Skip to content

Green supply chain: chimera o realtà? Il caso Fiat S.p.A.

Informazioni tesi

  Autore: Irene Marangoni
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Marketing e Comunicazione d'Azienda
  Relatore: Ivan Russo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

Questo lavoro esplora il concetto di sostenibilità applicandolo alla catena di fornitura, con un particolare focus sul settore automobilistico e l’analisi del Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Fiat del 2011.
Nel primo capitolo, “sostenibilità e supply chain management”, viene delineata la nascita e lo sviluppo del concetto di sviluppo sostenibile e la formulazione tripartita delle tre dimensioni della sostenibilità che vanno perseguite congiuntamente: economica, sociale ed ambientale. Si è poi esposta la teoria della “Natural Resource Based View” dell’azienda di Hart, che integra nella gestione aziendale le istanze ambientali. Si è introdotta la gestione della catena di fornitura, riportando le definizioni di alcuni tra i più noti studiosi della materia e si è focalizzata l’attenzione sulla metodologia di gestione basata sui processi e l’output finale. In chiusura del capitolo si sono presentati i due modelli di gestione della supply chain per processi, il modello del Global Supply Chain Forum, GSCF, e Supply Chain Operations Reference, SCOR.
Il secondo capitolo, il più corposo, è stato interamente dedicato al green supply chain management. Si sono esposte le forze che spingono le aziende verso una gestione ambientale, con un’analisi sulla scarsità delle risorse naturali e le tensioni sui prezzi del petrolio e come queste variazioni abbiano impatti macro e microeconomici rilevanti. Nel terzo paragrafo si è esposto il quadro teorico di riferimento elaborato da Carter e Rogers del Sustainable Supply Chain Management, mentre nel quarto paragrafo si è effettuata una classificazione delle attività di Green Supply Chain Management, che sono poi state analizzate singolarmente, con un particolare focus sul processo di gestione dei ritorni. Il quinto paragrafo ha introdotto il tema della catena di fornitura del futuro che integri le dimensioni verde, lean e globale.
Il capitolo terzo è entrato nel merito del settore automobilistico, analizzandone il modello di supply chain e “double layer closed loop”, che presuppone la chiusura della catena di fornitura, comprendendo la gestione dei ritorni. E’ stata presentata la Direttiva 2000/53/CE e il D.lgs 209/2003 che l’ha recepita e che stabilisce precise quote di recupero e di riciclo in base al peso di ciascuna vettura. In ambito italiano, di particolare importanza è l’Accordo Quadro per la gestione dei veicoli fuori uso che riunisce tutti gli attori della filiera automobilistica, favorendo il recupero e il riciclo. Sono stati riportati successivamente i dati sul riciclo di autovetture in Italia tratte dal rapporto “Riciclo Italia 2011” e i progetti innovativi di recupero energetico riguardanti il fluff, residuo al termine della demolizione dell’autoveicolo che generalmente viene inviato a discarica, plastiche e polimeri e pneumatici.
Il quarto capitolo è dedicato interamente al Bilancio di Sostenibilità di Fiat Group 2011 e ne ricalca l’ossatura di base, con una divisione che segue le iniziative intraprese nelle tre dimensioni della sostenibilità: economica, ambientale e sociale. Sono stati presi in considerazione gli obiettivi e le azioni fissate per l’anno 2012, gli organi e i meccanismi che integrano la sostenibilità nella gestione aziendale.
Il quinto ed ultimo capitolo formula le considerazioni finali, sintetizzando gli apporti forniti nel corso dell’elaborato e rispondendo all’interrogativo iniziale posto come titolo di questo lavoro: “green supply chain: chimera o realtà?”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
VIII INTRODUZIONE Questo lavoro esplora il concetto di sostenibilità applicandolo alla catena di fornitura, con un particolare focus sul settore automobilistico e l’analisi del Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Fiat del 2011. Dato il mio grande interesse per la logistica, ed avendo già svolto una tesi in Economia della Mobilità e dei Trasporti in sede di laurea triennale, la scelta non poteva che ricadere sull’insegnamento di Customer Service e Supply Chain Management dei Professori Russo e Gaudenzi. Poiché la tesi di laurea triennale ha riguardato il trasporto idroviario come modalità alternativa di trasporto delle merci a basso impatto ambientale, in questa tesi di laurea magistrale ho deciso di continuare ad esplorare il lato “ambientale” della logistica, la green supply chain, e di analizzare gli impatti di questa gestione sulla performance economica. Nel primo capitolo, “sostenibilità e supply chain management”, viene delineata la nascita e lo sviluppo del concetto di sviluppo sostenibile e la formulazione tripartita delle tre dimensioni della sostenibilità che vanno perseguite congiuntamente: economica, sociale ed ambientale. Si è poi esposta la teoria della “Natural Resource Based View” dell’azienda di Hart, che integra nella gestione aziendale le istanze ambientali. Si è introdotta la gestione della catena di fornitura, riportando le definizioni di alcuni tra i più noti studiosi della materia e si è focalizzata l’attenzione sulla metodologia di gestione basata sui processi e l’output finale. In chiusura del capitolo si sono presentati i due modelli di gestione della supply chain per processi, il modello del Global Supply Chain Forum, GSCF, e Supply Chain Operations Reference, SCOR. Il secondo capitolo, il più corposo, è stato interamente dedicato al green supply chain management. Si sono esposte le forze che spingono le aziende verso una gestione ambientale, con un’analisi sulla scarsità delle risorse naturali e le tensioni sui prezzi del petrolio e come queste variazioni abbiano impatti macro e microeconomici rilevanti. Nel terzo paragrafo si è esposto il quadro teorico di riferimento elaborato da Carter e Rogers del Sustainable Supply Chain Management, mentre nel quarto paragrafo si è effettuata una classificazione delle attività di Green Supply Chain Management, che sono poi state analizzate singolarmente, con un particolare focus sul processo di gestione dei ritorni. Il quinto paragrafo ha introdotto il tema della catena di fornitura del futuro che integri le dimensioni verde, lean e globale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
sviluppo sostenibile
sostenibilità
supply chain management
life cycle assessment
reverse logistics
risorse naturali
green supply chain management
green design
natural resource based view
sustainable supply chain management
mobilità ecologica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi