Skip to content

L'efficacia esecutiva degli avvisi di accertamento

Informazioni tesi

  Autore: Livia Prezioso
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Enrico Marello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 289

La riforma effettuata al sistema di riscossione coattiva delle imposte dal d.l.78/2010 incide in maniera sostanziale sul sistema tributario italiano; l'elaborato prende in considerazione i diversi aspetti di questo intervento legislativo.

L’analisi svolta appare più che mai attuale e significativa per il momento storico ed economico che attraversa oggi il nostro Paese.
La riforma che prevede la riscossione nell’atto stesso dell’accertamento ex d.l. 78/2010 si inserisce in un sistema di esazione coattiva piuttosto inadatto e insufficiente per il mutato contesto giuridico; quest’ultimo d’altronde necessitava di una nuova effettività, come segnalato ed auspicato già precedentemente all’approvazione della riforma stessa.
L’intento e l’esigenza di controllare in maniera più efficace l’evasione da riscossione, la volontà di velocizzare l’intera procedura esattiva, nonché l’impegno di pervenire al più stretto collegamento tra il momento impositivo e quello esattivo al fine di assicurare allo Stato un flusso costante di entrate, appaiono dunque validi, legittimi ed encomiabili propositi di massima tutela; ma tali intenti non possono realizzarsi a scapito delle garanzie relative alla tutela cautelare, costituzionalmente riconosciute, in capo ai contribuenti.
Nell’approvazione delle leggi tributarie “bisogna considerare il loro scopo, il loro significato economico e lo sviluppo dei rapporti […] senza elaborare modelli di comportamento irragionevoli e contraddittori”. L’aver previsto la reductio ad unum degli atti coinvolti nella procedura dell’accertamento e della relativa riscossione, unificandoli temporalmente, appare positivo per ciò che concerne le suddette finalità, ma appare al contempo e parallelamente sconcertante nel momento in cui accanto alla stessa procedura non viene predisposto un altrettanto incisivo apparato di difesa per il soggetto passivo d’imposta. [...]

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
10 CAPITOLO I UN NUOVO SCENARIO PER IL SISTEMA DI RISCOSSIONE TRIBUTARIA 1. PREMESSA L’articolo 29 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, rubricato “Concentrazione della riscossione nell’accertamento”, collocato all’interno delle più ampie “Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica” finalizzate a correggere l’andamento dei conti pubblici per il biennio 2011-2012 (“Manovra correttiva 2010”) e in generale a innovare la riscossione dei tributi, introduce nell’ordinamento tributario italiano un nuovo genus di atto per l’accertamento tributario, il cosiddetto “accertamento esecutivo”. Quest’ultimo, per sua caratteristica peculiare, assume la funzione di titolo esattivo dal momento dell’avvenuta notifica al contribuente, determinando così il passaggio da un modello di riscossione cd. frazionata ad uno schema di riscossione cd. concentrata, contenendo, lo stesso atto, l’intimazione a pagare le somme indicate entro il termine per la proposizione del ricorso. Il nuovo tipo di atto racchiude in sé: la funzione impositiva, tipica dell’avviso di accertamento; la funzione di precetto, poiché in esso è contenuta anche l’intimazione ad adempiere; ed il titolo esecutivo legittimante, insieme al precetto, ad avviare l’esecuzione forzata. Questa triplice funzione comporta, entro il termine di presentazione del ricorso, l’obbligo al pagamento degli importi indicati nello stesso atto; invero la mancata presentazione del ricorso comporta la sostanziale adesione del contribuente all’atto di imposizione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tributario
accertamento
esecutivo
avviso
fisco
accertamento fiscale
contributi
riscossione tributaria
imposte
tasse

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi