Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Adorno e Scruton. Un confronto critico sul significato dell'esperienza musicale.

Lo scopo della presente ricerca è fornire un’analisi del significato dell’esperienza musicale e, in rapporto a questo, comprendere quale possa essere il valore della musica e la sua funzione all’interno della società. Con questo obiettivo si è operato il confronto del pensiero di Theodor W. Adorno con quello di Roger Scruton, concentrandosi in particolare sulla filosofia di quest’ultimo. Questa scelta è dovuta al fatto che il suo pensiero occupa un ruolo di primo piano all’interno del dibattito filosofico-musicale attuale. Infatti egli si è occupato di questioni molto discusse, tra cui la definizione di che cosa sia la musica, il problema dell’espressività musicale, e il rapporto tra la musica e le emozioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione “I musicisti non solo compongono, ma pensano: a me interessa il pensiero che sta dietro la musica.” 1 (Murray Perahia) La musica è un’esperienza umana fondamentale. Per quanto poche persone sentano il bisogno di parlare filosoficamente della musica, 2 molti musicisti, professionisti e non, manifestano invece la necessità di riflettere su di essa in maniera argomentata e puntuale. Questo permette di comprendere aspetti dell’esperienza musicale che altrimenti rimarrebbero oscuri, e di considerare criticamente non solo gli aspetti tecnici della pratica musicale, ma anche le motivazioni del fare musica. A questo proposito, lo scopo della presente ricerca è fornire un’analisi del significato dell’esperienza musicale e, in rapporto a questo, comprendere quale possa essere il valore della musica e la sua funzione all’interno della società. Con questo obiettivo si è operato il confronto del pensiero di Theodor W. Adorno con quello di Roger Scruton, concentrandosi in particolare sulla filosofia di quest’ultimo. Questa scelta è dovuta al fatto che il suo pensiero occupa un ruolo di primo piano all’interno del dibattito filosofico-musicale attuale. Infatti egli si è occupato di questioni molto discusse, tra cui la definizione di che cosa sia la musica, il problema dell’espressività musicale, e il rapporto tra la musica e le emozioni. Il contributo di Adorno e Scruton nel panorama della filosofia della musica è rilevante. Theodor W. Adorno (1903-1969) fu tra i piø influenti pensatori del XX secolo, e si occupò per gran parte della sua vita di questioni di estetica musicale, introducendo nell’indagine filosofica anche i contributi di scienze umane come la 1 Murray Perahia, su Corriere della sera, nell’articolo «La musica è una religione» di Parola Enrico, 8 febbraio 2010, p. 10, disponibile su internet al sito: http://archiviostorico.corriere.it/2010/febbraio/08/musica_una_religione__co_7_ 100208043.shtml 2 A. Bertinetto, Il pensiero dei suoni, Milano, Bruno Mondadori, 2012, p. 2.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristina Spadotto Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 626 click dal 03/04/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.