Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il caso di “Lost in Austen” nella traduzione audiovisiva

La tesi sviluppa il tema della traduzione audiovisiva, base per il lavoro successivo di doppiaggio, sottotitolazione, e voice over. L'opera presa in oggetto è una miniserie televisiva inglese in 4 puntate: Lost In Austen. Si tratta di un adattamento cinematografico del celebre romanzo Orgoglio e Pregiudizo di Jane Austen. La tesi si articola in 3 parti. Nella prima viene preso in esame il soggetto, il fenomeno della fiction e i vari adattamenti cinematografici che hanno preceduto questa miniserie. La seconda parte è la traduzione vera e propria della sceneggiatura originale. La terza parte, quella più delicata e impegnativa, spiega innanzitututto cosa si intende per traduzione e il suo ruolo nella società antica e moderna, e vede le diverse tecniche traduttive utilizzate per l'operazione di traduzione: traduzione obliqua (trasposizione, equivalenza, adattamento) e diretta sullo studio di Vinay e Darbelnet. Una particolare attenzione in conclusione è stata data al ruolo del traduttore.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il giorno che ho fatto domanda per la tesi, è stato il giorno più bello della mia carriera universitaria, pensando a quanta fatica e impegno mi ci era voluto per raggiungere quel traguardo. Ho scelto questa facoltà con l‟intento di imparare una lingua che mi aprisse le porte del mondo, capace di farmi viaggiare autonomamente senza paura, di parlare con la gente e aiutarmi nel lavoro che svolgo e che adoro. Sapevo che il tema della mia tesi sarebbe stata una traduzione e al momento in cui mi è stato chiesto che tipo di traduzione mi sarebbe piaciuto trattare, non ho esitato a dire una traduzione audiovisiva. L‟idea è nata anche grazie ad Internet che mette film, serie televisive e sceneggiati a disposizione di un vasto pubblico, ancora prima di essere sottoposti a una traduzione ufficiale e successiva distribuzione come avveniva fino a qualche anno fa tramite VHS o DVD. A volte un film arrivava in Italia anche quattro o cinque anni dopo l‟uscita in lingua ufficiale per permettere ai professionisti del settore di tradurre lo script e procedere al delicato processo di doppiaggio. Ora, grazie allo streaming, è possibile accedere a questi prodotti prima ancora che essi vengano tradotti in lingua originale. Mi sono confrontata con la mia relatrice e tra le varie proposte ho scelto di tradurre Lost in Austen: Londra, una ragazza in cerca del vero amore, l‟ispirazione a una delle storie più romantiche mai raccontate: ecco gli ingredienti di questa fiction che mi ha appassionata già dalle prime scene. Effettuare una traduzione di questo tipo, analizzare la sceneggiatura linguisticamente, commentare le scelte traduttive e fare riferimenti ad altre opere di stessa ispirazione, mi ha riempito di „orgoglio‟. La traduzione sviluppata nel secondo capitolo è solo la punta dell‟iceberg di un lavoro che si è sviluppato in diverse fasi. All‟interno dell‟elaborato, conduco un‟esamina della fiction come formato televisivo, ripercorro i precedenti adattamenti che vedono le opere di Jane Austen al cinema e approfondisco le dinamiche che intervengono in una traduzione audiovisiva (sottotitolaggio e/o doppiaggio). Il lavoro è stato suddiviso in tre capitoli. Il primo è un‟introduzione generale all‟opera audiovisiva e al romanzo da cui è stata (molto) liberamente adattata: cos‟è Lost in Austen e che importanza ha avuto e continua ad avere nel campo cinematografico l‟opera a cui si ispira: Pride and Prejudice. All‟interno del capitolo viene fatta una panoramica degli adattamenti televisivi e cinematografici ispirati all‟opera di Austen partendo dalla primo tentativo in bianco e nero di mettere in scena la storia di Elizabeth e Darcy, fino ad arrivare agli adattamenti più recenti.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Giorgia Bacchini Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1903 click dal 03/05/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.