Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

M&A nel settore delle energie rinnovabili in Europa: uno studio delle performance

Questa tesi applica alcuni metodi di ricerca – event study e regressioni multivariate – al fine di determinare la performance delle operazioni di acquisizione nel settore delle energie rinnovabili.
L’obiettivo di questo elaborato è duplice: constatare l’effetto sui corsi azionari dei bidder, al momento di un’annuncio di acquisizione; verificare la presenza di un ulteriore effetto positivo, definito green premium, spesso attribuito dalla letteratura accademica alle acquisizioni diversificate in questo settore.
Da ciò nascono le domande di ricerca di questo elaborato:
I. Nell’ambito del settore Europeo delle energie rinnovabili l’effetto sul bidder di un’operazione di acquisizione è positivo?
II. È possibile, nelle acquisizioni eterogenee, ricondurre l’eventuale excess return positivo riscontrato dall’analisi dei CAR, alla diffusione del cosiddetto “premio verde”?
A seguito dell’analisi dei risultati ottenuti, è possibile concludere come l’effetto di trasferimento del green premium sembri alquanto limitato o assente poiché, in media, le acquisizioni eterogenee hanno performato decisamente peggio rispetto alle acquisizioni omogenee analizzate.
In entrambi i casi si è assistito ad una creazione media di valore per gli azionisti. Nel caso delle acquisizioni omogenee, essa è risultata però molto superiore e statisticamente significativa. Quindi, nel campione studiato, sembra trovare applicazione la teoria per cui gli investitori non apprezzano la diversificazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questa tesi mira ad applicare alcuni metodi di ricerca – event study e regressioni multivariate – ampiamente utilizzati nella letteratura econometrica per determinare la performance delle operazioni di acquisizione [ad es., Kiymaz e Baker, 2008; Krishnan, Krishnan e Lefanowicz, 2009; Laabs e Schiereck, 2010], al settore delle energie rinnovabili. Poiché lo sviluppo di questo settore è relativamente recente, l’analisi di queste operazioni è stata trattata in un numero molto limitato di pubblicazioni. Inoltre, a conoscenza dell’autore, gli studi riguardanti questo settore ad oggi effettuati, considerano il mercato delle energie rinnovabili a livello globale, oppure si focalizzano sull’area geografica Nordamericana. Gli studi sulle performance delle acquisizioni all’interno del settore delle energie rinnovabili effettuate sul solo mercato Europeo sono un tema non ancora trattato dalla letteratura accademica. Secondo alcune teorie aziendali, il fine di una società well managed dovrebbe essere la massimizzazione dei propri ritorni, tramite l’investimento in quelle attività dove il ROIC possa essere massimizzato, ed il disinvestimento nei settori in cui la creazione di valore non viene ottimizzata. La prima strategia, quella cioè di ricercare settori maggiormente profittevoli, si traduce nella crescita diversificata. Quest’ultima può essere ottenuta tramite due metodologie distinte: per via interna oppure esterna. Questo elaborato si concentra sulla crescita per via esterna e, nello specifico, sulle operazioni di acquisizione effettuate da società che hanno individuato nel settore delle energie rinnovabili (e quindi in una società target operante in tale settore) la strada per massimizzare il valore per gli azionisti.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Berti Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4392 click dal 20/02/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.