Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La ricostruzione del vertice primario di interazione nell'esperimento ALICE

Nella tesi vengono studiati, descritti e sviluppati i principali algoritmi per la ricostruzione del vertice primario di interazione in collisioni Pb-Pb, nell'esperimento ALICE al CERN di Ginevra.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Secondo il modello cosmologico standard l’Universo per i primi 20–30 microsecondi della sua esistenza, quindi nei primi istanti dopo il Big Bang, si trovava in un particolare stato, molto caldo e denso, chiamato “Plasma di Quark e Gluoni” (Quark Gluon Plasma, QGP) in cui i costituenti fondamentali della materia apparivano liberi di muoversi e non ancora legati all’interno degli adroni [1]. Con il rapido espandersi e raffreddarsi del plasma hanno avuto origine protoni e neutroni che compongono i nuclei degli atomi e all’interno dei quali sono confinati i quark e i gluoni. I nuclei atomici hanno densità, indipendente dal numero dei nucleoni, dell’ordine di 10 14 g/cm 3 ; se si comprimesse un nucleo freddo fino ad aumentare di 10 volte la sua densità, i nucleoni si sovrapporrebbero, cessando di esistere come particelle distinte: quark e gluoni potrebbero considerarsi liberi in tutto il volume nucleare. Analogamente se, senza variare la densità del nucleo, si aumentasse la sua temperatura fino a valori dell’ordine di 10 12 K, centomila volte la temperatura al centro del sole, nelle interazioni tra i singoli nucleoni sarebbe disponibile una quantità di energia tale da aumentare, tramite la produzione di pioni, la densità adronica e la frequenza delle interazioni stesse; diventerebbe, a questo punto, impossibile far corrispondere un quark o un gluone ad un adrone. Queste condizioni di elevata densità o altissima temperatura sono realizzabili tramite collisioni tra nuclei pesanti ultrarelativistici: i nucleoni, interagendo, si comprimono, si

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Margherita Fioriello Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 277 click dal 19/04/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.