Skip to content

Sintesi di tetraidrodibenzossazecine come potenziali ligandi del recettore dopaminergico D5

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Screpanti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Camerino
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Farmacia
  Relatore: Gianfabio Giorgioni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

Dalla clonazione del recettore D5 della DA, la ricerca ha fornito alcuni progressi nella nostra comprensione delle interazioni recettore-ligando e funzioni. C'è ancora territorio considerevole da esplorare per comprendere al meglio le esigenze della struttura per attivare o inibire selettivamente tale sottotipo recettoriale principalmente sul sottotipo D1. La scoperta di ligandi D5 altamente selettivi, che contribuirà notevolmente a determinare il ruolo funzionale per questo sottotipo recettoriale e il suo coinvolgimento in numerose malattie, risulta essere ancora estremamente obiettivo difficile da raggiungere. Si tratta di una sfida aperta per i chimici medicinali che lavorano in questo campo e che in questo lavoro di tesi si intende cogliere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La dopamina (DA) è un neurotrasmettitore che interagisce con specifici recettori largamente distribuiti nel sistema nervoso sia periferico che centrale. Fin dalla loro scoperta i recettori della DA sono stati considerati degli interessanti target terapeutici perché una disfunzione della trasduzione del segnale dopaminergico è fortemente coinvolto in disturbi neuropsichiatrici, come schizofrenia, tossicodipendenza, e il morbo di Parkinson. Sulla base di studi farmacologici, condotti con diverse classi di ligandi dei recettori della DA, i recettori della DA sono stati suddivisi in primo luogo in due tipi, denominati D1 e D2. Successivamente, studi di clonazione molecolare hanno identificato cinque distinti geni che codificano i recettori della DA ( D1, D2, D3, D4, D5, tutti appartenenti alla superfamiglia dei recettori accoppiati a proteine G (GPCR). I recettori D1 e D5 umani, che corrispondono a D1A e D1B rispettivamente, nei roditori, appartengono alla famiglia D1-like, la cui attivazione è legata alla stimolazione della sintesi di cAMP. Invece, i recettori D2, D3 e D4 sono inclusi nella famiglia D2-like, che è legata alla inibizione della sintesi di cAMP o l'accoppiamento con altri sistemi effettori. Analisi di sequenze amminoacidiche di sottotipi dei recettori della DA clonati, rivelano che i membri appartenenti alla stessa famiglia, condividono la maggior parte delle loro caratteristiche strutturali. I recettori D1-like sono ampiamente distribuiti in diverse aree del cervello e coinvolgono la cognizione, il sonno, il controllo motorio, le funzioni endocrine, il rinforzo comportamentale e la sensibilizzazione, sia in condizioni normali che patologiche. In particolare, negli ultimi anni, sono state riportate le nuove informazioni riguardanti la distribuzione e ruolo dei recettori D5. Ciliax et al. hanno scoperto che l’immunoreattività del D1B era diffusa nel cervello di ratto, includendo perikarya e dendriti prossimali nella corteccia, proencefalo basale, ippocampo, diencefalo dei gangli della base, tronco cerebrale e cervelletto. Studi preliminari sviluppati sul recettore D5 di topi "knockout" hanno suggerito che i recettori D5 esercitano una sottile, ma non trascurabile, regolazione delle discrete topografie di comportamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dopamina
dipendenza da cocaina
recettori d5
derivati clorurati dibenzossazecine
antagonisti
doxanthrine
dibenzossazecine
sintesi completa clorodibenzossazecine
recettori d1-like
spettri nmr

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi