Skip to content

La Protezione del Marchio non registrato

Informazioni tesi

  Autore: Anna Campanini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Cesare Galli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 256

Con l’inserimento dei segni distintivi non registrati nel novero dei diritti tutelati dal c.p.i. si è verificato un rafforzamento del loro ambito di protezione che sino a questo momento si fondava essenzialmente sull’art. 2598 n.1 c.c. avente per oggetto il divieto degli atti di concorrenza sleale confusoria; questa disciplina pur avendo la stessa funzione e struttura del sistema di tutela del marchio registrato (previsto dalla legge marchi) offriva ai segni di fatto una protezione meno ricca e intensa. Tuttavia, anche se già prima del varo del codice la dottrina e la giurisprudenza (sia italiana che comunitaria) ritenevano il marchio non registrato portatore di un diritto di esclusiva del tutto paragonabile a quello del segno registrato (per contenuto anche se non per estensione territoriale), non si verifica oggi un’equiparazione completa tra diritti titolati e segni distintivi di fatto usati in quanto continuano a non applicarsi a questi ultimi tutte le norme del c.p.i. che abbiano come ratio l’esistenza della registrazione e dunque tutte le norme che determinano l’ambito di protezione dei marchi registrati, dal punto di vista geografico così come da quello merceologico, a prescindere dall’uso effettuato e soprattutto dalla notorietà conseguita dai segni che ne formano oggetto, e dalla prova dell’effettiva estensione di quest’uso e di questa notorietà, prova il cui onere grava su chi invochi la protezione del segno non registrato essendo la notorietà qualificata fattispecie costitutiva del diritto. Alla luce di ciò si applicano oggi al marchio di fatto non solo le disposizioni del c.p.i. che fissano la giurisdizione e la competenza in caso di violazione dell’esclusiva sul segno ma anche quelle norme che stabiliscono i rimedi tipici (cautelari e di merito) anteriormente applicabili a favore dei soli marchi registrati. Secondo l’art. 20, essere titolari di un diritto di esclusiva su di un segno (registrato o no) significa poter vietare ai terzi qualsiasi uso di segno uguale o simile effettuato in ambito economico sia in funzione distintiva quindi per contraddistinguere prodotti o servizi uguali o affini creando confusione nei consumatori sulla fonte di provenienza; sia in funzione ornamentale quindi per contraddistinguere prodotti o servizi merceologicamente lontani sfruttando/mettendosi al traino della capacità distintiva e della notorietà acquisita sul mercato dal segno. Tuttavia non si può agire contro il terzo che abbia adottato un segno identico per un prodotto identico a prescindere da un concreto rischio di confusione o di agganciamento perché si tratta di una protezione astratta difficilmente concepibile in difetto di registrazione. Quindi, il titolare di un marchio di fatto, con l’entrata in vigore del c.p.i. può difendere il suo diritto di esclusiva sul segno non solo nel caso in cui si verifichi un concreto rischio di confusione col segno o con l’attività dell’imitatore ma anche quando si verifichi ad opera del terzo un approfittamento parassitario del segno non registrato notoriamente conosciuto e ricorrano le condizioni alternative del pregiudizio e dell’indebito vantaggio. Ciò consente in particolare una protezione più efficace contro il fenomeno sempre più diffuso del cosiddetto look-alike, ossia dell’adozione (di regola non confusoria) di confezioni del prodotto dell’imitatore che riprendono da vicino le caratteristiche di quelle del prodotto originale, pur senza imitare i marchi registrati di esso, ma determinando cmq un effetto traino. È la tutela contro l’agganciamento parassitario la vera frontiera della protezione dei diritti della proprietà industriale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I Funzione e vicende principali del marchio § 1.1 - Funzione del marchio nella società moderna. All’interno di quel particolare aspetto della società che è il mercato, si possono individuare numerosi nomi o segni che assolvono una funzione distintiva, vale a dire che comunicano a chi li percepisce informazioni su cose o persone. Questi segni detti appunto distintivi sono per lo più utilizzati dagli imprenditori per identificare sul mercato l’impresa nel suo insieme o manifestazioni e risultati di essa 1 . Il marchio, vale a dire essenzialmente il segno che si appone sul prodotto o sulla confezione di esso è considerato il più importante tra questi in quanto consente al pubblico dei consumatori di distinguere il risultato dell’attività di un imprenditore dai prodotti o servizi offerti da un altro. E’ necessario 1 Enciclopedia Giuridica Treccani (Casano va M. , Ravà E., Vercellon e M., Di Cataldo V.); alla vo ce Segni Distintivi, par. 1.1 pag. 1.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marchio di fatto
marchio non registrato
concorrenza sleale
codice della proprietà industriale
funzione distintiva
notorieta' marchio
azione di contraffazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi