Skip to content

«Il segno di Giona» (Mt 12,39-40). Da Pinocchio a Paolo di Tarso: una simbolica della resurrezione in declinazione didattica.

Informazioni tesi

  Autore: Lidia Roboni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Facoltà Teologica del'Emilia-Romagna
  Facoltà: Istituto di Scienze Religiose
  Corso: Scienze Religiose
  Relatore: Brunetto Salvarani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

L’assunto portante della tesi verte sulla valenza dell’uso culturale della Bibbia in scuola, dal punto di vista pedagogico, didattico, letterario, religioso, morale, tenendo sullo sfondo la mediazione poliedrica e polivalente dell’insegnante quale figura di sintesi e trasmissione, analizzato entro la dimensione antropologica, spirituale, professionale.
Facendo perno sull’analisi dei richiami biblici del Libro di Giona presenti nel romanzo risorgimentale Le avventure di Pinocchio di Collodi, segnatamente nell’incontro col padre dentro al ventre del pescecane, in chiave di “storia degli effetti” si proporrà nella Prima parte del lavoro una lettura, secondo un particolare asse interpretativo, di tre punti cruciali della storia della Salvezza in Antico e Nuovo Testamento. Immaginando un viaggio per mare individuato da riferimenti meridiani e paralleli (costituiti dalla dimensione del racconto quale forma della Rivelazione / il pensiero narrativo e le sue valenze), su una rotta cronologica che ha i suoi prodromi in Noè e i suoi esiti nella visione apocalittica del combattimento della Donna e il drago in Giovanni evangelista, attraversiamo la storia dell’umanità e al contempo le profondità dell’uomo nella vicenda del profeta Giona nel ventre del mostro marino, il viaggio di Gesù morto nel ventre della terra, il naufragio di S.Paolo sull’isola di Malta, ponendo in risalto pregnanze simboliche e numerosi parallelismi, richiami e rimandi teologici e antropologici fra i diversi episodi, significativi per l’uomo di oggi.
La Seconda parte della tesi, corredata da illustrazioni, declina didatticamente in ambito scolastico un tratto del percorso scandagliato, secondo i riferimenti di latitudine e longitudine (cristocentrismo dei contenuti / progettazione didattica e metodologica), sviluppando una unità didattica svolta in una classe quarta elementare in alcune lezioni.
L’Appendice presenta alcuni materiali didattici impiegati e l’Allegato comprende il ‘Giornalino’ attivo per gli alunni creato nell’occasione, relativo alla tematica svolta in classe.
Un file in power-point spendibile didatticamente anche in livelli di scuola superiore, propone, a modo di illustrazione e introduzione dei concetti della tesi, alcune espressioni artistiche inerenti, scelte dalla produzione culturale di vari popoli professanti le tre religioni monoteistiche lungo la sconfinata ‘storia degli effetti’ che la tematica ha suscitato nei secoli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Non multa sed multum recita un antico detto latino, la cui traduzione potrebbe essere: non è fondamentale imparare svariate cose, per sommatoria, ma è essenziale apprenderle in maniera intensa, partecipata, approfondita. Questo principio varrebbe per ogni campo della conoscenza, ma ritengo valga tanto più per una disciplina scolastica quale la Religione Cattolica, insegnata ad alunni che attraversano le fasi evolutive della crescita, mentre camminano verso la costruzione di una identità oltre che di uno spessore culturale e una formazione tecnica. A motivo della natura interdisciplinare di questa materia, che dà conto del fatto religioso dall’angolatura cristiana con dati storico-scientifici, nonché a motivo delle dinamiche dell’apprendimento umano, che rispecchiano la Sapienza creatrice, aggiungerei alla traduzione di questa preziosa frase latina anche l’aggettivo «sapido», nel senso quindi di: apprendere cose in maniera «saporita», «saliente», «gustabile» e che «reca sapore a ogni cosa», come fa il sale. Equivale a dire che per essere impartiti i contenuti della Religione e le metodologie richiedono di venir mutuati/attivati secondo una prospettiva e uno stile che deve risultare «significativo» per chi li riceve, sia sul piano culturale, come ci indicano le direttive ministeriali, 1 in primo piano specie nella seconda parte della presente esercitazione, sia sotto il profilo della elaborazione personale come dati portanti per la propria esistenza, sulla qual cosa rivolgo maggiormente la mia attenzione. «Sapienza» dell’IRC è fornire «suggestioni» che diano sapore ai contenuti proposti, i quali, difendibili scientificamente, soprattutto interpellano l’interiorità dell’alunno, inducono a riflettere e confrontarsi, evidenziandone la valenza per la vita. L’apprendimento significativo, peraltro prescritto ad ogni disciplina scolastica 2 è l’apprendimento che si collega con il senso che sappiamo dare alla nostra esistenza. 3 Il senso dell’esistenza, quand’anche apparisse chiaro all’alunno che abbia avuto l’opportunità di un accompagnamento e guida adeguati durante il percorso intrapreso dall’età di ragione, non risulta ancora fatto proprio fino a quando non venga, in età 1 Intesa tra il MIUR e la CEI sulle indicazioni didattiche per l’IRC nella scuola dell’infanzia e del primo ciclo, 1-8-2009, Allegato. 2 L.53/2003, Allegato D, che riguarda le IN per il Profilo educativo, culturale e professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-14 anni). 3 PORCARELLI A., Cammini del conoscere, Giunti, Firenze 2008, 139.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pinocchio
pensiero narrativo
insegnamento della religione cattolica
bibbia a scuola
storia della salvezza cristiana
insegnante di religione
storia degli effetti biblici
programmazione e didattica della religione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi