Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scrivere il Tàijítú. Interpretazioni filosofiche occidentali del pensiero orientale

La Cina è un'occasione per l'Occidente. Lo è in senso non solo economico, ma anche, e forse sopratutto, filosofico e teoretico. La fine del secolo passato ha ormai decretato l'importanza economica mondiale del paese, e il secondo millennio dovrà fare i conti con la sua centralità nei mercati globali. L'urgenza calzante del problema cinese non si limita però solo al lato economico o politico, ma si impone come ridefinizione necessaria della cultura cinese, spesso bistrattata nel secolo passato, ridotta a simulacro di presunti antichi pensieri primitivi occidentali, nulla a che vedere con la supposta "progressa" civiltà occidentale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4           La  Cina   onomico,  ma   anche,  e  forse  soprattutto,   filosofico  e  teoretico .   La  fine  del  secolo  passato  ha  ormai   aese,  e  il  secondo  millennio  dovrà   cinese  non  si  limita  però  solo  al  lato  economico   o  politico,  ma  si  impone  come   ridefinizione  necessaria  della  cultura  cinese,  spesso  bistrattata  nel  secolo  passato,   ridotta  a  simulacro  di  presunti  antichi  pensieri  primitivi  occidentali,  nulla  a  che   vedere  con  la  supposta     Così  è  stato  ad  esempio  della  poesia  cinese,  ritenuta  infantile  o  futile  dalle   letterature  europee,  o  del  pensiero  filosofico,  etichettato  anche  da  grandi  mostri   sacri  del  pensiero  quali  Hegel  come  rozzo  ed  elementare,  incapace  di  poter  astrarre   ,  privo  di  «alcunché  di  sensato» 1 .  Tale  pregiudizio  si                                                                                                                         1  Cfr.  Hegel  Georg  W.F.,   Lezioni  sulla  storia  della  filosofia ,  La  Nuova  Italia,  Firenze,  1967,  pag.  140.  Sui   rapporti  tra  Hegel  e  il  pensiero  orientale  cfr.  Hulin  Michel,   ,  Vrin,  Parigi,  1979;  e   Pasqualotto  Giangiorgio,   ,   nei  rari  casi  in  cui   è   stato   affrontato   seriamente,   ha   mantenuto   in   linea   generale   il   pregiudizio   hegeliano,   alcune   Yijing   anni,  della  sua  aritmetica  binaria  (cfr.  Leibniz  G.  W.,   Prefazione  al  libro  intitolato  «Le  ultime  novità   della  Cina» ,  in  Id.,   La  Cina ,  a  cura  di  Carlo  Sini,  Spirali,  Milano,  1987).  Egli  riconobbe  inoltre  alla  Cina   una  superiorità  nelle  filosofia  pratica,  pur  ritenendo  il  pensiero  occidental enza   dei   Patriarchi,   direttamente   ispirati   da   Dio.   « Anche   qui   Leibniz   infaticabilmente  si  applicò  per   volgere  al  meglio  la  filosofia  e  la  religione  dei  cinesi,  sforzandosi  di   dimostrare   che   essa   non   è,   nei   suoi   principi,   lontana   da   una   concezione   platoni co-­‐cristiana   dell'universo,  la  quale  poté  presumibilmente  derivarle  da  quella  originaria  e  incorrotta  sapienza   dell'età  dei  Patriarchi,  direttamente  ispirati  da  Dio,  della  cui  esistenza  storica  (si  pensi  anche  al   nostro  Vico)  nessuno  allora  dubitava.  Sicché  il  leggendario  Fohi,  mitico  iniziatore  della  civiltà  cinese,   altri  forse  non  era  che  Zoroastro,  o  Ermete  Trismegisto,  o  Enoc,  e  magari  non  aveva  mai  calcato   suolo  cinese  (come  qualcuno  arrivò  a  supporre,  con  devoti  propositi)»  (Sini  Carlo,   Presentazione,  in  

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lorenzo Zanotti Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 524 click dal 12/03/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.