Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di recupero e valorizzazione dell’area degli ex mulino e macello di Lonigo (VI). Dialogo tra opifici storici e residenze moderne attraverso un nuovo itinerario ciclopedonale

Oggetto del presente elaborato è un’area urbana ai margini della città di Lonigo, a sud ovest di Vicenza. Essa presenta tracce storiche costituite da opifici in parte dismessi e abbandonati, in parte riconvertiti ad altre funzioni, assieme ad una porzione di tessuto semi-residenziale. In particolare, quest’area è compresa tra due zone della città molto diverse tra loro: da una parte, il centro storico e, dall’altra, la nuova espansione residenziale nei pressi della tangenziale. A creare ulteriore separazione, vi è la presenza di un corso d’acqua, il fiume Guà, valicabile a monte rispetto all’area di intervento.
Intento progettuale è quello di ricomprendere tale tessuto periferico nell’ambito urbano e valorizzarlo, destinandolo ad attività ricreative e turistiche, inserendolo in un più ampio intervento a livello nazionale, tramite la realizzazione di un nuovo percorso ciclo-pedonale per raggiungere la limitrofa ex linea ferroviaria Treviso-Ostiglia (MN).
In aggiunta a ciò, si è sentita la necessità di destinare la parte più suggestiva dell’area a residenze, che fossero “ai confini” della città ma ben relazionate con essa.
In pratica, a partire da un vecchio macello comunale abbandonato, un mulino non più in grado di conservare memoria dell’operosità passata, vecchi magazzini speculativamente destinati a residenze, e una dismessa attività artigianale (opportunamente collegati con percorsi a misura d’uomo, funzionali agli spostamenti cittadini), si sono ricavate alcune attività commerciali di ristorazione, un’attività alberghiera che permette di vivere pienamente la città, un’attività dedicata al benessere e “un luogo della memoria” dedicato a museo e spazio espositivo per rivivere i fasti dell’antica operosità leonicena; il tutto integrato e bilanciato da residenze confortevoli, caratterizzate da un punto di vista privilegiato su uno degli elementi naturali più caratteristici di Lonigo: il Guà.
Dal punto di vista compositivo, si è ritenuto necessario mantenere ed esaltare l’immagine del mulino e del macello, liberandoli dalle superfetazioni e aggiungendo un tocco di contemporaneità, rileggendo le trasformazioni storiche alla luce delle esigenze moderne e inserendo elementi funzionali alle nuove destinazioni d’uso. Grazie alle sue qualità architettoniche rilevanti, il macello è divenuto, quindi, il fulcro del percorso ciclo-pedonale alla base dell’intero lavoro, ma anche il modulo planimetrico per la definizione dei nuovi volumi abitativi che lo fronteggiano, tanto che l’orientamento dell’intero progetto si muove secondo i suoi assi.

Mostra/Nascondi contenuto.
C CO ON NT TE ES ST TO O: : P Pr ro of fi il lo o G Ge eo og gr ra af fi ic co o 3 3 1.1. PROFILO GEOGRAFICO 1.1.1. COLLI BERICI Il sito su cui è sorta e si è sviluppata la città di Lonigo ha un importante ruolo per lo sviluppo della stessa: ci si trova nelle propaggini sud occidentali dei Colli Berici, con parte di terreno collinare che,in tempi antichi,offriva l’opportunità di ripararsi dalle scorrerie di barbari e nemici;inoltre, vi era la presenza di un fiume allora navigabile che scorreva fino al mare Adriatico nonché di una vasta area di campagna solcata da numerosi rii e ricca di sorgive. I Colli Berici formano infatti, un sistema collinare compatto lungo circa 13 chilometri, distinto dalla catena Alpina e dagli Euganei. Hanno la forma di un parallelogramma di quasi 200 chilometri quadrati, con asse maggiore orientato sudest-nordovest. Il gruppo collinare è molto frastagliato nella parte settentrionale mentre è più regolare a sud, verso la bassa pianura. La morfologia è fortemente condizionata dalla situazione litostratigrafica, che comprende un complesso calcareo-marnoso molto erodibile ed estesamente affiorante nel settore occidentale,oltre a un complesso calcareo a volte massiccio, che costituisce buona parte del settore orientale. Il profilo è relativamente uniforme, con pendii dolci e altitudini modeste (raramente si superano i 400 metri sul livello del mare). Sorti dall’antico golfo Adriatico, prima dei Colli Euganei e subito dopo le Prealpi, di cui costituiscono la naturale prosecuzione geologica, presentano un’ossatura fondamentalmente calcarea, analoga a quella delle Prealpi, dalle quali si diversificano la pietra tenera di Costozza, già nota ai Romani e ancor oggi oggetto di estrazioni, e la scaglia, calcare marnoso comune anche a certe zone degli Euganei. La componente calcarea è predominante e da qui ha origine il profondo carsismo. Inoltre, i Berici, pur incisi da valli relativamente larghe, hanno corsi d’acqua insignificanti che prendono una certa forma e continuità solo alla base dei rilievi, più sotto forma di sorgenti che di veri e propri percorsi d’acqua. Oltre alle doline 1 , sono frequenti le grotte naturali, di notevole importanza perché,nei secoli,hanno ospitato popolamenti umani, grazie anche alla loro collocazione in situazioni climaticamente favorevoli. 1 Doline:depressioni del territorio a forma di imbuto, caratteristiche delle regioni carsiche.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marisa Estella Trevisan Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 639 click dal 05/03/2013.

Disponibile solo in CD-ROM.