Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dei travel blog nel processo di scelta della destinazione e dei servizi turistici

Il presente elaborato intende sottolineare l'importanza del blog come nuovo strumento utilizzato nel marketing turistico, nell'organizzazione del viaggio e nella scelta delle destinazioni e dei servizi turistici. Il focus è posto sul travel blog, con caso concreto riguardante il blog "Il Turista Informato".
Nel primo capitolo l'analisi riguarderà, quindi, i cambiamenti che hanno interessato il settore turistico in seguito alla nascita degli strumenti propri della rete, in particolare di quelli appartenenti all'ambiente web 2.0 e di quelli utilizzati nel settore turistico. Partendo da questo excursus generale, nel secondo capitolo si approfondirà la conoscenza di uno dei principali mezzi a disposizione del turismo 2.0 per la condivisione di contenuti inerenti al mondo dei viaggi e delle vacanze: il travel blog. In conclusione, nel terzo capitolo, l'accento verrà posto su uno specifico travel blog (Il Turista Informato) per comprendere le criticità e le potenzialità di questo nuovo mezzo di comunicazione nella realtà turistica italiana attuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 Il legame tra turismo e web nella società attuale 1.1 L'utilità del web nel mercato turistico Il turismo moderno dalla sua nascita nei primi anni 60 del secolo scorso fino a pochi anni fa, è stato caratterizzato da una forte asimmetria informativa tra domanda ed offerta (Baggio, 2010). I consumatori hanno cercato di colmare questa lacuna informativa attraverso vari strumenti, tra i quali il più efficace e diretto a soddisfare questa ricerca di notizie si è rivelato essere il web, fornitore di una quantità illimitata di dati. Attraverso la rete si può accedere in modo economico a una vasta quantità di informazioni, più o meno approfondite, sempre disponibili e con una fonte determinabile; queste verranno utilizzate dal viaggiatore per pianificare i viaggi attraverso una semplice connessione Internet. A tal proposito, si evidenzoa che già a fine anni '90 la Travel lndustry Association of America aveva previsto che nell'immediato futuro i beni turistici sarebbero diventati i prodotti più acquistati in rete 1 Per quanto concerne la situazione italiana, il report redatto dall'Istat nel 2012, denominato “Viaggi e vacanze in Italia e all'Estero” 2 , ha fatto emergere un calo delle prenotazioni (rispetto al 2011) effettuate attraverso le agenzie di viaggi, classico canale di prenotazione offline. I viaggiatori hanno, in parte, sostituito l'intermediazione dell'agente di viaggio con la prenotazione diretta, in particolare quella tramite Internet ha visto un aumento del 4,1% rispetto all'anno precedente, attestandosi su una percentuale del 38,3 sul totale dei componenti del campione preso in esame. Per capire come si è arrivati a questo risultato è doveroso richiamare l'evoluzione 1 www.thinktag.it/system/files/1151/Estratto_XV .pdf?1292012530 2 Dati provenienti da un campione composto da circa 33000 individui residenti in Italia. www.istat.it/it/archivio/81980 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Marina Foddis Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6779 click dal 02/05/2013.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.