Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La programmazione economica nell'esperienza giapponese

L'esperienza di programmazione economica in Giappone: successi e fallimenti.
Cos'è che ha fuzionato e perché?
Fortuna o precisa lettura dell'evoluzione economica mondiale?
Una tesi che aiuta a capire gli effettivi motivi dei successi dell'economia giapponese negli anni 50-90, e che oggi è stata presa ad esempio dalle economie asiatiche emergenti.
Brevi riflessione anche sull'inizio del crollo economico dell'"impero giapponese".

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L’eccezionale crescita registrata dall’economia giapponese a partire dagli anni ’50 è stata da sempre oggetto di grande interesse da parte degli economisti, spingendoli a ricercarne le cause principali. Tra le varie spiegazioni di quello che è stato definito il “miracolo economico” giapponese, alcune hanno evidenziato l’importanza dello strumento programmatorio. Sin dagli anni 50, infatti, il paese nipponico ha adottato una serie di piani economici volti a “guidare” lo sviluppo industriale. Sono proprio le esperienze di programmazione economica in Giappone che costituiscono l’oggetto di questa trattazione al fine di evidenziarne le peculiarità ed il contributo effettivamente arrecato al decollo e all’affermazione dell’economia nipponica. Nel primo capitolo, dopo un breve excursus sulla situazione economica ante-guerra, verranno indicate le ragioni e le esigenze

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fabio Amici Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2107 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.