Skip to content

Progetto di recupero e valorizzazione dell’area degli ex mulino e macello di Lonigo (VI). Dialogo tra opifici storici e residenze moderne attraverso un nuovo itinerario ciclopedonale

Informazioni tesi

  Autore: Marisa Estella Trevisan
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Edile
  Relatore: Enrico Pietrogrande
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 194

Oggetto del presente elaborato è un’area urbana ai margini della città di Lonigo, a sud ovest di Vicenza. Essa presenta tracce storiche costituite da opifici in parte dismessi e abbandonati, in parte riconvertiti ad altre funzioni, assieme ad una porzione di tessuto semi-residenziale. In particolare, quest’area è compresa tra due zone della città molto diverse tra loro: da una parte, il centro storico e, dall’altra, la nuova espansione residenziale nei pressi della tangenziale. A creare ulteriore separazione, vi è la presenza di un corso d’acqua, il fiume Guà, valicabile a monte rispetto all’area di intervento.
Intento progettuale è quello di ricomprendere tale tessuto periferico nell’ambito urbano e valorizzarlo, destinandolo ad attività ricreative e turistiche, inserendolo in un più ampio intervento a livello nazionale, tramite la realizzazione di un nuovo percorso ciclo-pedonale per raggiungere la limitrofa ex linea ferroviaria Treviso-Ostiglia (MN).
In aggiunta a ciò, si è sentita la necessità di destinare la parte più suggestiva dell’area a residenze, che fossero “ai confini” della città ma ben relazionate con essa.
In pratica, a partire da un vecchio macello comunale abbandonato, un mulino non più in grado di conservare memoria dell’operosità passata, vecchi magazzini speculativamente destinati a residenze, e una dismessa attività artigianale (opportunamente collegati con percorsi a misura d’uomo, funzionali agli spostamenti cittadini), si sono ricavate alcune attività commerciali di ristorazione, un’attività alberghiera che permette di vivere pienamente la città, un’attività dedicata al benessere e “un luogo della memoria” dedicato a museo e spazio espositivo per rivivere i fasti dell’antica operosità leonicena; il tutto integrato e bilanciato da residenze confortevoli, caratterizzate da un punto di vista privilegiato su uno degli elementi naturali più caratteristici di Lonigo: il Guà.
Dal punto di vista compositivo, si è ritenuto necessario mantenere ed esaltare l’immagine del mulino e del macello, liberandoli dalle superfetazioni e aggiungendo un tocco di contemporaneità, rileggendo le trasformazioni storiche alla luce delle esigenze moderne e inserendo elementi funzionali alle nuove destinazioni d’uso. Grazie alle sue qualità architettoniche rilevanti, il macello è divenuto, quindi, il fulcro del percorso ciclo-pedonale alla base dell’intero lavoro, ma anche il modulo planimetrico per la definizione dei nuovi volumi abitativi che lo fronteggiano, tanto che l’orientamento dell’intero progetto si muove secondo i suoi assi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
C CO ON NT TE ES ST TO O: : P Pr ro of fi il lo o G Ge eo og gr ra af fi ic co o 3 3 1.1. PROFILO GEOGRAFICO 1.1.1. COLLI BERICI Il sito su cui è sorta e si è sviluppata la città di Lonigo ha un importante ruolo per lo sviluppo della stessa: ci si trova nelle propaggini sud occidentali dei Colli Berici, con parte di terreno collinare che,in tempi antichi,offriva l’opportunità di ripararsi dalle scorrerie di barbari e nemici;inoltre, vi era la presenza di un fiume allora navigabile che scorreva fino al mare Adriatico nonché di una vasta area di campagna solcata da numerosi rii e ricca di sorgive. I Colli Berici formano infatti, un sistema collinare compatto lungo circa 13 chilometri, distinto dalla catena Alpina e dagli Euganei. Hanno la forma di un parallelogramma di quasi 200 chilometri quadrati, con asse maggiore orientato sudest-nordovest. Il gruppo collinare è molto frastagliato nella parte settentrionale mentre è più regolare a sud, verso la bassa pianura. La morfologia è fortemente condizionata dalla situazione litostratigrafica, che comprende un complesso calcareo-marnoso molto erodibile ed estesamente affiorante nel settore occidentale,oltre a un complesso calcareo a volte massiccio, che costituisce buona parte del settore orientale. Il profilo è relativamente uniforme, con pendii dolci e altitudini modeste (raramente si superano i 400 metri sul livello del mare). Sorti dall’antico golfo Adriatico, prima dei Colli Euganei e subito dopo le Prealpi, di cui costituiscono la naturale prosecuzione geologica, presentano un’ossatura fondamentalmente calcarea, analoga a quella delle Prealpi, dalle quali si diversificano la pietra tenera di Costozza, già nota ai Romani e ancor oggi oggetto di estrazioni, e la scaglia, calcare marnoso comune anche a certe zone degli Euganei. La componente calcarea è predominante e da qui ha origine il profondo carsismo. Inoltre, i Berici, pur incisi da valli relativamente larghe, hanno corsi d’acqua insignificanti che prendono una certa forma e continuità solo alla base dei rilievi, più sotto forma di sorgenti che di veri e propri percorsi d’acqua. Oltre alle doline 1 , sono frequenti le grotte naturali, di notevole importanza perché,nei secoli,hanno ospitato popolamenti umani, grazie anche alla loro collocazione in situazioni climaticamente favorevoli. 1 Doline:depressioni del territorio a forma di imbuto, caratteristiche delle regioni carsiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

recupero
recupero urbano
recupero edilizio
lonigo
macello
mulino
ciclopedonale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi