Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato dei parchi divertimento in Italia: Mirabilandia e il marketing del divertimento.

C’è una parte della nostra vita che esula da ciò che comporta quella che viene definita “routine”; per noi tutti arriva il momento, durante la giornata, la settimana, il mese o l’anno, in cui facciamo “quello che ci va” e non quello che “dobbiamo fare”. Sono i momenti che concediamo a noi stessi, agli amici e/o alla nostra famiglia e per i quali cerchiamo esperienze indimenticabili. Quei momenti vengono definiti con il nome di “tempo libero”.
Questa necessità di occupare il nostro tempo libero in modi sempre più diversi per creare ricordi, provare esperienze, rilassarsi, socializzare e vedere il mondo ha fatto si che a do-manda rispondesse l’offerta e ha dato vita ad un vero e proprio settore in cui una serie di attori mettono in campo le loro capacità personali, manageriali e finanziare ed i loro strumenti, per permetterci di costruire queste esperienze godendo delle più disparate alternative.
E’ su questa necessità che poggiano i due settori protagonisti del nostro elaborato: il settore del turismo e il settore dell’amusement.
Non ci porremo solo dalla parte del consumatore ma anche e soprattutto dalla parte di chi destina la sua vita al divertimento degli altri. Cercheremo quindi di capire cosa vuol dire gestire un Parco Divertimenti e incontrare i diversi gusti di diversi consumatori, sia all’interno dello stesso mercato locale che mettendo a confronti i diversi mercati.
E, come lavoro principale, entreremo nelle strategie di marketing del Parco più grande d’Italia: Mirabilandia.

Mostra/Nascondi contenuto.
Alessio Brunelli Il mercato dei Parchi Divertimento in Italia: Mirabilandia e il marketing del divertimento 5 INTRODUZIONE C’è una parte della nostra vita che esula da ciò che comporta quella che viene definita “routine”; per noi tutti arriva il momento, durante la giornata, la settimana, il mese o l’anno, in cui facciamo “quello che ci va” e non quello che “dobbiamo fare”. Sono i mo- menti che concediamo a noi stessi, agli amici e/o alla nostra famiglia e per i quali cerchia- mo esperienze indimenticabili. Quei momenti vengono definiti con il nome di “tempo libe- ro”. Questa necessità di occupare il nostro tempo libero in modi sempre più diversi per creare ricordi, provare esperienze, rilassarsi, socializzare e vedere il mondo ha fatto si che a do- manda rispondesse l’offerta e ha dato vita ad un vero e proprio settore in cui una serie di attori mettono in campo le loro capacità personali, manageriali e finanziare ed i loro stru- menti, per permetterci di costruire queste esperienze godendo delle più disparate alternati- ve. E’ su questa necessità che poggiano i due settori protagonisti del nostro elaborato: il settore del turismo e il settore dell’amusement. Perché milioni di persone, ogni anno, decidono di spendere parte del proprio tempo libero all’interno di una struttura come i parchi divertimento? Perché scelgono questa soluzione rispetto a tante altre a disposizione, come ad esempio un viaggio? Ma poi, è veramente un’ alternativa? Queste ed altre sono le domande a cui cercheremo di dare risposta. Non ci porremo solo dalla parte del consumatore ma anche e soprattutto dalla parte di chi destina la sua vita al divertimento degli altri. Cercheremo quindi di capire cosa vuol dire gestire un Parco Divertimenti e incontrare i diversi gusti di diversi consumatori, sia all’interno dello stesso mercato locale che mettendo a confronti i diversi mercati. E, come lavoro principale, entreremo nelle strategie di marketing del Parco più grande d’Italia: Mirabilandia. La nostra metodologia di lavoro poggia sull’osservazione partecipante, favorita da un’esperienza diretta all’interno della struttura, tramite una collaborazione di lavoro trien- nale con il Dipartimento Commerciale del Parco romagnolo. Le fonti utilizzate sono principalmente on-line e contano autorevoli testate giornalistiche e reportistiche del settore per favorire una maggior vicinanza d’analisi al “vivo” dei parchi divertimento del nostro paese (e del nostro continente). Si sono poi analizzati diversi con-

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Brunelli Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6705 click dal 11/04/2013.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.