batteri, o viceversa.
Si può quindi attestare l'importanza di svolgere test ecotossicologici a complemento dell'analisi chimiche dei contaminanti presenti in miscele di rifiuti ed inoltre la prospettiva nella quale si inseriscono i test biologici include l'approccio predittivo, utilizzando le analisi come strumento previsionale per la valutazione del rischio ambientale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
! 4! 1. INTRODUZIONE Gli ecosistemi terrestri subiscono continue modificazioni per effetti naturali o antropici che vanno ad interessare, direttamente o indirettamente, la loro componente biotica. Queste modificazioni sono da ricondursi ad un complesso di alterazioni che possono addirittura portare l’ambiente interessato a diventare sfavorevole alla vita. -1.1 INQUINAMENTO L’evento sopradescritto è da ricondursi al fenomeno, sempre più crescente, dell’inquinamento. Esistono molti generi di inquinamento, suddivisi a seconda del tipo (ad esempio inquinamento dell'aria, acqua, suolo, chimico, acustico, elettromagnetico, luminoso, termico, genetico o nucleare) o della causa dell'inquinamento (ad esempio inquinamento naturale, domestico, architettonico, urbano, agricolo, industriale o biologico). Il termine inquinamento,!in generale,!indica l'introduzione nell'ambiente di sostanze in grado di provocare pericoli effettivi o potenziali per la salute dell'uomo oppure di minacciare l'esistenza di animali e piante. Esso può produrre disagi temporanei, patologie o danni permanenti per la vita in una data area, e può rendere l’habitat in disequilibrio con i cicli naturali esistenti. E’ quindi inquinamento tutto ciò che è nocivo per la vita o altera in maniera significativa le caratteristiche fisico-chimiche dell’ambiente tale da cambiare la salute, la struttura e il numero delle associazioni dei viventi e/o dei flussi di energia, soprattutto in merito a ciò

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
rifiuti
ecotossicologia
inquinamento idrico
classificazione rifiuti
inquinanti in acqua
vibrio fischeri
daphnia magna
ec50
h14

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi