Skip to content

La sussidiarietà orizzontale: le funzioni amministrative esercitate da enti della società civile

Informazioni tesi

  Autore: Evelina Benzi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Amministrazioni e politiche pubbliche
  Relatore: Gabriele Bottino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 218

Obiettivo del presente elaborato è quello di dimostrare come il termine sussidiarietà orizzontale sia da sempre stato eccessivamente caricato di valori ideologici e come sia dunque meglio, per evitare di incorrere in errori interpretativi, parlare di collaborazione o partnership pubblico-privato e di nuovo paradigma pluralista. Fondamentale è dunque cogliere gli elementi fondanti dello stesso principio e passare dall’astrazione al piano concreto della sua implementazione, attraverso l’analisi di due esperienze portate avanti con successo, le Banche del Tempo e il Centro Medico Santagostino. In estrema sintesi, la sussidiarietà orizzontale non è supplenza e sostituzione, bensì affiancamento e collaborazione tra attori diversi; non è mero arretramento del pubblico, ma criterio guida verso una nuova Pubblica Amministrazione incentivante e propulsiva, che svolga un costante intervento a promozione del perseguimento congiunto pubblico-privato dell’interesse generale; inoltre, non deve essere implementata come mera esternalizzazione o decentramento di pubbliche funzioni affidate, dall’alto, all’attore privato, così come non deve consistere in una funzionalizzazione del privato al perseguimento di fini propriamente pubblici. L'excursus storico, dalla formulazione al riconoscimento giuridico del principio in analisi all'interno dell'ordinamento italiano, e l'analisi delle dottrine di giuristi quali Zanobini e Duret hanno evidenziato come, nel diritto amministrativo, la corretta implementazione della sussidiarietà orizzontale non sia ancora stata compiuta. Soprattutto perché si è ancora fortemente legati alla nozione di supremazia di una PA che non vuole rinunciare al suo ruolo di controllo e superiorità. Questo è chiaro in Lombardia dove la sussidiarietà orizzontale è realizzata dall’alto, imponendo secondo un meccanismo top-down l’inclusione degli enti della società civile nel processo di policy making. Altro esempio di errata implementazione del principio sono le ronde cittadine previste per legge dal decreto Maroni del 2009. Inoltre, la sola legge che sembrerebbe proporre concrete modalità e strumenti per implementare la sussidiarietà orizzontale, la legge quadro 328/2000, regola i rapporti tra PA, società civile e privato sociale prevalentemente attraverso istituti quali l’autorizzazione e l’accreditamento che di fatto fanno venir meno l’elemento fondamentale per la realizzazione della sussidiarietà orizzontale, cioè l’autonomia dell’iniziativa privata. Nonostante tutto non mancano iniziative private che partendo autonomamente e spontaneamente dal basso, grazie all'azione del privato-sociale o Terzo settore, realizzano la vera sussidiarietà orizzontale che auspica alla realizzazione di una fattiva partnership pubblico-privato. Si vedano, ad esempio, l'esperienza della Banca del Tempo di Rho e quella del Centro Medico Santagostino di Milano, promosso da Oltre Venture capital sociale - società di investimenti ispirata alla Venture Philantrhopy. Particolarmente rilevanti sono, infine, le implicazioni dell'implementazione della sussidiarietà orizzontale nel settore del welfare, la quale, una volta constatata la visibile ed attuale crisi del tradizionale Welfare State, può essere un utile strumento di innovazione per trovare soluzioni durature quali il c.d. secondo welfare e la Welfare Society.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO 1 Introduzione al concetto di sussidiarietà 1.1 Il concetto di subsidium Al fine di poter comprendere l’ampia portata e le possibili implicazioni del principio di sussidiarietà, inteso nelle sue dimensioni verticale ed orizzontale e nelle sue accezioni positiva e negativa, è necessario condurre una prima analisi introduttiva in merito al lemma “sussidiarietà”, seguendo un approccio etimologico e formale, prima ancora che sostanziale e di concetto. Il significato originale del termine deriva dalla parola latina subsidium cioè aiuto, sostegno, rimedio. Gli stessi verbi subsidiari e subsidere significano, il primo, “essere di riserva”, “venire in aiuto” e, il secondo, “mettersi a sedere”, “appostarsi”, “stare in agguato”. Nella terminologia militare romana le subsidiariae cohortes erano le truppe di riserva che stavano dietro al fronte pronte a soccorrere e ad intervenire a sostegno delle coorti che combattevano nella prima acies, cioè in prima linea, qualora queste ultime fossero in difficoltà e non riuscissero a fronteggiare le milizie nemiche 1 . Dunque, il subsidium indicava un aiuto tenuto in riserva e offerto solo in caso di necessità, quando, cioè, chi doveva adempiere ad un compito non fosse stato in grado di farlo con le proprie forze. In questo contesto, la sussidiarietà è da intendersi come l’aiuto e il sostegno apportato, in caso di effettivo bisogno, dagli organismi piø piccoli e secondari, a quelli piø grandi e primari, originariamente evocando l’idea di azione suppletiva e di secondarietà. Al contrario, il concetto generale di subsidium applicato alla società odierna, caratterizzata dal decentramento e dalla valorizzazione dell’autonomia dei piø piccoli (dai livelli territoriali inferiori al singolo cittadino, passando per le autonomie funzionali), implica l’intervento di un’entità superiore a sostegno, o in ausilio, all’entità inferiore, qualora questa non sia in grado di far fronte ai propri bisogni e ai propri compiti con le sue sole forze 2 . Si sottolinea che con il termine “superiori” si indicano gli enti, sia pubblici che 1 Cervone L., “Principio di sussidiarietà e sistema delle fonti”, Alma Mater Studiorum-Università di Bologna, A.A. 2005/2006, p.44. 2 Lo Presti L., “Primi Saggi: Il principio di sussidiarietà”, p.6. Documento disponibile al sito: www.isspe.it/rassegna-siciliana/103-primi-saggi-il-principio-di-sussidiarieta-luisa-lo-presti.html.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

terzo settore
pubblica amministrazione
società civile
lombardia
sussidiarietà orizzontale
banche del tempo
secondo welfare
articolo 118
autoamministrazione dei privati
centro medico santagostino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi