Skip to content

I telegiornali italiani alle soglie del terzo millennio: l'infotainment

Informazioni tesi

  Autore: Massimo Mathis
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Mimmo Candito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 238

“Vengo dopo il Tg”, cantava Renzo Arbore anni fa, un ritornello che meglio di molte analisi sociologiche spiega l’importanza ormai raggiunta dal notiziario televisivo. Mezzo di informazione esclusivo della Rai per decenni, dopo la generale risistemazione del 1992 oggi il telegiornale è presente quasi in ogni stazione Tv.
Si tratta di un modo di comunicare che si pone a metà strada tra il fare informazione e il fare televisione.
La televisione ha il potere di condizionare fortemente la comunicazione. Essa è in grado di enfatizzare un evento, alterando la tradizionale gerarchia delle notizie, comunicando dei modelli che i giornali si trovano poi a ripetere. Al tempo stesso però è la televisione, a sua volta, a ripetere i giornali. Così ognuno accredita l'altro in una spasmodica ricerca di notizie sempre più sensazionali per colpire l’immaginario di un pubblico ormai saturo di informazioni.
Stiamo assistendo a una escalation nel modo di fare televisione. Le cose devono essere rappresentate sempre più forti, sempre più realistiche e orribili. Sul finire della “rivoluzione rumena” che rovesciò il regime di Ceauşescu, la Tv lanciò le immagini del ritrovamento a Timişoara di una fossa comune, piena di cadaveri con i segni della tortura, vittime della polizia del tiranno. I giornali ripresero la notizia che tenne banco per molti giorni, arricchendosi di particolari macabri, finchè non si scoprì che quei corpi erano di persone morte anche molti mesi prima, di cui nessuno aveva reclamato i resti, e che le tracce della tortura erano in realtà i segni delle autopsie disposte dai magistrati. Lo stesso è accaduto per la Guerra del Golfo, quando tutti si riteneva che, vivendo nell'era della globalità dove tutto si vede in diretta, quello che veniva mostrato fosse vero. Poi si scoprì che molti degli eventi, soprattutto quelli raccontati dalla Tv, in realtà si erano svolti in maniera completamente diversa. Episodi come questi ci mostrano un sorprendente rovesciamento dei ruoli. Non è il mondo della comunicazione che in fondo crea la notizia?
Il tempo di mediazione, con l’avvento dell’informazione televisiva, è stato ridotto al minimo. L’importante è avere la notizia, non saperla gestire in senso critico.
Prima c'era l'informazione che aveva un suo sviluppo tecnologico. C'erano le telecomunicazioni, che avevano una loro evoluzione, per quanto vorticosa, ma autonoma. Poi c'era tutta la sfera dell'intrattenimento: il cinema, la televisione, in crescita anch’essa in maniera autonoma.
Le tecnologie hanno confuso e annullato i confini fra questi settori. L'informazione, che è come il petrolio degli anni cinquanta, sessanta e settanta, sarà sostanzialmente la materia prima nel prossimo millennio, l'informazione in tutte le sue variabili. Tenendo conto che su un singolo filo, su una singola linea di trasmissione, passeranno voci, dati, informazioni di un certo tipo. La televisione, così come il telefono, sarà in grado di portare tutto quello che di informazione e di intrattenimento il mercato può in qualche modo offrire.
Ognuno è prigioniero della propria storia, e, quello che succederà nei prossimi anni altro non sarà se non il passo successivo di quella che è la storia presente, in movimento, di questo straordinario mezzo di comunicazione, e del suo modo di veicolare informazioni.
Cerchiamo di fotografarne lo stato attuale, andando con ordine, dalle origini, dai fatti e dalle scelte che hanno portato la televisione ed i suoi programmi a diventare il dogma di questo secolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE �Vengo dopo il Tg�, cantava Renzo Arbore anni fa, un ritornello che meglio di molte analisi sociologiche spiega l�importanza ormai raggiunta dal notiziario televisivo. Mezzo di informazione esclusivo della Rai per decenni, dopo la generale risistemazione del 1992 oggi il telegiornale � presente quasi in ogni stazione Tv. Si tratta di un modo di comunicare che si pone a met� strada tra il fare informazione e il fare televisione. La televisione ha il potere di condizionare fortemente la comunicazione. Essa � in grado di enfatizzare un evento, alterando la tradizionale gerarchia delle notizie, comunicando dei modelli che i giornali si trovano poi a ripetere. Al tempo stesso per� � la televisione, a sua volta, a ripetere i giornali. Cos� ognuno accredita l'altro in una spasmodica ricerca di notizie sempre pi� sensazionali per colpire l�immaginario di un pubblico ormai saturo di informazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi