Skip to content

La vita della comunità ebraica di Lugo nei verbali delle sedute consiliari degli anni 1670-1759, MS. GERUSALEMME, HM2/9654

Informazioni tesi

  Autore: Elena Lolli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Storia e Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Fabio Martelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

In linea con una nuova sensibilità storiografica e con un nuovo tipo di approccio teso a valorizzare le fonti interne delle comunità israelitiche italiane, il presente lavoro è nato con l’intento di gettare una luce nuova sull’antica comunità ebraica di Lugo attraverso un’indagine condotta su una fonte interna inedita, ossia un voluminoso registro di verbali redatto dalla Universitas judaeorum della città, oggi conservato presso il Central Archives for the History of the Jewish People di Gerusalemme, risalente a un periodo di tempo compreso fra il 1670 e il 1759. A Lugo gli ebrei, la cui presenza si registra con certezza dalla seconda metà del XV secolo, sono stati una minoranza sui generis, nel senso che essere meno numericamente non significava essere poco importanti, né necessariamente fontes persecutionum dei cristiani. In breve tempo, infatti, la città non solo diventa un fervente centro di cultura ebraica e di studi talmudici, ma nel corso del XVII secolo, - anche per particolari congiunture storiche che obbligarono gli ebrei della Legazione di Ferrara a concentrarsi solo in tre città – finisce per presentare una delle più alte consistenze di insediamento israelitico in rapporto alla cittadinanza complessiva, ossia circa un decimo della popolazione. Come si può facilmente intuire, la comunità ha prodotto veri e propri thesauri documentari che per troppo tempo sono stati sepolti nell’oblio: mi riferisco, in particolare, oltre alle celeberrime ketubbot o atti di matrimonio ebraici lughesi, a libri ebraici manoscritti, manufatti preziosi che ci permettono di fare non solo importanti considerazioni di carattere economico e sociale, ma anche di scoprire la ricca varietà di usi e costumi, riflettendo l’attività intellettuale e gli interessi di una società minoritaria del tempo. La compilazione del “Libro dei verbali” oggetto della mia indagine, come si legge nella prima carta non numerata del manoscritto, ebbe inizio il 9 novembre 1670 ponendosi come necessità prioritaria l’osservanza da parte di tutti i membri della comunità ebraica delle decisioni approvate dal supremo organo di governo della Universitas hebreorum, la Congregazione. Il registro contiene la registrazione delle delibere di oltre 300 assemblee dei membri del Consiglio della comunità ebraica di Lugo, nelle quali essi discutevano dei vari problemi relativi all’organizzazione e all’amministrazione degli affari interni, alla tassazione delle persone, alla programmazione dei bilanci per le spese della scuola, del rabbino, e alla gestione di tutti i vari aspetti della vita comunitaria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La vetusta pianta ebraica prese ad allignare nell’isola della rugiada divina, “I- tal-ya”, ventun secoli fa e da allora vi ha dato germogli costanti, un anno appresso all’altro, senza una sola interruzione. 1 In linea con una nuova sensibilità storiografica di cui si fa interprete anche Andrea Yaakov Lattes in alcuni suoi recenti studi, e con un nuovo tipo di approccio teso a valorizzare le fonti interne delle comunità israelitiche italiane, il presente lavoro nasce con l’intento di gettare una luce nuova sull’antica comunità ebraica di Lugo attraverso un’indagine condotta su una fonte «interna» inedita, ossia un voluminoso registro di verbali redatto dalla Universitas judaeorum della città, in un periodo di tempo compreso tra il 1670 e il 1759. Allo stato attuale la querelle che per anni ha occupato la storiografia sul tema della presenza ebraica nelle città italiane in epoca medievale e moderna, relativa alla natura delle fonti che si utilizzavano per studiarla, per lo più redatte dai cristiani, sembra ormai superata e, a buon diritto, lo studio dell’ebraismo italiano non viene più affrontato dagli studiosi come indagine su un aspetto marginale di una maggioranza cristiana. 2 In passato, infatti, storici molto diversi fra loro hanno condotto studi sulle comunità ebraiche quasi esclusivamente sulla base di fonti latine, ossia documenti redatti dalla comunità cristiana circostante, rivelando più che la vita ebraica in sé, come il mondo cristiano ne percepiva la presenza diversa, critica e negativa, manifestando tutta l’inconsistenza di un approccio incompleto e fuorviante, che finiva per liquidare l’elemento ebraico come passivo e privo di una sua ricchezza di pensiero, del suo sistema di significati, e di ideologie. La compresenza cristiana ed ebraica, da un lato, favorì certamente una integrazione tra le due sfere, causando modificazioni nei comportamenti e determinando talvolta fenomeni di reattività inevitabili. Ma il quadro così 1 A. MILANO, Storia degli ebrei in Italia, Torino, 1963, XVI. 2 G. TODESCHINI, Ebrei in Italia alla fine del Medioevo: studi recenti in «Studi Medievali», XXX, I (1989), pp. 353-366.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ebrei
gerusalemme
storia moderna
manoscritto
comunità ebraiche
storia degli ebrei
ghetti ebraici
fonti interne
fonti inedite
ebrei a lugo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi