Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sentimento della morte nel Foscolo dall'Ortis ai Sepolcri

Il sentimento della morte nel Foscolo dall'Ortis al Sepolcri.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE E’ sicuramente difficile comprendere le motivazioni e il retroterra sociale, politico e culturale che spinsero un poeta come il Foscolo, così malinconico eppure così travolto da “...una vita vorticosa ma vissuta con coraggio e passione, estro e genialità”1 , a concentrare tanta attenzione su argomenti come la morte e il suicidio. E’ difficile soprattutto oggi che alla morte è stato tolto il suo ruolo di motivo centrale della vita. Il suicidio, inteso come mezzo più immediato per godere della serenità della morte, è un atto volontario che muove da un processo logico di cui restano ignote le premesse. Il significato psicologico di questo avvenimento morale è sempre stato involto da grandi oscurità in quanto suscettivo di valutazioni negative. 1 L. Carrer, Vita di Ugo Foscolo, Bergamo, 1995, pag. 11.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Maria Acquisto Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9157 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.