Skip to content

Il commercio equo e solidale dalla testimonianza alla mobilitazione globale

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Schirripa
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Santi Fedele
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Il fair trade (in Italia commercio equo e solidale) nasce, negli anni 60, dall'idea di sostenere lo sviluppo del Terzo Mondo attraverso un circuito solidale di consumatori dei paesi occidentali che garantisse uno sbocco commerciale a manufatti e prodotti alimentari di piccole realtà produttive locali.
Negli ultimi anni il fair trade è stato oggetti di studi approfonditi riguardanti gli aspetti economici del suo rapido sviluppo. Meno attenzione è stata prestata ai suoi risvolti politici: eppure il movimento del commercio equo, puntando sulla consapevolezza con cui il consumatore esercita la sua opzione per contrastare gli iniqui meccanismi del commercio internazionale, svolge un'opera di sensibilizzazione e di pressione sull'opinione pubblica che rientra nei suoi scopi dichiarati ed è fondamentale perchè gli obiettivi commerciali possano essere realizzati.
Il ''fair trade'' rientra inoltre fra quei movimenti politici a tutti gli effetti che operano attraverso la pratica di ''stili di vita alternativi'': il consumo critico, la finanza etica, il turismo responsabile sono tra i più noti.
Abituati a mobilitare i propri aderenti attraverso nuclei radicati nel territorio e ad una scarsa attenzione da parte della comunicazione di massa, questi soggetti stanno sperimentando, negli ultimi anni, nuove occasioni di protagonismo all'interno delle reti di movimenti e associazioni che si coalizzano nella critica ai processi di globalizzazione economica.
Questa tesi ripercorre la storia del commercio equo e solidale in quanto movimento politico, con particolare riguardo all'eterogeneità delle componenti culturali e ideologiche che vi confluiscono, all'attività di pressione sulle istituzioni politiche, alla ''ripartizione del lavoro'' fra le diverse articolazioni del movimento, tutte impegnate a perseguire un ''cambiamento possibile'' attraverso la consapevolezza della valenza politica delle scelte di consumo individuali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il Commercio Equo e Solidale 1 è probabilmente il più noto di una serie di movimenti che, partendo da una critica dei modelli eco- nomici dominanti, operano attraverso la pratica concreta di stili di vita alternativi. Di alcuni di essi (consumo critico, finanza etica, turismo responsabile) daremo una definizione sintetica più avanti. Dopo aver cominciato ad operare quasi in silenzio, negli ultimi vent’anni queste realtà sono cresciute e divenute più visibili soprattutto attraverso i canali del mondo delle associazioni e del volontariato (in altre parole, della società civile organizzata); un mondo sempre più variegato e dinamico che, in questi anni, ha occupato sempre più spazi lasciati vuoti dalla politica, sia nella lettura dei bisogni della società e nell’intervento in situazioni di crisi, sia nell’organizzazione della partecipazione politica e, in alcuni casi, nella stessa selezione delle élites dirigenti 2 . Un mondo che, con un notevole anticipo rispetto alla classe politica, ha messo a fuoco le dimensioni globali delle trasformazioni economiche in atto, e sta esercitando il suo ruolo critico con nuove forme di mobilitazione, ten- denti a coordinare a livello mondiale forze diverse su temi di interesse comune. 1 “Commercio equo e solidale” è la definizione scelta dalla rete facente capo a CTM; la denominazione prevalente a livello internazionale è fair trade, con le varie traduzioni nelle lingue nazionali: commerce équitable, comercio justo, … 2 Cfr. Pianta, 98

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambientalisti
commercio equo e solidale
consumo critico
fair trade
globalizzazione
movimenti di base
movimenti politici
movimento cattolico
politics of lifestyle
stili di vita alternativi
storia dei movimenti politici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi