Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prospettive antropologiche dell'educazione interculturale nella scuola dell'obbligo

L'argomento assume un valore di particolare significato nell'attuale momento storico in cui la scuola italiana è chiamata ad affrontare una sua epocale riforma, per rispondere alle esigenze che nascono dalla società complessa dei nostri giorni e che attengono specificamente all'impegno di realizzare una organizzazione educativa e didattica che assicuri il successo formativo, inteso come piena formazione della personalità, nel rispetto delle identità personali, sociali, culturali e professionali dei singoli alunni. E' in questa prospettiva che si pone la problematica dell'educazione interculturale che, seppure resa urgente dalle dimensioni dei flussi migratori, sempre più consistenti, tuttavia trova il suo fondamento nel pluralismo culturale della carta costituzionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I Un intreccio di culture 1 PRESENTAZIONE Il volume, frutto di un'attenta rielaborazione di una tesi di Laurea dal significativo titolo Prospettive antropologiche dell'educazione interculturale nella scuola dell'obbligo, assume un valore di particolare significato nell'attuale momento storico, in cui la scuola italiana e' chiamata ad affrontare una sua epocale riforma, per rispondere alle esigenze che nascono dalla società complessa dei nostri giorni e che attengono specificamente all'impegno di realizzare una organizzazione educativa e didattica che assicuri il successo formativo, inteso come piena formazione della personalità, nel rispetto delle identità personali, sociali, culturali e professionali dei singoli alunni. La scuola dell'autonomia non può non risultare impegnata a dare risposta anche alle esigenze del mondo dell'economia e del lavoro, ma è soprattutto impegnata ad adempiere al dettato costituzionale del pieno sviluppo della persona umana, nel rispetto delle identità personali, sociali e culturali dei singoli alunni. È in questa prospettiva che si pone la problematica dell'educazione interculturale che, seppure resa urgente dalle dimensioni dei flussi migratori, sempre più consistenti, tuttavia trova il suo fondamento nel pluralismo culturale della Carta costituzionale, peraltro pienamente recepito dai Programmi didattici del 1985. L'educazione interculturale non costituisce un'integrazione, un impegno formativo aggiuntivo della scuola per la formazione di base, ma rientra nella sua normale organizzazione educativa e didattica, in quanto essa non può non essere rispettosa delle identità personali, sociali e culturali di tutti i soggetti che la frequentano e, quindi, anche degli immigrati, quale che sia il loro paese di origine. L'educazione, intesa come processo di formazione della persona umana, non può non essere interculturale, aperta a tutte le culture. E, pertanto, il saggio della Parrillo torna quanto mai opportuno, in quanto sottolinea questa esigenza, mettendo a fuoco la problematica dell'educazione interculturale, che viene analizzata nei suoi diversi aspetti. Innanzitutto, viene effettuata l'analisi del concetto di cultura e di costruzione dell'identità culturale, che assume particolare importanza, non solo in riferimento ai bambini immigrati. Segue il disegno dell'impegno formativo della 'scuola interculturale", qual è e deve essere la scuola di tutti i bambini, anche quando non sono presenti bambini immigrati. Particolare rilievo assume poi la presentazione della normativa relativa alla problematica dell'educazione interculturale. Completa il volume la presentazione critica di alcune significative esperienze di educazione interculturale nelle scuole della Città di Salerno. La trattazione è sempre lineare, chiara, precisa, documentata su un piano di validità scientifica. Come tale, il saggio della Parrillo si offre quale strumento estremamente utile per la formazione e l'aggiornamento degli operatori scolastici, non solo sulla problematica dell'educazione interculturale, ma anche sulla più ampia problematica della

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Assunta Parrillo Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8687 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.