Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Geisha, l'arte di essere donna nel XXI secolo

La mia tesi tratta il modo della Geisha, donne di una elevata bellezza. La tesi esplica le varie fasi dell'addestramento di una Geisha, che non è una prostituta, come molti Occidentali sbagliano a definire.
Il mio interessamento verso questa figura è nato quasi per caso, iniziato con la visione del film Memorie di una Geisha.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1 INTRODUZIONE “Il mondo del fiore e del salice”, cosi è chiamato il mondo in cui vivono le geisha, e proprio queste ultime sono oggetto della mia tesi. Le geisha, com’è ben noto a tutti, sono delle splendide donne che decidono di sacrificare la loro esistenza all’intrattenimento dell’uomo e infatti molte volte sono additate come prostitute. Prostituta è la parola meno adatta per definire una geisha, perché queste donne sono artiste della seduzione e riescono ad attirare l’attenzione di un uomo anche con un solo sguardo. Nei giorni nostri quale donna può affermare che, guardando un uomo negli occhi, riesce a farlo “capitolare” con un solo sguardo e soprattutto non scoprendo niente del proprio corpo; essere geisha quindi vuol dire conoscere i dettami della seduzione e usarli al solo scopo di intrattenere un uomo. Non è difficile capire perché io abbia scelto di parlare proprio di loro. Il motivo è molto semplice e di facile intuizione: considero le geisha la “quintessenza” della donna e va da sé che io voglia fare capire alle mie coetanee, e non solo, qual è il modo giusto d’essere donna nel XXI secolo. Un altro motivo che mi ha spinto a parlare della geisha è “Memorie di una Geisha”, un film molto interessante tratto dall’omonimo libro di Arthur Golden; il lungometraggio ha colto bene il sacrificio cui bisogna sottoporsi per diventare geisha e soprattutto quanto possa essere difficile vivere una vita senza amore. Il film mi ha fatto capire anche quanto è duro per una bambina dovere imparare fin dall’infanzia le arti della danza e della musica senza sapere che la propria vita futura sarà interamente dedicata a fare dell’arte e dell’eleganza il proprio stile di vita. Io ammiro molto queste donne perché, da occidentale, non riuscirei mai a intraprendere una vita di questo tipo senza sentire il peso, prima della solitudine e poi dei mille sacrifici. L’idea che sta alla base di questa tesi è il poter far cambiare idea a coloro i quali considerano le geisha come donne di facili costumi; esse viceversa sono delle artiste della seduzione e le donne occidentali avrebbero solo da imparare da queste donne dalle labbra rosse. Secondo la mia modesta opinione, le donne hanno molto da capire riguardo ai segreti della seduzione, perché spesso si pensa che più lembi di carne si mettano in mostra più l’uomo sia attratto da noi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Sara Baglioni Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3991 click dal 16/05/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.