Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Enrico Ferri e la sociologia criminale

Questo lavoro di ricerca si prefigge di analizzare la vita e il pensiero di un famoso studioso e penalista a cui l’Italia ha dato i natali, vissuto tra la fine del XIX e del XX secolo: Enrico Ferri.
La tesi si suddivide in quattro capitoli nei quali è possibile ravvisare l’importanza dell’opera di questo esimio giurista e parlamentare che ha dato un importante contributo alla genesi della criminologia e dello studio dell’uomo delinquente.
“La negazione della libertà e il conseguente meccanicismo delle azioni umane, affermate dalla scuola positiva fin dai suoi albori, si evolvono, con Enrico Ferri, nelle tesi chiare e ben articolate che delineano il concetto di sociologia criminale. Il giurista giunge ad una sistemazione teorica del diritto penale mediando l’indirizzo antropologico di Lombroso e l’astrattismo psicologico-giuridico di Garofalo. ‘Unendo […] lo studio della psicologia sperimentale e della sociologia a quello del diritto penale, ho dovuto accorgermi’, scrive Ferri, ‘che il criminalista, che non ami rassegnarsi ad un puro esercizio di retorica, smentita quotidianamente dai fatti vivi e parlanti delle corti d’assise e dei tribunali, trova oggi tre somme difficoltà da superare. […] I˚, che l’uomo sia dotato di libero arbitrio. II˚, che il delinquente sia fornito di idee e di sentimenti, come ogni altro uomo. III˚, che effetto delle pene sia quello di impedire l’aumento e lo straripamento dei reati’ . Ebbene, se oltrepassiamo solo un pò la cerchia delle discipline giuridiche, conclude Ferri, le scienze sperimentali ci dimostrano esattamente il contrario. Occorre, dunque, analizzare il delitto relazionandolo non solo ai fenomeni, complessi e intricati della società, ma a quelli della realtà intera, ricercando le molteplici e profonde radici delle azioni umane”.

Il primo capitolo analizza le varie fasi della vita di Enrico Ferri, a partire dalla sua fanciullezza sino ai momenti della maturità ridondanti di elogi e complimenti per il suo lavoro. Come professore nelle università più importanti d’Italia e d’Europa, poi come deputato nelle aule parlamentari, egli si batté per ribadire ed affermare le proprie idee innovative, non sempre accolte favorevolmente dall’opinione pubblica del tempo.
Il secondo capitolo è il fulcro del lavoro di ricerca, dal quale traggono linfa vitale gli altri capitoli.
Non è stato semplice racchiudere, in poche pagine, un argomento vasto ed importante come quello dell’Antropologia e della Sociologia Criminale, di cui Ferri e la Scuola Criminale Positiva sono stati i fondatori: pochi ma ricchi paragrafi, pregni di informazioni dettagliate e puntuali, cercano di chiarire i punti più articolati della dottrina ferriana, che è riuscita a far sviluppare e a portare la scienza criminal-penalistica italiana sino ai livelli professionali criminologici odierni.
Il terzo capitolo è una species del genus insito nel secondo, dato che tratta dell’omicidio nell’antropologia criminale: una forma crudele ed efferata di comportamento umano al quale, lo stesso Ferri, ha dedicato un’intera opera letteraria. L’omicidio è sempre stato alla base delle riflessioni del giurista dato che esso contiene la chiave di volta per comprendere buona parte dell’insieme dei sentimenti crudeli e spietati dell’animo umano.
Il quarto capitolo, infine, sottolinea i principi basilari delle riforme procedurali proposte da Ferri e dagli adepti della sua Scuola Criminale Positiva analizzando gli ingranaggi della giustizia penale e le sue caratteristiche peculiari, gli errori e i possibili reati sostenibili da una popolazione standard.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Questo lavoro di ricerca si prefigge di analizzare la vita e il pensiero di un famoso studioso e penalista a cui l’Italia ha dato i natali, vissuto tra la fine del XIX e del XX secolo: Enrico Ferri. La tesi si suddivide in quattro capitoli nei quali è possibile ravvisare l’importanza dell’opera di questo esimio giurista e parlamentare che ha dato un importante contributo alla genesi della criminologia e dello studio dell’uomo delinquente. “La negazione della libertà e il conseguente meccanicismo delle azioni umane, affermate dalla scuola positiva fin dai suoi albori, si evolvono, con Enrico Ferri, nelle tesi chiare e ben articolate che delineano il concetto di sociologia criminale. Il giurista giunge ad una sistemazione teorica del diritto penale mediando l’indirizzo antropologico di Lombroso e l’astrattismo psicologico-giuridico di Garofalo. ‘Unendo […] lo studio della psicologia sperimentale e della sociologia a quello del diritto penale, ho dovuto accorgermi’, scrive Ferri, ‘che il criminalista, che non ami rassegnarsi ad un puro esercizio di retorica, smentita quotidianamente dai fatti vivi e parlanti delle corti d’assise e dei tribunali, trova oggi tre somme difficoltà da superare.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianlupo Macolino Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3486 click dal 19/04/2013.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.