Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La ribellione in alcuni personaggi femminili del teatro di Federico García Lorca

In questo lavoro mi occuperò della produzione teatrale di Federico García Lorca. Leggendo le sue opere, si può facilmente osservare come il drammaturgo granadino abbia spesso messo al centro delle proprie opere dei personaggi femminili. L'aspetto più peculiare consiste nel fatto che queste donne vivono in una condizione di subalternità rispetto ad un uomo o sono sottomesse al giogo oppressivo delle convenzioni sociali del loro tempo: sono destinate a questo ruolo, si trovano al centro della scena ma, allo stesso tempo, sono abbandonate a sé stesse.
Questo lavoro si propone di studiare alcuni aspetti che caratterizzano questi personaggi, su tutti le loro diverse reazioni, il modo in cui si ribellano per recuperare libertà e dignità. Per documentarlo, si prenderanno in considerazione tre opere, di tre momenti e generi letterari diversi: Mariana Pineda, un “romance popular” del 1925, La zapatera prodigiosa, una farsa del 1930 e La casa de Bernarda Alba, un dramma del 1936.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In questo lavoro mi occuperò della produzione teatrale di Federico García Lorca. Leggendo le sue opere, si può facilmente osservare come il drammaturgo granadino abbia spesso messo al centro delle proprie opere dei personaggi femminili. L'aspetto più peculiare consiste nel fatto che queste donne vivono in una condizione di subalternità rispetto ad un uomo o sono sottomesse al giogo oppressivo delle convenzioni sociali del loro tempo: sono destinate a questo ruolo, si trovano al centro della scena ma, allo stesso tempo, sono abbandonate a sé stesse. Questo lavoro si propone di studiare alcuni aspetti che caratterizzano questi personaggi, su tutti le loro diverse reazioni, il modo in cui si ribellano per recuperare libertà e dignità. Per documentarlo, si prenderanno in considerazione tre opere, di tre momenti e generi letterari diversi: Mariana Pineda, un “romance popular” del 1925, La zapatera prodigiosa, una farsa del 1930 e La casa de Bernarda Alba, un dramma del 1936. Il lavoro è strutturato in tre capitoli. Nel primo capitolo verrà spiegata l'importanza che il teatro ha rivestito nella vita dell'autore, essendo stata, per sua stessa ammissione, la forma d'arte in cui il poeta si sentiva più a suo agio. In seguito, verrà descritto il contesto storico in cui Federico García Lorca ha vissuto, fondamentale per capire ed apprezzare fino in fondo l'opera dell'autore granadino, insieme alle note biografiche dell'autore. Nel secondo capitolo verranno presentate le tre opere scelte con particolare riferimento ai seguenti elementi: il genere letterario, le reazioni del pubblico e della critica, una sintesi della trama con particolare riferimento al tema trattato. Nel terzo capitolo sarà eseguita un'analisi dei tre personaggi femminili nelle tre opere prese in considerazione (Mariana, Adela, la zapatera), per individuare sulla base del testo il loro ruolo, i condizionamenti presenti nelle opere e le relative reazioni e le diverse modalità di risoluzione dei conflitti. Verrà infine fatto un confronto fra questi tre personaggi, per evidenziarne elementi in comune, differenze ed eventuali contraddizioni. 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Jean Luc Genre Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1700 click dal 08/03/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.