Skip to content

Dipendenza da lavoro. Work Addiction e Workaholism

Informazioni tesi

  Autore: Gino Micco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Dino Mengozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

Nel panorama delle dipendenze patologiche, crescente attenzione ricevono oggi, quelle che sono “le nuove dipendenze” o “dipendenze sociali” dovute a comportamenti i quali pur producendo le stesse conseguenze delle tossico-dipendenze si costruiscono e si autoalimentano in assenza di qualsiasi sostanza chimica ed hanno a che fare con comportamenti , abitudini, usi del tutto legittimi e socialmente incentivati. Fanno parte di questo gruppo lo shopping compulsivo, il gioco d’azzardo patologico, la dipendenza dal sesso e la stessa work addiction un vero e proprio disturbo ossessivo-compulsivo che si manifesta attraverso richieste autoimposte, incapacità di regolare le abitudini lavorative ed eccessiva indulgenza al lavoro. Le origini di tale disturbo sembrano risiedere nell’infanzia quando il soggetto sperimenta la mancanza di amore e valorizzazione da parte dei genitori. Inconsciamente spinto dalla convinzione che l’amore e l’approvazione possono essere conseguiti solo attraverso sforzi straordinari, s’impegna in una continua ricerca di perfezione che resta però insoddisfatta. Il sorgere della dipendenza da lavoro è favorito anche dall’attuale progresso industriale e tecnologico, che determinando una generale situazione d’insicurezza nel mondo lavorativo, spinge gli individui ad eccedere nel proprio lavoro e a competere per paura di perdere il proprio ruolo. Risulta chiaro come aumenti il peso dell’identità lavorativa sull’identità personale. È fondamentale chiarire che il termine dipendenza non ha sempre una connotazione negativa, quindi sarebbe errato parlare di una polarità dipendenza-indipendenza, e sarebbe più opportuno che noi parlassimo di un continuum tra dipendenza sana e patologica, indicando con il primo gli aspetti necessari per il normale funzionamento psichico, aspetti che per alcuni individui possono assumere una forma patologica, quindi la dipendenza patologica viene definita come una esperienza caratterizzata dal bisogno coatto di essere ripetuta con modalità compulsive. Nel passaggio da un comportamento normale ad uno additivo si possono distinguere 3 fasi: iniziale critica e cronica. Nella fase iniziale il soggetto inizia a lavorare di nascosto e i rapporti iniziano a deteriorarsi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
19 2.2 Alcune tipologie di workaholics Anche se generalmente il passaggio dalla fase iniziale a quella critica segue lo stesso iter per i workaholic, si è visto che all’interno di questa categoria di dipendenti si possono scorgere delle caratteristiche peculiari che differenziano i soggetti nel loro comportamento da addiction. Robinson, B. E., in base alla sua esperienza pluriennale, distingue quattro stili per i workaholic. 1. BULIMICO: è tipico di quei soggetti il cui motto è “o faccio tutto perfettamente o non lo faccio affatto”. Questi soggetti vivono alla stregua dei bulimici che alternano periodi di abbuffate a periodi di digiuno, alternando periodi in cui tutto il lavoro viene procrastinato in altri momenti, a periodi in cui rischiano l’esaurimento fisico pur di terminare ciò che stanno facendo. I dipendenti da lavoro cosiddetti bulimici a metà del lavoro si sentono insoddisfatti e finiscono con l’iniziare tutto da capo rimanendo in piedi anche per diverse notti di seguito pur di finire. La caratteristica saliente di questi soggetti è la paura di non fare perfettamente il lavoro e una certa intolleranza verso la possibilità di commettere errori. Loro sono ossessionati continuamente dal lavoro e, rendendosi conto di questa situazione, cercano, senza esito positivo, di far di tutto pur di non pensare al lavoro. 2. RELENTLESS: è caratterizzato dal motto “doveva essere finito ieri”. Le persone che appartengono a questo gruppo vivono una condizione adrenalinica in prossimità delle scadenze, anche se hanno iniziato a svolgere un lavoro con largo anticipo piuttosto che in ritardo. Questo stile è caratterizzato dall’impulsività e dal fatto che i soggetti che si possono riconoscere in queste caratteristiche tendono a farsi carico di troppo lavoro. Loro non rifiutano mai un lavoro, non stabiliscono le priorità tra i vari compiti che sono chiamati a svolgere, non delegano altri. Svolgono il lavoro in maniera così veloce da non permettersi neanche di fare una considerazione attenta, una riflessione o di dare un’attenzione particolare al lavoro che si accingono a svolgere. Spesso denunciano una distorsione nella propria immagine sottolineando quanto la loro competenza sia unica e grandiosa e, al tempo stesso, quanto la propria autovalutazione dipenda dall’approvazione altrui. 3. DEFICIT DELL’ATTENZIONE: usano l’adrenalina generata dalla pressione del sopralavoro come dispositivo di focalizzazione. Le persone caratterizzate da questo stile vivono una condizione al limite del caos, si attivano moltissimo quando hanno delle idee nuove, lanciano dei nuovi progetti che non finiranno mai, si annoiano con i problemi che fanno parte dei nuovi progetti, tamburellano con le dita durante le riunioni, s’irritano facilmente al minimo ostacolo. Generalmente questi soggetti sono attratti da lavori o giochi ad alto rischio. A differenza dei workaholic bulimici che vogliono eseguire il loro lavoro perfettamente fino alla fine, coloro che appartengono a questo gruppo iniziano sempre molti progetti, che eseguiranno negligentemente e si annoiano a seguirli con costanza. 4. SAVORING: I soggetti che appartengono a questo gruppo sono lenti, metodici e molto scrupolosi. Hanno difficoltà a finire un lavoro; si mantengono ancorati a esso,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dipendenze
dipendenza da lavoro
work addiction
workaholism
sistema familiare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi