Skip to content

I Millennium Development Goals: utopia o realtà?

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Conci
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Franco Volpi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 261

I MDG possono essere considerati la risposta della Comunità Internazionale non solo alla crisi che, a partire dagli anni Novanta del 900 accompagna la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo,ma anche alla messa in discussione del sistema economico capitalista, uscito vincitore dallo scontro con quello comunista. L’ultimo decennio del XX secolo può essere considerato un periodo di transizione e di assestamento, che ha registrato, tuttavia, più sconfitte che vittorie, soprattutto per quanto concerne l’aiuto e la cooperazione. Sono questi gli anni in cui appaiono con sempre maggior chiarezza i limiti di un sistema economico che ha creato, oltre ad un enorme aumento della ricchezza e delle possibilità produttive, un avanzamento tecnologico e scientifico vertiginoso, e che ha permesso a tutti i popoli della terra di interagire tra loro, ma solo a prezzo di un ampliamento significativo della disuguaglianza e, di conseguenza, delle tensioni sociali, di una considerevole instabilità finanziaria ed economica e di un accrescimento del gap tra Paesi ricchi e Paesi poveri. Ed è proprio al termine del secolo che esplodono le proteste (a Seattle, nel 1999, in occasione dell’apertura del Millennium Round del WTO) e si intensificano le critiche, per quella globalizzazione che aveva promesso il benessere a tutto il mondo e che risultava, invece, come l’artefice dei più grandi mali (povertà, prevaricazione, nuove tensioni e conflitti socio-politici, distruzione dell’ecosistema terrestre, ecc.). Inutile poi ricordare che il XXI secolo si è aperto con il più grande attacco terroristico che la storia ricordi (l’attacco dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle), mettendo a dura prova la stabilità internazionale. La governance mondiale ha avvertito quindi l’urgenza di un ri-orientamento degli obiettivi da perseguire e delle priorità da individuare al fine di soddisfare le richieste della Società Globale. I Millennium Development Goals sembrano delineare un progetto molto audace, perché impongono, per la loro realizzazione, una riforma del sistema di gestione economico-politica dell’arena internazionale. A tal fine non bastano l’ottimismo e la volontà di facciata che hanno caratterizzato questi ultimi sei anni, e che hanno fatto registrare scarsissimi progressi nel raggiungimento degli Obiettivi; né basterà aumentare i flussi di aiuto ufficiale; bisognerà, invece, avere il coraggio di far evolvere Istituzioni che sono l’emblema di un mondo che non esiste più e che, fino a questo momento, si sono limitate ad adeguarsi maldestramente al volere, da un lato dei poteri economici - le corporations - e, dall’altro, di quello politico e militare- gli Stati Uniti, che in questo momento rappresentano ancora la superpotenza del pianeta, sebbene sia chiaro che l’influenza da essi esercitata, sia a livello economico che politico, si stia affievolendo -.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione I Millennium Development Goals: utopia o realtà? 9 Introduzione “Se la civiltà ha sconfitto la barbarie che dominava il mondo, non è lecito professare il timore che la barbarie, dopo essere stata largamente debellata, risorga e sconfigga la civiltà. Una civiltà che può soccombere in questo modo al nemico che ha già battuto in precedenza deve essere prima arrivata a un tale punto di degenerazione, che né i suoi sacerdoti e maestri designati né chiunque altro hanno la capacità, o la voglia, di difenderla. Se le cose stanno così, prima una tale civiltà riceve l’ordine di andarsene, meglio è: può solo continuare a peggiorare finché –come accadde all’Impero d’Occidente- dei barbari vigorosi non la distruggano e non la rigenerino” John Stuart Mill 1 La Cooperazione Internazionale allo Sviluppo, la sua crisi contingente e la sua ineluttabile evoluzione, si situa nel più ampio e problematico contesto dei limiti, dei benefici, delle potenzialità espresse ed inespresse, e delle possibili sciagure del capitalismo. Il XX secolo si è concluso con una grande manifestazione di dissenso da parte della Società globale per il sistema economico internazionale (a Seattle, nel 1999, in occasione dell’apertura del Millennium Round del WTO) e il XXI si è aperto con il più grande attacco terroristico che la storia ricordi (l’attacco dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle). Sebbene i due eventi siano completamente estranei l’uno all’altro e debbano, perciò, essere considerati separatamente, in entrambi possiamo leggere l’espressione (chiaramente la prima civile e pacifica, la seconda assolutamente imperdonabile ed inammissibile) di dissenso per il sistema economico internazionale e per la governance che lo gestisce. Tale dissenso nasce dalla profonda insoddisfazione nei riguardi della globalizzazione capitalista che ha preso piede all’indomani della Seconda 1 J. S. Mill, Saggio sulla libertà (1858), Il Saggiatore, Milano, 1997

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sviluppo
cooperazione internazionale
pvs
povertà
cooperazione allo sviluppo
ngo
mdg
millenium development goals
aiuto internazionale
welfare colonialism
aid doesn’t buy growth

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi