Skip to content

Ambito operativo, evoluzione strategica e modello distributivo dei confidi

Informazioni tesi

  Autore: Maria Miranda
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Maria Grazia Starita
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

I più stringenti requisiti di patrimonializzazione imposti dal sistema bancario da Basilea 3 stanno contribuendo ad acuire ulteriormente la politica di riduzione dell’erogazione del credito, fenomeno solo parzialmente contemperato dal nuovo corso imposto alla BCE dal neo-governatore Mario Draghi attraverso una politica monetaria più espansiva. Al fine di contribuire ad invertire l’attuale trend recessivo si impone la necessità di rafforzare il Fondo di Garanzia , che sarà profondamente innovato e reso più efficiente attraverso l’aumento dell’effetto leva, la graduazione delle percentuali di copertura al fine di promuovere un più efficace utilizzo del fondo da parte delle banche e dei Confidi. L’articolo 39 del DL 201/2011 derogando alla legge che disciplina l’attività dei confidi ha previsto che al capitale dei confidi 107 possono partecipare anche enti pubblici e grandi imprese non finanziare.
E’ un’importante misura volta a promuovere la patrimonializzazione dei confidi vigilati che come le banche sono tenuti a rispettare i requisiti di patrimonializzazione previsti da Basilea. La misura assicura il mantenimento della governance dei confidi per le imprese promuovendo un più efficiente impiego di denaro pubblico. Gli enti pubblici sostengono, infatti, in misura rilevante i confidi. Ciò avviene comunque attraverso contributi che poichè sono gravati da vincoli specifici di destinazione, non possono essere computati nel patrimonio di vigilanza e non contribuiscono realmente alla patrimonializzazione di tali organismi. Per tale motivo non agiscono in maniera molto efficace l’obiettivo ultimo dell’intervento pubblico a favore dei confidi che dovrebbe essere quello di potenziare e rendere più agevole l’accesso al credito delle PMI. Gli enti pubblici che intendono sostenere l’attività dei confidi dovranno e potranno avvalersi di tale opportunità offerta dall’articolo 39 del DL 201/2011.
I Confidi, oggetto del presente elaborato, in considerazione del citato contesto macro-economico e delle innovazioni legislative e regolamentari, che ne hanno profondamente innovato la struttura, gli ambiti operativi e modalità di intervento, assumono un ruolo significativo nell’ erogazione del credito ai soggetti economici che maggiormente stanno risentendo dell’attuale crisi e cioè le PMI che rappresentano la spina dorsale dell’economia italiana.
Il presente elaborato parte dall’analisi, nel capitolo1, del ruolo dei Confidi in Italia per indagarne nel secondo capitolo l’evoluzione strategica e nel terzo capitolo l’articolazione ed il modello distributivo. Chiudiamo illustrando caratteristiche mission e modalità operative dei confidi nel mezzogiorno illustrando in particolare il caso di Confidi Regione Campania.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 ABSTRACT La forte congiuntura economica mondiale ha contribuito ad acuire il già presente fenomeno di restrizione del credito nei confronti delle pmi italiane e meridionali in particolare, sia dal punto di vista della quantità di prestiti erogata che in riferimento alle commissioni e ai costi generalmente connessi dalla erogazione di prestiti. Il tasso di crescita del credito alle imprese, infatti, manifesta una forte contrazione 1 . Il fenomeno è particolarmente evidente per le piccole imprese ed infatti la crescita si è praticamente annullata portandosi allo 0,4%. Tali dati seppur negativi sono tuttavia peggiorati ed infatti dallo scorso novembre il credito erogato in favore del settore privato non finanziario dalle banche italiane che fino a dicembre 2011 aveva continuato ad aumentare, pur se a ritmi decrescenti, a partire dallo scorso dicembre si è verificata una fortissima contrazione pari ad oltre 20 miliardi di euro complessivi. Le imprese si trovano ad affrontare condizioni di accesso al credito sempre più difficili soprattutto a partire dall’autunno 2008, quando cioè è scoppiata la crisi finanziaria, che ha coinvolto tutto il mondo. La situazione si è ulteriormente complicata a causa del rallentamento dell’economia iniziato nel 2009 e dal quale nonostante timidi segnali di ripresa non siamo mai fuoriusciti alternando fasi di debole crescita a fasi di forte contrazione, fino ad arrivare all’attuale scenario macroeconomico caratterizzato da una vera recessione economica. 1 3,1% a dicembre contro il 4,9% di novembre e il 5,8% di ottobre (il picco dell’anno è stato il 6,1% di maggio)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

confidi
legge-quadro
innovazione strategica
basilea i
basilea iii
confidi rapporto con le associazioni categoria
confidi nel mezzogiorno
relazioni con gli intermediari
i tre pilastri di basilea ii
ambiti operativi dei confidi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi