Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tutela del brevetto e competitività economica

L'innovazione è figlia della creatività, "innovare" è anche sinonimo di crescita e di sviluppo per le imprese che intendono concorrere all'interno dei mercati. Le imprese che innovano riescono infatti a perdurare nel lungo periodo, mantenendo competitività e solidità, necessaria a sbaragliare la concorrenza più spietata. Quelle che non intendono aderire al processo innovativo, sono tuttavia destinate a fine certa, poiché la mancata attività inventiva li rende vulnerabili davanti ai continui cambiamenti e richieste di mercato.
L'invenzione scaturisce dalla creatività dell'ingegno umano, dalla sua continua ricerca del "nuovo", dall'intuizione del " particolare" che rende "unica" quell'opera. Spesso sono anche le "esigenze", i problemi, le difficoltà quotidiane a favorire l'estro creativo e portare di conseguenza l'uomo all'inventiva. Essa va protetta e tutelata, mantenendo così "l'esclusività" su di essa, ed evitando al contempo che altri possano trarre profitto dalla stessa.
La realizzazione del seguente elaborato è frutto di un attenta e piacevole analisi del fenomeno innovativo, del processo creativo e soprattutto dei diritti connessi alle opere di proprietà intellettuale e di quelli relativi alla protezione delle stesse.La struttura dell'elaborato, viene suddivisa in tre capitoli a loro volta scomposti in paragrafi.
Il primo capitolo, ha inizio con la descrizione, in linea generale, delle diverse forme di mercato riscontrabili in un sistema economico, analizzando i diversi elementi caretterizzanti ognuno di essi. Verrà trattato il fenomeno dell'innovazione, evidenziando si tratti dell'elemento fondamentale per la crescita e competitività fra le imprese, e dell'invenzione come figlia della stessa. Infine si tratterà dell'argomento centrale, ovvero la "proprietà intellettuale" esaminando i vari aspetti di disciplina, di normativa, e di tutela della stessa.
Il secondo capitolo, di carattere prettamente giuridico, tratterà invece l‘aspetto centrale di tutela della proprietà intellettuale, il "brevetto", partendo da un analisi di carattere storico e procedendo con la composizione, con l'ottenimento, e con la disciplina di diritti derivanti dalla brevettazione e dallo sfruttamento dello stesso. A seguire si parlerà dei limiti brevetto , del fenomeno di contraffazione presente nel campo brevettuale, e della conseguente azione risarcitoria.
Il terzo ed ultimo capitolo, da una visione macroeconomica del fenomeno brevettuale, fornendo informazioni e spiegazioni, attraverso all'ausilio grafico, sulla spesa destinata alla ricerca, allo sviluppo, ed alla costituzione di brevetti nei maggiori paesi europei ed internazionali. Viene fatto anche un particolare riferimento all'analisi di tale fenomeno in Cina, vista l'importanza crescente di questo paese nell'economia internazionale. Il capitolo volge al termine proponendo anche un richiamo a brevetti resi celebri nella storia, e alle risorse alternative, definite anche"libere", alle opere coperte da tutela brevettuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione “In un mondo così sensibile al successo economico, la creatività vince la sua battaglia con l'economia, perché solo chi è capace di produrre continuamente innovazione nel proprio processo creativo può avere successo”. A. Pininfarina L’innovazione è figlia della creatività, “innovare” è anche sinonimo di crescita e di sviluppo per le imprese che intendono concorrere all’interno dei mercati. Le imprese che innovano riescono infatti a perdurare nel lungo periodo, mantenendo competitività e solidità, necessaria a sbaragliare la concorrenza più spietata. Quelle che non intendono aderire al processo innovativo, sono tuttavia destinate a fine certa, poiché la mancata attività inventiva li rende vulnerabili davanti ai continui cambiamenti e richieste di mercato. L’invenzione scaturisce dalla creatività dell’ingegno umano, dalla sua continua ricerca del “nuovo”, dall’intuizione del “ particolare” che rende “unica” quell’opera. Spesso sono anche le “esigenze”, i problemi, le difficoltà quotidiane a favorire l’estro creativo e portare di conseguenza l’uomo all’inventiva. Essa va protetta e tutelata, mantenendo cosi “l’esclusività” su di essa, ed evitando al contempo che altri possano trarre profitto dalla stessa. La realizzazione del seguente elaborato è frutto di un attenta e piacevole analisi del fenomeno innovativo, del processo creativo e soprattutto dei diritti connessi alle opere di proprietà intellettuale e di quelli relativi alla protezione delle stesse.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Dario Spagnolo Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2050 click dal 13/03/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.