Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Estinzione del lavoro artigianale

La tesi dal titolo "estinzione del lavoro artigianale" descrive la critica situazione in Italia riguardante la scomparsa di molti lavori artigiani. Analizza le cause di carattere giuridico, economico e sociale con riferimento alle manovre introdotte dal governo del professore Monti. Inoltre individua tramite indagini statistiche tutti i dati relazionati a tali cause come per esempio l'approccio dei giovani al mondo del lavoro e le molte tasse immesse dal governo italiano che peggiorano l'economia italiana portando al fallimento delle imprese e dei piccoli artigiani.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il seguente elaborato è frutto di un'accurata e costante ricerca in merito al fenomeno dell'estinzione del lavoro artigianale in Italia. Il mio interesse nel trattare questo argomento nasce dal fatto che sin dall'adolescenza ho lavorato nella ditta di falegnameria di mio padre e durante gli studi universitari ho cercato di accomunare le due cose. In quest'arco di tempo ho vissuto in pieno il fenomeno che viene indicato in questa tesi. Tale fenomeno è dovuto al fatto che al giorno d'oggi sono pochissimi i giovani che danno importanza ai lavori dell'artigianato, per la carenza di domanda da parte della clientela verso questo genere di lavori e soprattutto per le tasse imposte dalle recenti riforme statali che rendono impossibile il mantenimento di un'attività lavorativa in proprio, come d'altronde è quella artigianale. Questi tre elementi, secondo il mio punto di vista, che sembra confermato dai dati statistici ricavati delle analisi di enti come l'Istat, la Confartigianato, la Cna e Almalaurea, sono le vere e proprie cause di questa situazione. Il mio scopo è quello di evidenziare una delle piø importanti conseguenze che crea tale fenomeno, ovvero la disoccupazione sia globale che giovanile. L'analisi che ho seguito è stata condotta distinguendo sia l'artigiano in senso stretto che in senso lato: ovvero da una parte l'artigiano che lavora nella classica "bottega", dall'altra l'impresa di carattere artigianale che racchiude un maggior numero di lavoratori.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Raitano Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 737 click dal 25/02/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.