Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trattamento riabilitativo dell'epicondilite

L'epicondilite fu descritta da F. Runge nel 1873, Runge parlò di crampi dello scrittore, ma fu M. Morris, pochi anni dopo, il primo che usò la locuzione tennis elbow (gomito del tennista).
Il gomito del tennista è una sindrome la cui caratteristica principale è la presenza di una sintomatologia dolorosa a livello della regione epicondiloidea dell’omero.
Fino a qualche tempo fa era considerata un’affezione piuttosto rara, ma negli ultimi anni ha fatto registrare un netto incremento del numero dei casi. Questo fenomeno è dovuto ad un aumento del numero di persone che praticano attività sportive e che presentano, come fattore predisponente, l’utilizzo degli arti superiori in condizioni di scarsa preparazione atletica e tecnica, associata all’uso di attrezzi inadatti alle proprie caratteristiche.
Gli sport in cui si registra una più alta incidenza della epicondialgia sono il tennis, il base-ball, il golf.
Questi impongono particolari sollecitazioni alle strutture legamentose e muscolo-tendinee, le quali durante il movimento di flesso-estensione sono impegnate a svolgere, nello stesso tempo, funzioni prensili nei confronti dell’attrezzo, ad esercitare azioni di forza, a neutralizzare i contraccolpi ed a stabilizzare l’articolazione.
Ognuno di questi momenti funzionali, se ripetuto continuamente e massimamente sollecitato, può rappresentare un momento microtraumatico potenzialmente lesivo, particolarmente se, nello stesso tempo, agiscono altri fattori di rischio quali l’inadeguato allenamento, una scorretta esecuzione del gesto atletico, l’uso di un attrezzo inadeguato, il fisiologico invecchiamento delle strutture capsulo-legamentose.
Oltre agli sportivi vengono colpite anche altre categorie di persone che svolgono le più svariate attività lavorative, la cui occupazione implica il frequente ripetersi di movimenti di prono-supinazione dell’avambraccio con la mano in atteggiamento prensile (imbianchini, carpentieri, casalinghe, giardinieri, etc.).
In questo lavoro sono stati presi in considerazione i principali fattori che predispongono, o comunque favoriscono, l’insorgenza dell’epicondilite da tennis elbow e le varie tecniche diagnostiche e terapeutiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L'epicondilite fu descritta da F. Runge nel 1873 ,Runge parlò di crampi dello scrittore , ma fu M. Morris, pochi anni dopo, il primo che usò la locuzione tennis elbow (gomito del tennista). Il gomito del tennista è una sindrome la cui caratteristica principale è la presenza di una sintomatologia dolorosa a livello della regione epicondiloidea dell’omero. Fino a qualche tempo fa era considerata un’affezione piuttosto rara, ma negli ultimi anni ha fatto registrare un netto incremento del numero dei casi. Questo fenomeno è dovuto ad un aumento del numero di persone che praticano attività sportive e che presentano, come fattore predisponente, l’utilizzo degli arti superiori in condizioni di scarsa preparazione atletica e tecnica, associata all’uso di attrezzi inadatti alle proprie caratteristiche. Gli sport in cui si registra una più alta incidenza della epicondialgia sono il tennis, il base-ball, il golf. Questi impongono particolari sollecitazioni alle strutture legamentose e muscolo-tendinee, le quali durante il movimento di flesso-estensione sono impegnate a svolgere, nello stesso tempo, funzioni prensili nei

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Teresa Russo Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5067 click dal 25/02/2013.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.