Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La traduzione del fumetto tra teoria e prassi

Tradurre un fumetto, a discapito di quanto ritengono in molti, non è un'operazione semplice. Il traduttore di fumetti ha le stesse responsabilità di un traduttore letterario e deve possedere le medesime competenze. La presenza dell'immagine e l'esiguità del testo nei fumetti non sono sempre dei vantaggi. Spesso rappresentano degli ostacoli.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE La vasta produzione di fumetti in tutti il mondo rende sempre più necessaria la loro traduzione in altre lingue, in conseguenza della sempre più crescente domanda da parte degli appassionati del genere. Ciò che però rimane nell’ombra sono le fasi che portano al risultato finale, ossia il fumetto tradotto. Comprendere l’attività del traduttore, le scelte che man mano ha dovuto compiere, è un buon modo per poter dare un giudizio obiettivo al suo operato. Il fumetto, alla stessa stregua di un romanzo, può essere considerato a tutti gli effetti un’arte narrativa. La differenza sostanziale tra un romanzo e un fumetto sta nell’utilizzo da parte del fumetto di immagini che, assieme al testo, narrano la vicenda. Nel fumetto è l’immagine a farla da padrona, mentre il testo ricopre uno spazio minore e ciò per mette una maggiore scorrevolezza e rapidità di lettura. La presenza dell’immagine comunque non è sempre un vantaggio ma, anzi, spesso rappresenta un vero e proprio ostacolo durante il processo di traduzione. Lo scopo di questa tesi è proprio quello di far luce sugli aspetti del fumetto che ne rendono difficile la traduzione, delineando il ruolo del traduttore di fumetti, le competenze che deve possedere, le strategie che deve attuare col fine di comprendere le ragioni delle sue scelte. Il presente lavoro è suddiviso in tre capitoli. Il primo capitolo rappresenta una sorta di introduzione all’oggetto preso in esame. In questo capitolo si tratterà delle origini del fumetto e della sua evoluzione nel tempo, dei rapporti con la società e delle diatribe tra chi lo considera una minaccia e chi ne mette in risalto le buone qualità; si parlerà del linguaggio proprio del fumetto e delle sue

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Giovanni Di Blasi Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6715 click dal 15/03/2013.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.