Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'indebito tributario

Scopo del presente lavoro di tesi è l'analisi di un tema particolarmente spinoso ed attuale in ambito tributario: l'indebito.
Con il termine “indebito tributario” si identifica una situazione creditoria opposta a quella del fisco e che trova la propria causa giustificatoria nel pagamento di un tributo in misura superiore rispetto a quella dovuta o nel pagamento di un tributo, in realtà, inesistente.
L’istituto dell’indebito tributario è riportabile al principio generale sancito dall’art. 2033 c.c., secondo cui il pagamento indebito genera un credito di rimborso (o di restituzione) a favore del solvens (contribuente).
Il presente lavoro si articola in tre parti principali: nella prima parte viene analizzato l'istituto dell'indebito, prima, nel diritto civile e poi nel diritto tributario, nella seconda parte viene analizzato il procedimento di rimborso con annessa tutela giurisdizionale del contribuente creditore, ed infine viene analizzato l'istituto in ambito comunitario con una ricca casistica giurisprudenziale riguardante le procedure di rimborso internazionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO I L’INDEBITO NEL DIRITTO CIVILE 1. Brevi cenni all’evoluzione della disciplina dell’istituto dell’indebito civilistico L’istituto dell’indebito trova i suoi ascendenti nelle condictiones del diritto romano classico, infatti varie fattispecie di prestazione indebita trovavano la loro disciplina all’interno del libro XII dei Digesta: la condictio ob data causa non secuta o condictio causa datorum, concernente un’attribuzione patrimoniale fatta da una persona in vista di un determinato risultato futuro che non viene però a prodursi; la condictio ob turpem vel ingiusta causam, quando il risultato perseguito è immorale o disonesto; la condictio indebiti, quando qualcuno paga per errore un debito inesistente o che non toccava a lui pagare; la condictio sine causa, quando non vi è dazione ma semplicemente qualcuno fa una promessa priva di causa. Nonostante tali fattispecie fossero costruite al fine di disciplinare fattispecie tra loro differenti, le condictiones avevano un fondamento comune: l’obbligazione restitutoria era posta a carico dell’accipiens perché egli aveva acquistato la proprietà della cosa altrui in assenza di una causa giuridica che ne legittimasse la ritenzione 1 . Il pagamento dell’indebito rientra, nella sistematica dell’attuale codice civile del 1942, tra gli << altri fatti >> idonei a produrre obbligazioni in conformità dell’ordinamento giuridico, trovando il loro titolo nell’art. 1173 c.c.: il fatto del pagamento, così come i fatti della 1 SANFILIPPO, Condictio indebiti, Milano, 1943, p. 52.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Ilaria Casale Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3053 click dal 11/04/2013.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.