Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Arena di Verona, contesto storico, normativo, gestionale e proposte di valorizzazione

Studio del contesto normativo del patrimonio culturale degli ultimi decenni, riferito in particolare all'Arena di Verona, con la funzione di trovare dove e in che modo intervenire per procedere alla valorizzazione dell'anfiteatro. Analisi delle proposte concrete di valorizzazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Chi, almeno in Europa, non ha mai sentito nominare l’Arena di Verona? Quanti cittadini italiani non hanno impressa nei loro ricordi l’atmosfera sognante dell’anfiteatro durante un concerto o un’opera lirica? Quanti, almeno tra le nuove generazioni, non vi hanno visitato almeno una volta i presepi esposti nel periodo natalizio? Siamo sicuri che la risposta del lettore a questi quesiti è: “pochi”. Ma “pochi”, con ogni probabilità, è la riposta anche a quest’interrogativo: quanti hanno visitato il monumento con grandi aspettative e se lo sono lasciato alle spalle completamente appagati? In questo lavoro proveremo a decifrare i motivi di un’offerta sicuramente migliorabile, e proveremo ad analizzare quali possano essere le soluzioni plausibili che facciano lievitare il numero di questi “pochi” e il loro grado di soddisfazione. Crediamo, infatti, che sia possibile migliorare la fruibilità dell’anfiteatro, simbolo del patrimonio culturale italiano e apprezzato in tutto il mondo, fornendo ulteriori servizi al visitatore. Oltre ad un ricerca che analizzi il contesto culturale, amministrativo e gestionale, formuleremo anche proposte d’innovazione basate sulle ultime tecnologie. In quanto dipendente di Fondazione Arena da anni, e quindi trascorrendo ogni estate a stretto contatto con la vita dell’anfiteatro, il quesito che mi ha spinto nella scelta di questa ricerca è il seguente: perché l’Arena di Verona, una struttura meravigliosa e dalle numerose e molteplici potenzialità, viene valorizzata solo parzialmente? La sensazione, poi confermata, è che si dia molto più peso all’utilizzo dell’anfiteatro come tribuna di spettacoli, seppure suggestivi e unici, e meno all’aspetto monumentale, all’edificio da visitare in quanto testimonianza vivente di duemila anni di storia ed identità culturale. Come analizzeremo in seguito, la situazione amministrativa e gestionale dell’Arena, e più in generale del patrimonio culturale italiano, è il risultato di un’evoluzione piuttosto complessa. In questi decenni si sta attraversando una fase di transizione, dall’antica conduzione istituzionale verso un’apertura al mercato, grazie alla sempre più concreta possibilità di partecipazione di soggetti ed enti privati. Il vasto dibattito sull’eticità storico culturale e le modalità di realizzazione di questo processo non è certo prerogativa di questi ultimi anni, ma accompagna il patrimonio culturale italiano da diversi decenni. Non avendo naturalmente facoltà di intervento in

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale

Autore: Manuel Marini Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1309 click dal 05/04/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.