Skip to content

Lo sport per lo sviluppo. Organizzazioni nonprofit e Responsabilità Sociale d'Impresa a confronto.

Informazioni tesi

  Autore: Federica Corona
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Studi internazionali, dello sviluppo e della cooperazione
  Relatore: Aldo Geuna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Lo Sport for Development and Peace (SDP) è un fenomeno di impiego crescente nel campo della cooperazione allo sviluppo, ampiamente riconosciuto a livello internazionale. In questo contesto lo sport, l’attività fisica e il gioco sono considerati strumenti efficaci per raggiungere obiettivi di sviluppo e di ricostruzione e mantenimento della pace. Infatti, grazie alla sua popolarità e al suo carattere inclusivo, lo sport può contribuire a prevenire ed affrontare difficili situazioni socio-economiche nei paesi in via di sviluppo, così come nei quartieri svantaggiati dei paesi sviluppati, qualora esso sia inserito in strategie nazionali di sviluppo e progetti di cooperazione. Tra i vari attori coinvolti, vengono analizzati i ruoli giocati dagli enti nonprofit e dai progetti di Responsabilità Sociale d’Impresa (RSI), perché, nonostante le loro diverse modalità di intervento, sono entrambi mossi dalla volontà di portare beneficio alla società, senza scopi di lucro, potendo così utilizzare lo sport in maniera più diretta e concreta in favore dello sviluppo, rispetto a quanto finora fatto da stati e organismi internazionali. Di conseguenza, sono illustrati e messi a confronto i casi di due ONG, Universal Peace Federation Italia e Peace Games UISP, e del progetto di RSI di FC Internazionale Milano S.p.A., chiamato Inter Campus. In tutti e tre i casi lo sport è considerato, non come il fine ultimo di progetti ed iniziative, ma, ad esempio, come strumento di integrazione e dialogo tra persone di culture e religioni diverse, come promotore del diritto alla socialità e come mezzo che consente di restituire il diritto al gioco a bambini che vivono in situazioni svantaggiate. Infine, è stato possibile constatare che bambini e ragazzi sono positivamente stimolati da attività sportive organizzate e, attraverso il gioco, imparano valori e abilità importanti per la loro crescita personale, applicabili in un prossimo futuro per contribuire al progresso della comunità in cui vivono.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE “Sport has the power to change the world. It has the power to inspire. It has the power to unite people in a way that little else does. It speaks to youth in a language they understand. Sport can create hope where once there was only despair.” (Nelson Mandela, 1995) Le parole di Mandela, pronunciate in seguito alla Coppa del Mondo di rugby, ospitata in Sud Africa nel 1995, ben presentano l’oggetto di questa tesi. Infatti, come il rugby ha contribuito ad unire sotto un’unica bandiera i sudafricani dopo la fine dell’apartheid, lo sport e l’attività fisica sono strumenti che possono apportare una spinta positiva allo sviluppo delle popolazioni e contribuire al conseguimento e al mantenimento della pace. Lo sviluppo è inteso in senso lato come sviluppo umano, sociale, economico ed istituzionale, così come è inquadrato dagli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (Millennium Development Goals – MDGs) definiti dalle Nazioni Unite nel 2000 1 . Lo Sport per lo Sviluppo e la Pace (Sport for Development and Peace – SDP) è uno fenomeno di importanza crescente nel campo dello sviluppo, come dimostra il suo riconoscimento da parte di enti internazionali, primo tra tutti le Nazioni Unite, le numerose conferenze tenute sul tema e gli innumerevoli progetti di cooperazione internazionale che includono o si basano proprio sull’attività sportiva. In questo contesto, il mio lavoro si propone di presentare il contributo dello sport come motore e strumento di aggregazione ed integrazione tra diverse nazionalità, culture e religioni, educativo, di promozione di una cultura di pace e di diritti, di riduzione del disagio sociale, di socializzazione e sviluppo comunitario e di supporto al benessere fisico e alla salute. Tali elementi, fondamentali alla crescita e allo sviluppo, soprattutto, dei bambini e dei giovani, sono mostrati in modo pratico attraverso i case studies da me analizzati. I progetti che approfondisco sono proposti da due organizzazioni nonprofit, Universal Peace Federation Italia (UPF – Italia) e Peace Games UISP, e da una squadra di calcio (considerata come S.p.A. che realizza il suo progetto di Responsabilità Sociale d’Impresa), F.C. Internazionale Milano. Ho scelto di trattare di organizzazioni nonprofit e Responsabilità Sociale d’Impresa, tra i vari attori del settore dello SDP, in quanto ritengo che possano offrire alla comunità in cui operano un aiuto concreto allo sviluppo impiegando lo sport 1 http://www.un.org/millenniumgoals/

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sport
responsabilità sociale d'impresa
stakeholder theory
squadre sportive
organizzazioni nonprofit
inter campus

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi