Skip to content

La Social Cognition nella 22q11DS: Rilevanza per la psicosi?

Informazioni tesi

  Autore: Cinzia Correale
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Giuseppe Nicolò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

Questo lavoro si propone di analizzare il ruolo della Social Cognition nella Sindrome da microdelezione del cromosoma 22q11.2 (nota anche come Sindrome DiGeorge o Sindorme Velo-Cardio-Facciale) come uno dei predittori più significativi di esordio psicotico.
Poiché gli aspetti riguardanti la cognizione sociale sono considerati sempre più centrali nella Schizofrenia idiopatica, risulta interessante indagare il campione di soggetti affetti da questa sindrome genetica dal momento in cui sembrano essere informativi per lo sviluppo e la comprensione della patofisiologia della Schizofrenia nella popolazione più ampia. Infatti, circa il 30% degli individui affetti da Sindrome DiGeorge sviluppa un disturbo psicotico in adolescenza o durante la prima età adulta, rappresentando in questo modo uno dei più grandi fattori genetici di rischio attualmente noti per la Schizofrenia.
A tal fine, il presente lavoro ha approfondito in primo luogo l’esordio psicotico in infanzia e adolescenza, introducendolo in maniera storica, descrittiva e diagnostica ed individuando gli aspetti distintivi rispetto all’esordio psicotico in età adulta.
In secondo luogo, è sembrato opportuno introdurre i concetti di Stati Mentali a Rischio e Sindrome da Rischio Psicotico per sottolineare la crescente importanza assunta dalla prevenzione primaria selettiva e secondaria precoce in ambito psichiatrico internazionale. Entrambi i concetti sono finalizzati infatti all’identificazione tempestiva dello stato prodromico, che permetterebbe di anticipare o addirittura prevenire l’esordio psicotico.
Infine, si è introdotto il concetto di Social Cognition per poi correlarlo alla sindrome genetica DiGeorge. Le ricerche presenti attualmente in letteratura constano di pochi studi effettuati durante l’ultimo anno, poiché risulta essere un argomento di recente interesse per i genetisti e gli psichiatri di tutto il modo. Per questo motivo, nel presente elaborato sono state illustrate le evidenze fino ad oggi trovate con la consapevolezza che siano ancora esigue ma di intenso interesse e in costante sviluppo nella letteratura scientifica internazionale.
Un protocollo di ricerca che mira ad indagare, tra gli altri aspetti, la cognizione sociale nella Sindrome DiGeorge, è attivo presso l’IRCSS dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma nel reparto di Neuropsichiatria Infantile. E’ per questo motivo che si è deciso nel presente elaborato di illustrare il lavoro di ricerca, gli strumenti utilizzati e i futuri obiettivi ai quali la sottoscritta ha avuto l’onore di partecipare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità Libera Università Maria Santissima Assunta Anno Accademico 2011-2012 ________________________________________________________________________ 3 Introduzione Questo lavoro si propone di analizzare il ruolo della Social Cognition nella Sindrome da microdelezione del cromosoma 22q11.2 (nota anche come Sindrome DiGeorge o Sindorme Velo-Cardio-Facciale) come uno dei predittori più significativi di esordio psicotico. Poiché gli aspetti riguardanti la cognizione sociale sono considerati sempre più centrali nella Schizofrenia idiopatica, risulta interessante indagare il campione di soggetti affetti da questa sindrome genetica dal momento in cui sembrano essere informativi per lo sviluppo e la comprensione della patofisiologia della Schizofrenia nella popolazione più ampia. Infatti, circa il 30% degli individui affetti da Sindrome DiGeorge sviluppa un disturbo psicotico in adolescenza o durante la prima età adulta, rappresentando in questo modo uno dei più grandi fattori genetici di rischio attualmente noti per la Schizofrenia. A tal fine, il presente lavoro ha approfondito in primo luogo l’esordio psicotico in infanzia e adolescenza, introducendolo in maniera storica, descrittiva e diagnostica ed individuando gli aspetti distintivi rispetto all’esordio psicotico in età adulta. In secondo luogo, è sembrato opportuno introdurre i concetti di Stati Mentali a Rischio e Sindrome da Rischio Psicotico per sottolineare la crescente importanza assunta dalla prevenzione primaria selettiva e secondaria precoce in ambito psichiatrico internazionale. Entrambi i concetti sono finalizzati infatti all’identificazione tempestiva dello stato prodromico, che permetterebbe di anticipare o addirittura prevenire l’esordio psicotico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicosi
schizofrenia
teoria della mente
social cognition
sindromi genetiche
cognizione sociale
esordio psicotico
sindrome digeorge
stati mentali a rischio
psychosis risk syndrome

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi