Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riflessioni sul pensiero politico del primo Nietzsche

Analizzando e intrepretando una delle prime opere giovanili di Nietzsche, "La Nascita della tragedia" e altri scritti, si cerca di analizzare il pensiero politico dell'autore preso in esame in un arco temporale che va dal 1868 al 1872, tempo in cui gli avvenimenti storico politici come la guerra franco-prussiana, la Comune di Parigi e la nascita del II Reich tedesco sconvolsero l'intera Europa. Da queste premesse, Nietzsche fa dialogare la modernità che egli vive con la cultura e l'arte dell'antica Grecia, presa come paradigma per la palingenesi della nuova Germania unificata.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro ha come scopo quello di cercare di delineare, senza pretese, un profilo programmatico del pensiero nietzschiano nei primissimi lavori svolti dall'autore in un arco temporale che va circa dal 1868 al 1872. Si tratta in particolare, dell'analisi della sua prima opera, La nascita della tragedia e del saggio Lo Stato greco, nonché di altre opere di cui poi accenneremo; attraverso esse si inizia a comprendere la rilevanza politica della filosofia di Nietzsche, la quale è stata ed è ancora oggetto di dibattito in campo internazionale. L'analisi del profilo politico dell'autore verrà poi incentrato sul concetto di Stato, il quale è analizzato in modo critico e sistematico affinché sia possibile ricavare le linee direttrici che hanno messo in moto la critica della modernità fortemente presente in Nietzsche. I motivi che hanno spinto la realizzazione di questo testo sono molti ma hanno come comune denominatore l'origine del pensiero politico nietzschiano. Innanzitutto si cercava di capire come una parte della dottrina politica facente capo all'estrema destra abbia preso come punto di riferimento tra i suoi autori un personaggio come Nietzsche. Indubbiamente molte idee e considerazioni nietzschiane rispondono a quelle istanze che provengono dall'estrema destra, come il mito della superiorità nazionale, addirittura il tema della “eugenetica” che, secondo Losurdo nel suo Nietzsche, il ribelle aristocratico, è da accreditarsi ad una concezione nietzschiana dell'uomo, o il tema di una guida del popolo, che molti riconducono alla figura del Führer tedesco. L'ombra mortifera nazista ha, certamente, un peso non irrilevante sulla figura di Nietzsche, ma ancora di più sulla sua opera: ed una prima risposta sul motivo di questo scritto è appunto la ricerca delle radici del pensiero nietzschiano in modo da contrastare il luogo comune che vuole un Nietzsche precursore delle ideologie dell'estrema destra, radici le quali, lo si vedrà, non corrispondono di certo al travisamento dell'ideologia nazista. Bisogna però avvertire, che il presente lavoro non mira alla confutazione del matrimonio tra il nazismo e la filosofia nietzschiana, quanto piuttosto a capire i motivi che introducono il pensiero “politico” in Nietzsche, un pensiero molte volte dibattuto in quanto, come tra poco accenneremo, c'è chi 6

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daryush Sabaghi Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1304 click dal 15/03/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.