Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'immagine corporea tra costruzione mediatica e dispercezione

Il tema centrale di questa tesi è l'immagine corporea. Parte da come la costruzione dei generi e dei ruoli sociali passi attraverso il corpo formandone l’identità, per giungere poi a ripercorrere quali sono stati i canoni di bellezza delle società passate e come oggi siano mutati tali canoni conseguentemente alla diffusione dei mass media.
La tesi propone lo sviluppo di queste tematiche dedicando un ampio spazio alla dispercezione, sia maschile che femminile, e ai comportamenti che vengono messi in atto per controllare e manipolare il corpo fino ad
arrivare, nei casi più gravi, a sviluppare vere e proprie patologie, quali anoressia e bulimia, ma anche disturbi del comportamento alimentare meno conosciuti, ma altrettanto diffusi.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Un giorno un filosofo e fisico Ernst Mach, mentre viaggiava su un autobus, intravide nel vetro di un finestrino un uomo dall’aspetto trasandato, mal vestito e spettinato. “Deve essere un insegnante in bolletta” pensò. Solo dopo si rese conto che il presunto insegnante povero in realtà era lui: non aveva riconosciuto la propria immagine riflessa. Tale aneddoto è un buon esempio del fatto che il nostro corpo ci appare in un modo particolare. Benché possiamo rappresentarcelo come un oggetto tra gli altri, talvolta, quando lo vediamo in uno specchio o in una foto, addirittura può accadere di non riconoscerlo come nostro. Questa tesi propone proprio lo sviluppo di questa tematica, partendo da come la costruzione dei generi e dei ruoli sociali passi attraverso il corpo formandone l’identità, per giungere poi a ripercorrere quali sono stati i canoni di bellezza delle società passate e come oggi siano mutati tali canoni conseguentemente alla diffusione dei mass media. La parte finale della tesi è dedicata alla dispercezione sia maschile che femminile e ai comportamenti che vengono messi in atto per controllare e manipolare il corpo fino ad arrivare, nei casi più gravi, a sviluppare vere e proprie patologie. Più nel dettaglio, i 6 capitoli di cui si compone questa tesi trattano tutti un tema specifico. Il primo capitolo tratta il corpo dal punto di vista antropologico, descrivendo quanto ognuno di noi utilizzi lo sguardo per formarsi una prima impressione delle persone che incontra. Uno dei primi elementi che prendiamo in considerazione è proprio l’aspetto fisico che in un certo senso è considerato un biglietto da visita. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Sara Veneziani Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1454 click dal 16/04/2013.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.