Skip to content

Devolution e modelli attuativi in Inghilterra

Informazioni tesi

  Autore: Luca Piccinini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Damiano Florenzano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

Ronald Davies, attraverso il sintagma "Devolution is a process, not an event", ha colto un aspetto fondamentale del processo che ha interessato Scozia, Galles, l'Irlanda del Nord e "in qualche misura" la stessa Inghilterra a partire dalla fine degli anni novanta del ventesimo secolo.
La devolution of powers, intesa come la creazione di autorità subnazionali (in Scozia, Galles e Irlanda del Nord) in grado di esercitare poteri a loro trasferiti dal governo centrale, si dimostra allo stato attuale come un fenomeno dinamico e in continua evoluzione, capace di ridisegnare l’assetto istituzionale del Regno Unito; mi riferisco in particolare al referendum sull'indipendenza della Scozia, previsto per l’autunno 2014.
Ho voluto invece incentrare il mio lavoro di tesi sull'analisi della questione più controversa dell'intero processo, che inerisce tuttora all'individuazione di una valida formula per la governance dell'Inghilterra : la cosiddetta "English question". Al fine della risoluzione della stessa, furono individuati, oltre a dei modelli di risoluzione di natura "teorica" (vale a dire difficilmente praticabili, quali le proposte "English votes on English laws", "an English Parliament" o l’indipendenza della stessa Inghilterra), anche l'idea che un decentramento di alcune specifiche competenze (che si sostanziò nel progetto di regionalizzazione dell’Inghilterra, attuato a partire dalla fine degli anni novanta dagli esecutivi Blair - Brown), avrebbe rappresentato una valida soluzione della English question; ponendo rimedio all'evidente squilibrio tra i rilevanti poteri detenuti da alcune unità subnazionali (come la Scozia) e la pressoché totale assenza di governance nel territorio inglese.
A questo scopo il territorio dell’Inghilterra fu suddiviso in otto "regioni" e in ognuna di esse fu costituito un network di "quasi non-governmental organisations" costituito da un Gor (Government Office of the Region), una Rda (Regional Development agency) e una regional chamber. Tuttavia, questo progetto regionalista, nato con le caratteristiche tipiche del "regionalismo funzionale" (allo scopo cioè di favorire la economic regeneration delle regioni inglesi) e che successivamente avrebbe dovuto far evolvere le regioni inglesi in "normative regions" attraverso la costituzione di elected assemblies, è stato definitivamente bloccato dal Public Bodies Act 2011.
Il Public Bodies act (insieme al Localism act 2011) rappresenta, in un certo senso, il tentativo, da parte dell'attuale coaltion-government, di risolvere la English question facendo riassumere al livello del local government le funzioni e le competenze prima detenute da organismi quali i Gors o le Rdas; provando inoltre a rendere il livello di governo locale più uniforme attraverso l’adozione di un "modello organizzativo" precostituito, quale l’elezione diretta dei sindaci. Tuttavia, dal momento che il carattere fondamentale del local government inglese é innanzitutto l’essere un "self-government", caratterizzato cioè da una intrinseca multiformità interna, che sfugge a un modello precostituito, una risoluzione della English question appare ben lungi dall'essere trovata.
Nell'ultima parte dell’analisi mi sono chiesto se il progetto della regionalizzazione dell’Inghilterra possa considerarsi fallito o solo momentaneamente sospeso, arrivando alla conclusione che non é escluso che in futuro possano essere riproposte formule di risoluzione della English question che prevedano ancora il regionalismo come risposta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Il presente lavoro di tesi intende in primo luogo analizzare il concetto di Devolution nel Regno Unito utilizzando l’ assunto metodologico di Ronald Davies, uomo politico considerato come l’ ‘’architetto della devolution’’ nel Galles, ‘’Devolution is a process, not an event’’. Questo processo ha interessato la Scozia, il Galles e l’ Irlanda del Nord e in ‘’qualche misura’’ anche l’ Inghilterra, a partire dalla fine degli anni novanta del ventesimo secolo. Mi dedicherò in particolar modo ad analizzare l’aspetto piø dibattuto di tale fenomeno, che inerisce tuttora all’ individuazione di una valida formula per la governance dell’ Inghilterra : la cosiddetta ‘’English question’’. Mentre la devolution, nella sua primaria accezione 1 , si dimostra come un fenomeno dinamico e in continua evoluzione e la riprova di questo fatto sta nell’ accordo raggiunto tra il Primo Ministro David Cameron e il first minister scozzese Alex Salmond in merito al referendum sull’ indipendenza della Scozia, previsto per l’autunno 2014 2 ; dall’altro lato, il tentativo di rispondere alla ‘’English question’’ attraverso il progetto di regionalizzazione dell’Inghilterra, risulta sostanzialmente fallito o per lo meno, momentaneamente accantonato, con l’approvazione del Public Bodies Act 2011 (che ha abolito gli organismi che costituivano il fulcro della governance delle ‘’regioni’’ inglesi). La prima fase dell’analisi sarà dedicata a rendere esplicito il tema di studio attraverso un’ analisi del concetto di devolution nel Regno Unito e degli aspetti ad esso connessi, non tralasciando il suo background giuspolitico, in quanto si inserisce nel progetto devolutivo che ha contraddistinto gli esecutivi Blair – Brown; nell’ambito del quale sono state costituite Assemblee e governi direttamente eletti dai cittadini in Scozia, Galles e Irlanda del Nord. In una seconda fase mi dedicherò all’analisi dell’ aspetto 1 che ha interessato Scozia, Galles e Irlanda del Nord 2 Caravale, G., Unelected, Unaccountable and Unloved : il fallimento del regionalismo inglese, in Federalismi 11/2012

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

regno unito
devolution
english question
regionalizzazione dell' inghilterra
west lothian question
self-government
regional development agencies
top-down vs bottom-up regionalism
english local government
public bodies act 2011

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi