Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di bilancio per indici e per flussi: caso Officine A.Melesi & C srl

L’analisi di bilancio rappresenta un fondamentale strumento tecnico di “riconversione” dei valori illustrati nei documenti contabili di sintesi.
In altri termini essa consente di individuare i punti di forza e debolezza delle combinazioni produttive, nonché le vie da percorrere per il perseguimento ed il miglioramento dell’equilibrio economico nel tempo.
L’analisi di bilancio è quindi una tecnica di confronto di dati normalmente tratti da più bilanci d’esercizio e comparati nel tempo e/o nello spazio al fine di potere studiare gli aspetti della gestione aziendale complementari a quelli espressi dalla misura del reddito di esercizio e del connesso capitale di funzionamento.
Le analisi possono tendere ad accertare diversi aspetti della gestione, aspetti che sono comunque tra loro interconnessi e comunicanti. Si hanno perciò analisi reddituali, analisi finanziarie e analisi patrimoniali.
La gestione dell’azienda deve tendere a realizzare l’equilibrio, che può essere di tre tipi:
• Equilibrio Economico: fa riferimento ai costi, ai ricavi e la reddito, e che consiste nella capacità dell’azienda di remunerare tutti i fattori produttivi compreso il capitale apportato dal titolare o dai terzi, senza alterare l’equilibrio finanziario.
• Equilibrio Finanziario: inteso quale capacità dell’azienda di far fronti ai propri impegni finanziari con i mezzi provenienti dal capitale proprio, dai finanziamenti e dai ricavi, senza pregiudicare gli altri equilibri.
• Equilibrio Patrimoniale: inteso come il risultato finale dei due equilibri in precedenza indicati, e quindi come la capacità dell’azienda di conservare e migliorare l’assetto patrimoniale.
Le aziende non possono fermarsi al solo esame dell’aspetto economico della gestione ma devono valutare anche l’aspetto finanziario e quello monetario, il che significa che non devono considerare solo la fattibilità economica dei programmi, ma che i tempi di realizzazione dei vari progetti.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO 1: SCHEMI DI BILANCIO E LORO RICLASSIFICAZIONE Il bilancio che utilizzeremo è composto da tre documenti quali stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa. Quest’ ultima indica i criteri di redazione del bilancio e mostra approfondimenti riguardo a specifiche voci dello stato patrimoniale (immobilizzazioni, fondi, imposte). 1.1 STATO PATRIMONIALE Le voci dello stato patrimoniale sono regolate da apposite disposizioni civilistiche. L’attivo è composto dagli investimenti o impieghi in essere in un determinato istante mentre il passivo è composto dalle fonti di finanziamento in essere nello stesso istante. Il criterio di distinzione dell’attivo è quello della destinazione mentre per il passivo è quello dell’origine delle fonti 2005 2006 STATO PATRIMONIALE – ATTIVO 81.893.492,00 104.857.029,00 A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI 0,00 0,00 - Crediti verso soci per versamenti dovuti 0,00 0,00 - Crediti verso soci per decimi richiamati 0,00 0,00 B) IMMOBILIZZAZIONI 26.620.974,00 27.408.099,00 I. Immateriali (di cui) 21.571,00 14.677,00 1) Costi di impianto e d'ampliamento 0,00 0,00 2) Costi di ricerca, sviluppo, pubblicità 0,00 0,00 3) Diritti brevetto industriali e diritti utiliz. opere ingegno. 0,00 0,00 4) Concessioni, licenze, marchi e simili 28.389,00 27.806,00 5) Avviamento 0,00 0,00 6) Immobilizzazioni in corso e acconti 0,00 0,00 7) Altre immobilizzazioni 81.162,00 37.779,00 - Fondo ammortamento immob.immateriali (87980,00) (50.908,00) II. Materiali (di cui) 18.224.407,00 20.001.291,00 1) Terreni e fabbricati 10.268.043,00 14.787.734,00 2) Impianti e macchinari 37.762.457,00 39.374.818,00 3) Attrezzature industriali e commerciali 1.588.088,00 2.082.749,00 4) Altri beni 1.229.144,00 1.427.986,00 5) Immobilizzazioni in corso e acconti 322.540,00 2.701.200,00 - Fondo ammortamento immob. materiali (32.945.865,00) (40.373.196,00) III. Finanziarie (di cui) 8.374.996,00 7.392.131,00 1) Partecipazioni in: 8.339.265,00 7.378.433,00 a) imprese controllate 0,00 b) imprese collegate 8.329.183,00 7.368.351,00 c) imprese controllanti 0,00 0,00 d) altre imprese 10.082,00 10.082,00 2) Crediti (di cui) 35.731,00 13.698,00 Totale immobilizz. Finanz. - crediti entro 12 mesi (di cui) 35.731,00 13.698,00 Totale immobilizz. Finanz. - crediti oltre 12 mesi (di cui) 0,00 0,00

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Gianola Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3185 click dal 28/03/2013.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.